Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
Autunno...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...
Scrittura come cura...
DOLCI CAREZZE...
Occhi...
LEGGEREZZA...
TRA LUCE // E // OS...
Forse i codici della...
Il richiamo del vent...
Le sirene di Ulisse...
Quel giorno...
CARO PAPÀ E CARA MAM...
Dieci minuti al gior...
La Coccinella sfortu...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

poesie

Perché poesie?
Mentre il mondo
col volto striato di sangue
ingiusto col giusto
avaro di sorrisi e pietà
complice del lavoro dei fanciulli
dei diritti negati dei padri
getta ai suoi piedi
le speranze dei popoli
li brucia nella storia
affidata a falsi miti:
anche Geronimo sarebbe
stato chiamato terrorista.


Perché pensieri sulle stelle,
sulla morte, sulle nuvole o i fiori
mentre i settanta ladroni depredano indisturbati
tre miliardi e mezzo di uomini che abitano
fuori dal sogno bello
delle Mille e una notte.


Forse perché anche la ragazza
curda che ha trovato la sua libertà
nelle montagne e nel fuoco
ha bisogno di quelle poesie. O forse
perché ovunque le parole
inchiodano i predoni
del tempio anche quando
non gridano la stessa rabbia.
Forse perché poesie dettava
Neruda al gabbiano che sorvolava
le Ande per annunciare la libertà
dell’indio, forse perché
Majakowskij piangeva le lacrime
di un popolo il giorno in cui
Lenin li lasciava, forse perché
la madre di Gorkij
era la madre di tutte le madri,
forse perché le parole
di Spartaco erano poesie
che dall’arena e dal circo
toccavano il cuore a ogni schiavo
dell’Impero e inchiodavano
la parola Libertà su quella
stessa croce strumento
di potere e ricchezza.


Forse perché un giorno,
quando i confini saranno sabbia,
il denaro messi di grano,
gli uomini specchio l’uno dell’altro,
per ognuno sarà finalmente il tempo
di scoprire se stesso.
E quelle parole si saprà finalmente
che furono scritte
non per un empireo lontano
e non per tutti
ma a una parte soltanto




Share |


Poesia scritta il 23/02/2016 - 09:10
Da Giuseppe Vecchi
Letta n.221 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?