Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



IGNORANZA E MEDICINA di Enio 2

Oggi sto in vena e già ch’è pure festa,
ve vojo ricconta’ de quer dottore...
Prestate orecchio, state a senti’ questa:
sentì bussa’, oprì e entrò un signore
che faticanno a pronuncia’ parola
je disse che ciaveva er mal de gola.


E er dottore: -Mio caro signore,
-Je disse doppo avello visitato-
co’ ‘ste supposte, una ogni quattr’ore
tempo tre giorni e lei sarà sanato.
Percui je do un consijo, senta a me:
se metta a letto armeno giorni tre.-


Disse er criente: -e questa qua è carina-
-Io vojo certo crede che funzioni
ma, come ho da pija’ ‘sta medicina,
pe’ bocca, indovenosa o inalazzioni?
Perché co’ me ce deve ave’ pazzienza,
sa? De ‘ste cose io nun ciò esperienza.-


-Ma quale inalazzioni o indovenosa!
Lei le deve applica’ pe’ via rettale,
perché ‘sta medicina è un artra cosa
vada tranquillo che nun fanno male.
E come j’ho già detto, lei vedrà
che ar massimo tre giorni e guarirà.-


Ar che er criente disse: -Ma dottore,
‘ndo’ la vado a trova’ ‘sta via rettale?-
-Ma che ha capito lei? Caro signore:
l’ha da infilà de dietro, è naturale.
Anzi je dico, pe’ la verità:
le deve spigne giù in profondità.-


-Ah sìi?- Disse er criente- è strano.
-Così l’ho da addopra’? Ma è ‘na parola
mo lei pretenne che me curo er l’ano
quanno j’ho detto che ciò er mal de gola.-
-E stia tranquillo che je l’ho già detto:
se metta ‘ste supposte e resti a letto.-


E così, a lo scade’ der terzo giorno,
er dottore che più nun ce pensava,
se vidde lì davanti de ritorno
er criente che ancora nun parlava.
E je disse: -A dotto’, però ‘sta cura
me pare propio ‘na gran fregatura.


Sa che je devo di’? Che ‘ste supposte
me provocòrno un male, un male cane.
Poi l’ho trovate pure così toste
e doppo l’ho rifatte sane sane.
Dico: vabbe’ che tutto fa verdura,
ma nun è er caso de cambia’ la cura?-


-Porca pupazza! Je arispose er medico.
-Lei ‘ste supposte, come mai l’addopra?
Su la scatola “e badi a quer che dico”
ce deve lègge’ quer ch’è scritto sopra!
E un artra vorta, prima d’addopralle,
abbia la compiacenza de scartalle.




Share |


Racconto scritto il 16/09/2017 - 12:53
Da enio2 orsuni
Letta n.89 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


molto bella
ciao

Rosaria Bottigliero 17/09/2017 - 17:25

--------------------------------------

Sublime e divertente.

antonio girardi 17/09/2017 - 15:50

--------------------------------------

...Sei veramente forte, Ennio !!

romeo cantoni 17/09/2017 - 12:07

--------------------------------------

Troppo forte Enio

Grazia Giuliani 16/09/2017 - 18:13

--------------------------------------

Enio straordinario sempre
e vai!!! un bacio e tutte le stelle dell'universo

margherita pisano 16/09/2017 - 17:27

--------------------------------------

Me fai morí... fortissima... caro Enio, sei troppo forte. *****+++++

Ken Hutchinson 16/09/2017 - 16:38

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?