Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Fantocci di paglia

Attendiamo la morte come spenti fantocci di paglia,
appoggiati agli stipiti di una casa pericolante.
Non ci importa dove saremo domani.
È l’oggi che conta.


Ci prepariamo alla cena vestiti di gran gala,
fuggiamo da rovine e vestigie ormai logore.
Seguiamo tracce ancora fresche,
su ispidi sentieri di montagna.


Ci sono due poli e noi siamo in mezzo,
attratti ora da l’uno ora dall’altro.
Cerchiamo di sveltire i procedimenti
che ci condurranno all’attracco.


Siamo lacerati e divisi
come le foglie di un albero.
Siamo bagnati e molli
come una pozza di fango.


Ci rifacciamo a un copione
ormai scritto e comunque già vecchio.
Riempiamo colonne sui giornali,
e aspettiamo il caldo sole primaverile.


Non ci importa cosa succederà domani,
se già l’oggi ci ha dato il benservito.
Tramiamo alle spalle dei più fortunati
e aspettiamo il bolo che ci stringa alla gola.




Share |


Poesia scritta il 03/09/2017 - 10:07
Da Giulio Soro
Letta n.88 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Cruda e veritiera, piaciuta

genoveffa frau 05/09/2017 - 12:59

--------------------------------------

E' una poesia inquietante, se pur bella.In sottofondo appare la gelosia e la rassegnazione.

Teresa Peluso 03/09/2017 - 18:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?