Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Licata

Quando tornavo di sera
col treno da Palermo,
io ancora giovincello
appena passavo
la galleria dopo Campobello,
vedevo le tue luci Licata,
che splendevano come occhi
gelosi da lontano,
simili a quelli della mia tenera amata.


Eri tu che m’apparivi
Bellissima, addormentata,
sopra questo mare distesa,
divinamente adagiata.
I tuoi colori si riflettevano come stelle nel mare
e brillavano d’intenso argento
come nessuno ha mai saputo fare.


Col tuo grande faro
mille baci m’inviavi,
perché mi consideravi
il tuo promesso sposo,
quello più fedele
caro ed amoroso.


Io aprivo subito il finestrino
e sorridendo ti salutavo,
come volessi stringere la mia donna
che da mille anni non baciavo.


Le braccia le tenevi spalancate nel tuo porto
piene di calore.
Lo facevi per proteggere le barchette dal riposo,
avvolte in una nebbia magica d’amore.


Adesso riposa in questa culla di mistero.
Dalla montagna, dal mare accarezzata
e dal potente cielo.


Riposa tranquilla
perché domani
t’aspetta una giornata
piena di dolore.



Share |


Poesia scritta il 25/09/2017 - 09:18
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.81 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Una poesia di profonda bellezza; di amore per "la bella addormentata" tra la terra e il mare. La chiusa sottintende anche un presagio di sofferenza; come spesso accade per le cose umane.. e tuttavia nulla toglie alla dolcezza poetica del testo. Mi è piaciuta moltissimo..

Francesco Gentile 26/09/2017 - 10:54

--------------------------------------

Molto piaciuta questa poesia sulla cittadina di Licata, qui paragonata metaforicamente alla donna amata. Giulio Soro

Giulio Soro 25/09/2017 - 18:16

--------------------------------------

Bella poesia che custodisce il mare come il dono più prezioso.

Vincent Corbo 25/09/2017 - 11:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?