Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...
La sorpresa...
In via del Sandalo (...
Mia Signora della Te...
Sei solo...
VILLA DORA PAMPHILIJ...
Non ricordare Non di...
COSA SONO PER ...
La farfalla ( Storia...
Come un'onda...
Arsenica (Logica o p...
AMAREZZA...
Rosa di monte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La colazione

Sono venuto da te
la notte
e già attendevo il mattino
dopo,
la promessa di quell'alba tardiva
che cola
sopra le tegole di Roma;
ti è sfuggita un'onda,
forse due
- allungate col caffè -
le ho raccolte nelle conche delle mie mani,
per abbeverarmici,
il tuo sorriso poi
mi ha soccorso quando
credevo che
consegnarti un pacchetto
di premure
servisse poco
a domare la tua placidità
così simile alla mia,
o la quiete che rimbomba
negli spazi acuti
lì in fondo ai tuoi occhi,
la pupilla da gatto
che gioca col gomitolo
dei miei lanceolati,
e mentre si alternavano
i silenzi miei con i silenzi tuoi
un boato si faceva spesso
sempre di più,
calava giù dai Castelli
là su i monti
verdeazzurri che salutavano
il tuo balcone,
ma tu non lo sentivi.
Svegliati, diceva,
e se si rivolgesse a me
a te
o a entrambi
non so dirtelo,
ma se dovessimo svegliarci
insieme, io e te,
la notte faticherebbe poi
ad averci di nuovo.


Share |


Poesia scritta il 22/09/2018 - 12:17
Da Matih Bobek
Letta n.228 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Molto bella

Teresa Peluso 22/09/2018 - 20:51

--------------------------------------

Molto bella

Teresa Peluso 22/09/2018 - 20:51

--------------------------------------

bella

Francesco Cau 22/09/2018 - 20:32

--------------------------------------

stupenda

laisa azzurra 22/09/2018 - 16:36

--------------------------------------

Poesia molto bella.

Antonio Girardi 22/09/2018 - 15:09

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?