Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Nei tuoi pensieri...
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Le mie teorie

Faccio teorie che possono andare bene, che fanno collegamenti intelligenti e traggono conclusioni convincenti ma poi, quando si tratta di praticare ciò su cui ho fantasticato, faccio cose assurde.
Lotto per qualcosa, faccio cose strane e dolorose per mostrarmi interessata a quella cosa, in grado di tranquillizzarmi, ma quando questa finalmente si accorge del mio bisogno e mi corre incontro, io mene frego, nel vero senso della parola e giro le spalle.
A volte ho bisogno di aria fresca, pulita, naturale. Ne ho tanta necessità, per poter diminuire la mia ira e alleggerire il peso che ho dentro.
Alzo le tapparelle e metto fuori il capo, per poter differenziare tra il clima che c’è a casa e l’ambiente che, invece c’è all’esterno.
La casa è piena di problemi ... la detesto così tanto, perché porta l’abitudine come titolo, come missione giornaliera. Non fa altro che farti praticare la stessa routine e, fare medesime cose ogni santo giorno, scoccia un po’ la vita.
Fuori è tutta un’altra storia. Fuori si respira la libertà, il senso di appartenenza a qualcosa di sconosciuto, elettrizzante che fa vibrare il cervello di piacere.
Perché sono così io? Perché lascio andare via delle cose che, per ottenere, ho rischiato la sofferenza e tutti i tipi di dolori? Perché le cose che ho nel palmo della mano non mi appartengono?
Quando giro le spalle e me ne vado, la gente ci rimane male, perché non riesce ad apprezzare il perché del mio scorretto comportamento nei loro confronti ma, purtroppo, non sa che sono arrivata a certi livelli allucinanti e che, precedentemente, ho sofferto per raggiungere una cosa che volevo, ma che vedevo in un punto tanto alto, quasi irraggiungibile.



Share |


Racconto scritto il 14/08/2017 - 14:04
Da Rajaa Sarboub
Letta n.123 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Un momento di confusa introspezione....ben percepita dal lettore.
Comlimenti

Annamaria Palermo 16/08/2017 - 16:24

--------------------------------------

Sarò sincero: c'è del contenuto esistenziale in questo brano, tuttavia penso che si possa esprimere con maggior chiarezza e completezza, mettere a posto la punteggiatura, che l'autore per primo capisce di essere incerta in varie parti del narrato. Poi qualche refuso...come io mene frego...anziché me ne frego... ciaociao, buona evoluzione narrativa, quindi.

Spartaco Messina 14/08/2017 - 18:59

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?