Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Senza ispirazione

Non so esattamente cosa scrivere, ora che l’ispirazione sembra vagare come le nuvole che fuggono oltre la mia vista, mentre le altre passano indifferenti.
Non lo so, dovrei tuffarmi in questo bel giorno, che offre luce fresca e profumi d’autunno, eppure non faccio altro che pensare a vuoto, come se il presente e il futuro non fossero poi così importanti. Proprio io che ho scritto poesie dicendo: Vivi Ora! Eh... ahahahah... che strana la vita!
No, oggi non sono ispirato, o forse non mi va di pensare o scrivere cose importanti.
Preferisco camminare solo con la fantasia, su uno strano viottolo che mi si affaccia alla mente, neanche troppo malinconico, un po’ polveroso e abbandonato, dove nessuno passa da tanto tempo; troppo ormai.
Sul ciglio vedo i sassi raccolti da chissà quali mani, e tra l’erba alta spunta il mio vecchio cane che insegue una lucertola nella sua tana.
Abbaia eccitato, il mio cane, per qualcosa che si muove tra le sue zampe.
E trovo la coda, quella della lucertola, che si agita come un meraviglioso inganno della natura.
Non mi rimane che proseguire questo nuovo viaggio, con la coda della lucertola tra le mani, senza chiedermi dove mi porterà.
Poi vi racconto il seguito, con un altro spicchio di prosa…



Share |


Racconto scritto il 21/09/2017 - 13:37
Da Francesco Gentile
Letta n.204 volte.
Voto:
su 13 votanti


Commenti


Bello, molto. Un racconto nel quale l'esperienza dello scrittore appare evidente. Infatti con la scusa di non avere ispirazione si inizia un percorso narrativo che andrà probabilmente molto lontano. In pieno accordo con tutti i commenti, ed in particolar modo quello di A. Strada quando parla di figura retorica della "preterezione" la quale consiste nel "fingere" di non voler dire nulla, mancando l'ispirazione, e poi invece lo si dice a chiare lettere, andando anche oltre. Io ho dato il max voto.

GianMaria Agosti 26/09/2017 - 15:44

--------------------------------------

Una singolare, personale interpretazione della figura retorica della preterizione o paralissi che dir si voglia: l'autore dichiara di non essere ispirato a scrivere ma questa mancanza di ispirazione diventa essa materia del racconto, si fa scrittura. Il foglio non resta bianco; la penna non giace su di esso immobile ma risponde ad una impellente ispirazione. Piaciuto. 5* Aurelia

Aurelia Strada 23/09/2017 - 14:24

--------------------------------------

Francesco, io penso invece che questi momenti di vuoto siano fondamentali affinchè il nostro cervello possa rigenerarsi e spianare la strada ad un nuovo "noi", a nuovi sentieri e nuovi slanci.
Comunque queste tue considerazioni mi sono piaciute e, nel frattempo che l'ispirazione ti faccia visita, ti regalo volentieri 5* meritate

PAOLA SALZANO 22/09/2017 - 17:49

--------------------------------------

Senza ispirazione?
Invece sei bravissimo

Mary L 22/09/2017 - 15:35

--------------------------------------

Grazie mille, davvero. Sono un po' scombussolato e confuso in questi giorni.. ah ah ah
Ma vi ringrazio, e mi scuso di cuore per non essere riuscito leggere tante belle opere, che quì scorrono come un fiume. Cercherò di recuperare. Un abbraccio a tutti

Francesco Gentile 22/09/2017 - 13:44

--------------------------------------

FRANCESCO G. Sei bravissimo anche in prosa. Basta seguire il sentiero del ricordo e le parole crescono come i fiori. Raccontaci delle valli e della natura come fai nelle poesie...le tue saranno storie meravigliose. Notte

mirella narducci 21/09/2017 - 23:34

--------------------------------------

Molto spesso mi trovo nella stessa tua situazione...forse ci incontreremo in quel viottolo polveroso, chissa'....

ANNA BAGLIONI 21/09/2017 - 22:20

--------------------------------------

Tra una ispirazione e una non, lasci sempre un'impronta che continua... prosa o poesia scrivi con emozione e si coglie sempre...Ciao Francesco bella la coda della lucertola tra le mani ad indicare la strada!

margherita pisano 21/09/2017 - 22:07

--------------------------------------

Sei stato ispirato dalla mancanza di ispirazione...
Curiosa introspezione

Grazia Giuliani 21/09/2017 - 21:52

--------------------------------------

Però, Francesco, lo vedi? Anche senza ispirazione riesci a scrivere sempre qualcosa di interessante, perché sei bravo a prescindere. E quindi... scrivere ti tocca!
Buona serata, ciao!

andrea guidi 21/09/2017 - 19:07

--------------------------------------

Sei bravo anche quando, secondo te, non hai ispirazione.Semore molto attento e descrittivo.

Teresa Peluso 21/09/2017 - 18:56

--------------------------------------

Racconto coinvolgente sulla difficoltà a scrivere un racconto... Bello comunque. Giulio Soro

Giulio Soro 21/09/2017 - 18:14

--------------------------------------

Uno scrittore l'ispirazione riesce a trovarla anche dal poco: basta un'immagine e via, ecco stampato qualcosa di sorprendente!

Giulia Bellucci 21/09/2017 - 16:04

--------------------------------------

E io sono curioso di leggerlo, quel prossimo spicchio di prosa... magari ci provo pure io, prima o poi. Tschau.

Antonello Abeni 21/09/2017 - 15:42

--------------------------------------

Un po' come mi sento io, hai saputo magistralmente descrivere uno stato d'animo di vuoto apparente ma poi in fondo è così vuoto se si scrivono delle bellissime opere come questa? Complimenti sjnceri

Anna Rossi 21/09/2017 - 15:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?