Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Sensazioni...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
Sorriso di velluto...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...
Notte d'estate...
Emozione pura...
Momenti...
A ricordo di un amic...
SILENZIO TOMBALE...
Piu del cielo Più d...
destino...
Il mio primo passo d...
C'è un limite...
Baldanza....
La bella rosa...
UNA NUOVA STORIA...
la domenica...
TU...
Tra vermiglio cammin...
PURA PASSIONE...
Il mago di Froc...
Rosa in russo...
Abissi...
DISASTRI 20\\ 04\...
Regalami un sorruso...
Chissà pirchì...
L'Arte ci permette,d...
Insalata...
memorie di sartoria...
L'alzabandiera...
Sulla strada di casa...
Idilliache visioni...
Nella polvere dei so...
Haiku 2...
Superlativo...
Tempesta...
COME LA LUNA...
Non è la verità che ...
Mestiere...
Dialogo.........
...nella notte...
Insieme ce la faremo...
Nulla accade per cas...
Volersi bene ma non...
Voglia di miele...
Armonie...
Amore a distanza...
ombre......
AMAMI IN OGNI STAGIO...
Diario di versi che ...
Sei la mia donna...
La via dell'attempat...
ASCOLTO...
Siamo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Quel vino rosso rosso slavato

Dal profumo che si era sparso per la casa, si capiva che il dolce era riuscito; mele, fichi secchi e la nostrana uva nera erano finiti nell’impasto e avevano reso il dolce una bontà. Almeno questo era stato il gradimento dei commensali, riuniti per il pranzo durante la giornata in cui si vendemmiava. Il padrone di casa aveva aperto una bottiglia del suo vino; di colore rosso slavato, dal sapore gradevole e frizzante, anche se non poteva certamente vantarsi di chissà quale etichetta, faceva bella copia con il dolce di Teresa. Al pomeriggio si tornò al vigneto, la nebbia del mattino se ne era andata e al suo posto un bel sole dava calore e buonumore. Tra i filari una lunga fila di colorati secchi in plastica si riempiva presto di grappoli, qualche cesta superstite di lontane vendemmie faceva ancora bene il suo compito e chiacchiere questo o su quello riempivano l’aria, dove nugoli di fastidiosi moscerini la facevano da padroni. Qualcuno ogni tanto svuotava i secchi nel carro che avanzava lentamente sopra un mare di foglie accartocciate. Si era addentro all’autunno e quella era l’ultima uva che si raccoglieva, poi il vigneto sarebbe entrato nel suo riposo invernale. Nei giorni seguenti si sarebbe torchiato l’uva e il profumo del mosto profumava la cantina dove le grandi botti aspettavano di riempirsi del vino novello; vino questo che avrebbe accompagnato i pasti della famiglia durante tutto l’anno. Una piccola parte il papà di Teresa l’imbottigliava, giusto qualche bottiglia da aprire per le feste e le occasioni importanti. A Teresa piaceva il gusto di quel semplice vino e a tutt’ora predilige il vino rosé a ricordo di quel semplice vino rosso slavato, ma leggermente frizzante che faceva il suo papà.



Share |


Racconto scritto il 14/10/2017 - 16:34
Da Ivana Piazza
Letta n.237 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?