Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Bergamo...
HAIKU GENDAI...
La vita sussurra...
GRIDA IL TUO DOLO...
Giovenale Rionale...
Luca e Alba...
Cambiare...
Amici...
Fantasma...
ANIMA...
CLIC...
Attratti e distratti...
Non sono mai sola...
Vecchio scarpone...
Le notti di D. sfuma...
APPRODO...
Uno sguardo sul Mare...
Il distacco...
Soppalco...
Cnosso...
La nostalgia dell'im...
La dimora dell'anima...
Gioacchino spigionat...
Adesso Tube (parodia...
Frammento di un'esis...
Tra la vita e l'asfa...
Leggiadra terra mia ...
SOLITUDINE UNA ...
Causa, effetto che s...
Niente grigio...
Persino oggi...
Al mio caro amico Fr...
il corpo ignorato...
Felice d’esserci pur...
Chi si assomiglia si...
I cervelloni...
La pace del bosco...
RICORDI...
Gli Idoli imparano ...
I semi della cattive...
Chi chi chi co co co...
Su carta di bottigli...
L'Istante...
Festa rionale...
Una voce nel deserto...
La mia compagna...
AMORE LETALE...
La bella storia di P...
A mia moglie Gabriel...
Sangue nero...
Batacchio fuor di ca...
GENDAI...
La mia fortuna che a...
Echi...
Per O...
Amilcare il pagliacc...
Senza peli sulla......
BIANCO E NERO...
Il Rimpianto...
ore 12...
Senza fretta...
Cammino sulle nuvole...
VECCHIAIA ADOLESC...
Il pensatore...
Riflessioni di un me...
Gabbie...
Indifferenti...
Spazi infiniti...
Scarpe di vernice (…...
Nel mio silenzio...
Il Cavallo Romano*...
Sussurri d'amore...
PIOGGIA PIANTO D...
RABBIA...
Perle nella rete...
Katauta...
Le bettole...
Mercato rionale...
Dolce presente...
Canale (sottile velo...
La casa abbandonata...
A' MAMMA (festa del...
L'Alpino...
Infinito Silenzio...
E ti ho amata...
Ogni bambino trova i...
FACCE...
Corre il Vento...
CONSAPEVOLEZZA DI...
Fragile...
Andarsene...
Un bocciolo di rosa ...
Il tunnel e il mare...
Cura...
Il movimento dell’ac...
Quando l’ironia fa p...
Di un pensiero antic...
...che adulto non lo...
Riscrivi la storia c...
Cento occhiali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

La paura addosso... quando il bullismo fece di me una vittima

Le istruzioni sono:

Immagina o racconta


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Ricordando

Sono certa che ogni persona, soprattutto da bambina/o o in età adolescenziale, sia stata vittima di bullismo e se questo non è accaduto molto probabilmente si trova dall'altra parte della storia, il carnefice.
Quando questo si limita a parole offensive,capita di renderti conto effettivamente del peso di una sola parola se sei dalla parte di chi la riceve, ma se sei la parte che la sputa come fosse un semplice ciao allora credo sia difficile afferrarne il peso. Invece, quando a ciò si aggiungono maltrattamenti fisici allora non possedi la benché minima consapevolezza dei tuoi gesti, da qui cinismo e cattiveria; anche se ahimè diversi studi hanno scoperto come bullo e bisogno d'amore/attenzioni soprattutto da parte del suo nucleo familiare vanno di pari passo, quindi riflettendo così cinici poi non sono, forse hanno finito ogni minima possibilità di riceve quell'amore a cui hanno diritto come ogni persona su questo mondo.
Certo questa è una classificazione molto generica, infatti sappiamo benissimo che come ogni argomento può racchiudere varie sfumature soprattutto per chi come me non ha mai creduto nel tutto o bianco o nero.
Purtroppo o perfortuna, io faccio parte di quelli che hanno subito e se ripenso a quel periodo ho diverse sensazioni.
Ricordo la sensazione di sentirmi così diversa dai miei coetanei, e allo stesso tempo così priva di speranze in un futuro prodigioso perché magari portavo il peso di una classe sociale che teoricamente era stata abolita anni fa. Ricordo la sensazione di essere esclusa, perché magari fuori moda, anche se oggi preferisco definirmi unica e non omologata. Ricordo la sensazione di vedermi brutta perché magari mia madre non pensava di insegnarmi a farmi bella con qualche strappo di ceretta o un lucidalabbra rosa ma preferiva lasciarmi semplicemente essere.
Ma ricordo soprattutto la paura, ormai privata della mia autostima,tanto da non credere di poter mai affrontare una difficoltà con la sicurezza di una ragazza che non ha dovuto lottare con queste discriminazioni, una ragazza che non ha mai dovuto mettersi in discussione per il semplice fatto di esistere.
Ed ancora oggi ricordo a me stessa quello che non voglio mai essere, una di loro.



Share |


Scrittura creativa scritta il 01/05/2024 - 18:03
Da Sara Ciuffreda
Letta n.123 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?