Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'orto della libertà

Quando ero molto giovane, sentivo crescere un grande bisogno di libertà, che aumentava mentre ampliavo la mia percezione del mondo.
Una libertà che sembrava irraggiungibile, talmente distante, al di fuori delle mie colline.
Raccoglievo le pietre, separandole dalla terra, per migliorare il raccolto del grano.
Quella che si definirebbe una bonifica.
E mi sentivo prigioniero della troppa fatica… per la mia età.
Poi ho esplorato le valli e le città. Ho sperimentato le strade illuminate sempre a giorno, ma ho sempre avuto la sensazione la libertà si trovasse altrove.
Non so se si tratta di saggezza, o di consapevolezza, o chissà cos’altro.
L’istinto mi dice di rimanere su questa collina, dove sono giunto a fatica… e quasi per caso.
Mi sto ancora organizzando, ma penso che ritornerò a raccogliere le pietre, grandi e piccole, per costruire il mio orto… della libertà e della serenità.



Share |


Racconto scritto il 15/09/2017 - 09:03
Da Francesco Gentile
Letta n.148 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti


E grazie ancora..

Francesco Gentile 22/09/2017 - 14:07

--------------------------------------

Interessante la tua riflessione,
facciamo un lungo giro per tornare da dove siamo partiti,la nostra pace sta in quello che eravamo all'inizio, ricordarci ciò che da bambini amavamo ci restituisce a noi stessi.

Grazia Giuliani 16/09/2017 - 18:11

--------------------------------------

Il tuo orto Francesco mi fa pensare ad un mandala... dove si specchiano i veri sentieri e sentimenti, la radice rimane nella profondità della terra per scoprire che con la consapevolezza si può volare in piena libertà...le pietre trasmettono saggezza ed energia, tanta energia. Buon sabato sera e un abbraccio

margherita pisano 16/09/2017 - 18:03

--------------------------------------

Ho trovato il tuo racconto bello e delicato. Condivido la scelta finale e la consapevolezza che la la vera libertà dobbiamo coltivarla nel nostro piccolo orto
Ciao

Patrizia Lo Bue 16/09/2017 - 16:08

--------------------------------------

Dolcissimo racconto che parla di te, del tuo piccolo e meraviglioso mondo il solo capace di farti sentire amato e libero!
Ciao

Ilaria Romiti 15/09/2017 - 23:37

--------------------------------------

Saggia riflessione che condivido.... ti auguro di riassaporare quel sapore di libertà e serenità!

ANNA BAGLIONI 15/09/2017 - 14:55

--------------------------------------

Molto bello, ben scritto e con metafore calzanti. Tratteggiato col pennello il tuo percorso di vita...interessante, anche questa tua visione della felicità, e condivisibile. Bravo francesco... 5* anche come prosatore. Ciaociao

Spartaco Messina 15/09/2017 - 12:58

--------------------------------------

Un racconto breve eppure efficace nel suo messaggio direi bucolico. Tornare alla collina è come un viaggio a ritroso nel tempo e nel ricordo. Giulio Soro

Giulio Soro 15/09/2017 - 12:47

--------------------------------------

La libertà sta nel poter godere delle piccole, semplici cose in assoluta serenità.
Un breve racconto ricco di saggezza.

Mimmi Due 15/09/2017 - 11:09

--------------------------------------

È un buon pensiero... È vero che si Anela a vivere diversamente ed è giusto esperimentare nuovi modi di vita,Ma ilvecchio, il vissuto, rimangono nel cuore . Col tempo si capisce che la libertà è proprio ciò che ci pareva una prigionia. Condivisa.

Teresa Peluso 15/09/2017 - 10:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?