Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

VUOTO...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...
Notte d'estate...
Emozione pura...
Momenti...
A ricordo di un amic...
SILENZIO TOMBALE...
Piu del cielo Più d...
destino...
Il mio primo passo d...
C'è un limite...
Baldanza....
La bella rosa...
UNA NUOVA STORIA...
la domenica...
TU...
Tra vermiglio cammin...
PURA PASSIONE...
Il mago di Froc...
Rosa in russo...
Abissi...
DISASTRI 20\\ 04\...
Regalami un sorruso...
Chissà pirchì...
L'Arte ci permette,d...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

poesie

Perché poesie?
Mentre il mondo
col volto striato di sangue
ingiusto col giusto
avaro di sorrisi e pietà
complice del lavoro dei fanciulli
dei diritti negati dei padri
getta ai suoi piedi
le speranze dei popoli
li brucia nella storia
affidata a falsi miti:
anche Geronimo sarebbe
stato chiamato terrorista.


Perché pensieri sulle stelle,
sulla morte, sulle nuvole o i fiori
mentre i settanta ladroni depredano indisturbati
tre miliardi e mezzo di uomini che abitano
fuori dal sogno bello
delle Mille e una notte.


Forse perché anche la ragazza
curda che ha trovato la sua libertà
nelle montagne e nel fuoco
ha bisogno di quelle poesie. O forse
perché ovunque le parole
inchiodano i predoni
del tempio anche quando
non gridano la stessa rabbia.
Forse perché poesie dettava
Neruda al gabbiano che sorvolava
le Ande per annunciare la libertà
dell’indio, forse perché
Majakowskij piangeva le lacrime
di un popolo il giorno in cui
Lenin li lasciava, forse perché
la madre di Gorkij
era la madre di tutte le madri,
forse perché le parole
di Spartaco erano poesie
che dall’arena e dal circo
toccavano il cuore a ogni schiavo
dell’Impero e inchiodavano
la parola Libertà su quella
stessa croce strumento
di potere e ricchezza.


Forse perché un giorno,
quando i confini saranno sabbia,
il denaro messi di grano,
gli uomini specchio l’uno dell’altro,
per ognuno sarà finalmente il tempo
di scoprire se stesso.
E quelle parole si saprà finalmente
che furono scritte
non per un empireo lontano
e non per tutti
ma a una parte soltanto




Share |


Poesia scritta il 23/02/2016 - 09:10
Da Giuseppe Vecchi
Letta n.305 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?