Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L' ODIO E' UNA LU...
IL TEMPO DELLE CONC...
Stelle si accendono ...
NUTRIMI...
NEL PIÙ ROSEO DEI MO...
Orizzonte...
L’EREDITA’ SPARTITA ...
Tutto era sogno...
L'arte del sorriso...
alzando gli occhi...
Tutto...
Peccato di gola...
La notte...
Viaggio dentro me st...
Tutto scorre......
Io fuggo...
STUPORE...
INGANNEVOLI APPARENZ...
E' estate e sono vec...
Malattia...
Salve, sono Lupo...
Non è da uomini......
Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lupo Solitario

USA, Texas, 1858 o giù di lì.


Per tutti era il Lupo Solitario della valle solitaria, non poteva essere altrimenti, in quella valle c'era solo lui.
Correva in lungo e in largo per la valle, tutto il giorno, tutti i giorni. Almeno una o due volte al mese correva anche di notte, forse la luna, chissà! Cacciava qualche coniglio, ogni tanto e lo nascondeva nella sua tana. Quando pioveva non andava a caccia e la fame mordeva.
Fortunatamente in quella valle c'erano tanti conigli e poche giornate piovose.
Un giorno, Lupo Solitario, vide un branco di suoi simili attraversare la valle. Non si mosse dal suo nascondiglio.
Il capo branco si staccò, lo aveva visto dietro ai cespugli.
Cominciò una furiosa lotta, per la conquista del territorio l'uno, per la conservazione l'altro.
Il capo branco fu sconfitto e se ne andò con tutti i lupi.
Quell'anno l'inverno cominciò prima che l'estate finisse. A settembre già nevicava e la valle si coprì di una spessa coltre di neve. Lupo Solitario continuò a correre e a cacciare come se nulla fosse successo tanto che, dalla neve, gli uscivano solo le lunghe orecchie grigie.
La cosa fece il giro delle valli vicine.
C'è sempre qualcuno che vuole vedere un paio di orecchie muoversi da sole sulla neve.
Quel qualcuno si chiamava Jack, aveva una moglie e una cagnolina, Daisy... splendido esemplare meticcio.
Quando arrivò la neve era ormai sciolta e la valle era colma d'acqua. Jack pensò allora di aver sbagliato strada. D'un tratto però... due orecchie a pelo d'acqua. Era Lupo Solitario che nel frattempo aveva imparato a nuotare.
Titubante e guardingo per l'umana presenza, notò Daisy e da lupo quale era, diede una annusatina alla piccola e capì che la sua vita era stata troppo solitaria.
Jack e sua moglie capirono e non fecero nulla.
Qualche giorno dopo partirono lasciando Daisy nella valle solitaria. In breve tempo la valle assorbì tutta l'acqua e il lupo decise che era arrivato il momento di metter su famiglia.
Insieme a Daisy cercò una nuova tana, cercarono tanto e trovarono una vecchia palafitta a forma di barca.
Lupo Solitario pensò che era l'ideale per le annate e gli inverni piovosi.
Inverni così non ce ne furono più per tanti anni.
Lupo e Daisy rimasero sempre insieme e crebbero tanti piccoli.
Un anno però, le piogge iniziarono presto e la valle fu inondata. Piovve così tanto e forte che i sostegni non ressero all'impeto dell'acqua e la tana cominciò a navigare.
Navigarono tanto!
Furono trovati mesi dopo da un gruppo di colòni, durante una perlustrazione. La valle era un immenso lago.
"Guardate", disse uno degli uomini,"Guardate dentro", sembra l'arca di Noè.
Ora la valle solitaria é popolata, piena di case e strade, come tutte le valli del mondo.
La chiamano la Valle dell'Arca, ma nessuno si ricorda il perché!




Share |


Racconto scritto il 07/07/2018 - 19:35
Da Loris Marcato
Letta n.102 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Sergio Endrigo l'avrebbe cantata "Sarà come l'arca di Noè il lupo la Daisy e lupacchiotti...!

Glauco Ballantini 11/07/2018 - 10:32

--------------------------------------

Molto bello...ma è vero?

Franca M. 08/07/2018 - 19:15

--------------------------------------

Molto bello...ma è vero?

Franca M. 08/07/2018 - 19:15

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?