Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SCARNIFICAZIONE...
La bolla di sapone...
Nel mio cuore ci ma...
La speranza di una p...
Pinocchio...
Il fiore del deserto...
Ho bisogno di te...
Margy...
Amicizia...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Le quattro stagioni

È sotto il cielo di agosto pienissimo di stelle, che ci siamo incontrati. Quando i nostri sguardi sballottati da una curiosità struggente si cercavano. Quando il vento del mare innalzava la polvere dall’asfalto, tramutandola in una scia di meraviglia che penetrava i nostri corpi. Quando la tua bellezza insondabile abbracciava il mistero del mare stordendomi le emozioni. Quando il tuo primo sorriso raggiante di felicità, mi deliziava di un amore irrequieto, sconosciuto, e spumeggiante. È sotto il cielo di aprile accecato dai primi raggi del sole, che ci siamo innamorati. Quando il polline dei fiori esplodeva prepotente, inebriando i vicoli della città, posandosi placidamente sui rami degli alberi appena fioriti. Quando l’aria fresca della nuova stagione, quasi con l’imbarazzo di un bambino alla scoperta di chissà che cosa, lambiva le dolci onde del mare. Quando le prime nuvole del cielo riscoprivano il senso della vita, e pervase da una gioia tumultuosa sembravano commuoversi, scacciando piccole gocce di pioggia che inumidivano i nostri soffici maglioncini, accarezzavano la sabbia, e scricchiolavano come un’incantevole rugiada sui nostri abbracci. È sotto il cielo di dicembre irradiato dalle prime luci del Natale, che ci siamo persi. Quando dei bambini giù nel cortile calciavano un pallone contro un muro di cemento, quando i telegiornali parlavano di guerre lontane e di grattacieli distrutti, quando il mondo andava di fretta verso una fine remota, quando i nostri corpi sono rallentati rispetto alle leggi universali, quando i nostri baci sommersi tra voci insensate, chiedevano aiuto e riparo, quando i nostri sorrisi scheggiati dal caos esistenziale sfumavano mestamente. È sotto il cielo di ottobre pienissimo di alberi sfogliati, che ci siamo rincontrati. Quando le lettere d’amore scritte a mano cessavano di esistere, quando internet sostituiva i veri sorrisi ad un solo click. Quando c’erano file enormi per il prossimo smartphone in uscita, ed un nuovo romanzo in vetrina dimenticato da una vita. È sotto questo cielo di estate, che ci siamo sposati. Quando abbiamo fatto l’amore su quell’isola del sud America ed i tramonti tropicali ci soffiavano sul viso lasciando piccoli detriti di felicità. Quando le tue labbra al sapore di ananas, mi lasciavano la convinzione di avere un figlio. Quando in quella notte fonda di primavera abbiamo scelto il nome. È sotto questo cielo che passano gli anni e la storia delle nostre vite.
Mi torna in mente una storia, a ricordarla divento tutto rosso. Rosso proprio, come quando avevo quindici anni, e ti ho aspettato per la prima volta all’uscita del nostro liceo, sperduto tra quelle colline piene di meraviglia e di incanto.



Share |


Racconto scritto il 14/02/2018 - 15:17
Da Sergio Forfora
Letta n.212 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Quattro stagioni d'amore...
Bellissimo racconto

PAOLA SALZANO 17/02/2018 - 07:45

--------------------------------------

Molto bello,
scandisci la storia d'amore con la vita o viceversa, perché l'una è nell'altro.
Complimenti

Grazia Giuliani 16/02/2018 - 22:23

--------------------------------------

molto bello

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 14/02/2018 - 21:38

--------------------------------------

SERGIO....Capisco perche Laisa si è innamorata del tuo racconto...perche è splendido fresco e la storia assomiglia a molte delle nostre.I particolari la fanno tua, impostandola nelle stagioni la tua vita a seguito tutte le fasi del suo divenire. Un modo molto particolare di raccontare. Complimenti le mie 5* sono tue.

mirella narducci 14/02/2018 - 19:40

--------------------------------------

Mi sono "innamorata" del tuo racconto

laisa azzurra 14/02/2018 - 19:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?