Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Nei tuoi pensieri...
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Gli abeti nella sera...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...
Come Peter Pan...
The end...
La folle corsa......
Novembre...
COSPIRAZIONE...
PALESTRE di VITA (pr...
L\'attimo...
C'è un cadavere nell...
Gocce...
Come gocciola la neb...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La mia fidanzata Annettina, quella imbrogliona. A me zita Annettina … Chidda farfalluna

Brano in italiano e in dialetto siciliano)


Dolce mia amata Annettina
Dove sei andata in tutta fretta stamattina?


Sei volata al mercato a fare delle strane spese,
di quelle sconvolgenti ed eccitanti?
Non è che per caso hai fatto altre cose un tantino provocanti!


Perchè… uno strano uccellino canterino
mi ha riferito…
che ti hanno vista accompagnata a quel… mio cugino,


Te lo ricorderai di certo chi è?
Proprio quello che dicevi che più fico, prestante, al mondo non ce n’è,
e che ti piaceva averlo come un vero re.


E me, che credevo d’essere il tuo innamorato,
mi hai lasciato da solo, come un minchione buggerato.


L’ho capito adesso che ti piace comportarti come una farfalluzza,
e perssonalmente, non mi va più, fare la parte di una rancida cocuzza.


Ho l’impressione che questa mia che consideri testa grossa da zuccone,
sia diventata oramai acida e rancida come la ricotta in un cestone


Non mi va più di stare a te accompagnato.
Mi senirei come un allocco o un brutto pulcino impantanato.


Vattene! Te lo dico senza astiosità.
Ti lascio libera di giocare in piena e assoluta libertà.


Divertiti pure con i cuori dei picciotti che con te vogliono scherzare.
Con ciò non ti voglio di certo biasimare.
Il tuo comportamento è stato losco, ardito e sconsiderato,
imprudente, traditore e pure nettamente svergognato!


Il motivo è che non voglio più, come un’emerito scimunito, comparire.
Di corna e diramazioni sulla mia capoccia,
non ne voglio più tenere.


Ti dico adesso, che quanto prima te ne andrai,
farò di corsa una gran festa,
che più bella al mondo, di certo, non se n’è vista mai.


In dialetto siciliano
Bedda mia Annittina
Unni ha statu stamatina?


Ti n’isti o mercatu a fari spisi?
Nun è ca pi casi facisti autri loschi cosi!


N’ucidduzzu canterinu,
mi dissi… ca ti visti accumpagnata cu me cuscinu.


U sai cu è?
Chiddu ca mi dicivi ca chiù beddu nun ci n’è!
Ca ti piacissi avillu comu re!


E iu ca cridiva d’essiri u to innanuratu.
Inveci mi lassasti sulu e impusulunatu.


U vidu ca a tia piaci essiri na farfalluzza.
E mancu a mia piaci fari a fiura di na cucuzzza.


Ora, haiu l’impressioni ca sta cucuzzedda
divintò acida comu a ricotta na vascedda.


Nun mi va chiù di stari cu tia accumpagnatu.
Mi sentu un passuluni e puri nu bruttu puddicinu vagnatu.


Vattinni.
Ti lassu libera di iucari
chi cori di picciotti ca cu tia vonu babbiari.
Nun è ca, cu chistu, ti vogghiu rimproverari,
u to tintu cumportamentu accussì arditu!


U fattu è ca nun vogghiu passari
pi n’emeritu scimunitu.
Di corna e curnicedda
nun ni vogghui purtari na me testa.


Ti dicu sulu ca quantu prima ti ni vai,
fazzu, di cursa, na gran festa.


(Brano tratto dal libro dello stesso autore: “Disegni d’autore e poi… Serenate, Canzoni, Cantilene, lamenti, e litigi d’amore” Ediz. Youcanprint self publishing. Settembre 2015.
L’immagine ad acquerello allegata, così pure le altre che accompagnano i precedenti brani, sono dipinti dello stesso autore, creati per illustrare propri libri di fiabe)




Share |


Racconto scritto il 12/11/2017 - 22:00
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.40 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?