Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NATALE S’AVVICINA d...
Il gioco dei dadi...
Insonnia...
Se avessi un francob...
Caspita!...
SOLO L'AMORE E' COMP...
Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
Incipit d'un sogno...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
UN SALUTO...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...
Immagine Marina...
Per te...
Verrò....
POESIA DI NEVE...
DOLCE TORMENTO...
L’innocenza del carn...
Le burla di Cappucce...
In paradiso...
un guizzo…....
IL CAPRO ESPIATORIO ...
Io e il blu...
Troppi anni dopo......
Nevica...
Le lune di Dalla...
RIFLESSIONE - ORME F...
DONARE SE STESSI...
oasi...
Il destino del però...
Dove sei ora...
SARO' PER TE ...
SENTIMENTO...
Il torto del padre...
ho vagabondato in ce...
Pensieri d'Amore...
Piccola chiave...
Anche le bugie posso...
Così amo...
PRIMAVERA DENTRO ME...
La via di casa....
Riflessi...
L'inizio di una gran...
La nebbia negli occh...
L unione degli eleme...
Un ultimo gesto....
Se...
Niente fretta, Auré!...
La promessa...
Daiee!...
Il Carisma...
Ninna Nanna...
CORALLINA...
ANGELI...
Giochi di fantasia...
ECO INFINITO.......
CLOWN...
Questo strano. Senti...
Gocce d’acqua...
Solo un sorriso...
Fiori Liberi...
La vita mi schiocca ...
Girotondo tra le ste...
LA LUNA NON SI SPEGN...
Milano vanesia...
Guarderò la luna mor...
Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La pulizia

La pulizia


Mi hanno ordinato di alzarmi.
Ed io mi sono alzato anche se non riconoscevo l’autorità del giudice che me lo ha chiesto.
La corte è un’accozzaglia di fantocci, un teatrino, messi li per fare pulizia.
Anche io so fare pulizia e l’ho fatta ed anche bene.
Ho combattuto per la patria, ho estirpato gli invasori che hanno avuto l’ardire di mettere radici.
Li ho cacciati. Volevano impossessarsi della mia terra, di fabbriche, case, distruggendo i nostri palazzi, le nostre chiese.
Sono un capo. Si ho ucciso, ho dato ordine di uccidere. E lo rifarei di nuovo.
“L’imputato è riconosciuto colpevole dei crimini……”
Condannato !
Condannare me ?
Ma non finirò in gabbia io !


Estrasse da una tasca una boccetta e trangugiò un liquido, poi si sedette, rimase ancora vagamente lucido per poco, a sufficienza perché gli apparissero i volti di una moltitudine di bambini straziati dalle bombe esplose, la schiena di uomini crivellati dalle mitragliatrici, esplosioni e crolli di ponti, case distrutte e incendiate, tante, tante macerie da cui spuntavano esili mani di donna ancora vive, insanguinate che lo braccavano. Si sentì avvolgere dalla vampa del lanciafiamme e iniziò a roteare gli occhi, battersi per spegnere le fiamme che lo divoravano. Si senti prendere, il freddo delle catene ed il buio.




Share |


Racconto scritto il 07/12/2017 - 17:57
Da Roberto Colombo
Letta n.34 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?