Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Lettera ad un immens...
Un diverso atteggiam...
Una rosa di notte...
Haiku 9...
Non so se sia giusto...
LETTERA A MIA MAMMA...
A quest’ora le nuvol...
E poi cadi......
L’occhio Destro....
RICORDO DEL PRIM...
Fiume...
GIORNO NEBULOSO...
Messaggio in bottigl...
PER TE...
COSA C'È...
EUROPA...
La notte alle porte...
Un bambino mai nato...
Scrivere dislessico...
PORTAMI NEL TUO MON...
Le parole che.mancan...
Quand\'è che riuscia...
A mia madre...
PRIMAVERA...
Svanisci...
Ics...
Lacrime di nostalgia...
Come stai...
Come volevi tu...
PREGHIERA DI UN BAMB...
Duetto verde bottigl...
DIMMI...
L’importante è esser...
Non dimenticarmi...
BAGNO A MEZZANOTTE...
ARMIAMOCI DI AU...
Haiku 3...
Impara a respirare...
LA TRAGEDIA DELLA VI...
tramonto di maggio...
Cap 4. I Delitti Del...
TU LA CHIAMAVI MAMMA...
Sei tu soltanto...
IL suonatore di seni...
Scomparsi...
Giorni amari...
Realtà Surreale...
Chi sono?...
Lontano è qui?...
Stella Regina (filas...
Bali...
SE POI ANCHE IL CIEL...
Libertà e finzione...
Addio...
Tu che vivi nell'ing...
Sto bene...
Nel segno del cancro...
Universo...
Haiku L...
C'era una volta......
Il volo del Gabbiano...
Tra cento anni…...
Febbre...
Primavera montana...
Haiku c...
ASPETTARE...UN ABI...
Ritratto...
I commensali...
La voce del silenzio...
La burba...
Portami dove sei fel...
Senza timore...
VITA DA NONNO...
Haiku 6...
Il mugnaio...
ANIMA NUDA...
...di lei con me...
Nonostante tutto...
IL CUORE DEL RE...
Manca...
Nessun verbo...
Se la passione è il ...
In immensità di sogn...
a giovanni falcone...
VORREI PARLARTI...
Due vecchie amiche...
Il volto di mia madr...
COME SPIGA...
Cresce bene il bambi...
Di te...
Solo un sorriso...
LA REGINA MORGANA...
Temo la morte come l...
Chiesetta di San Gio...
…...
MAMMA...
Cent'anni di solitud...
Sicurezze...
Il cacciatore...
fibromialgia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Dal significato melenso

Quell'oasi piccolina piccolina
al centro di una civiltà.
Era fatta di persone che si tenevano per mano
e ti tendevano una mano
per soccorrerti
per rimetterti in pista.
Avevano uno scopo nobile da portare avanti.
Era invidiabile la loro solidarietà.
Quell'oasi piccina piccina...
Mi recavo in essa ogni volta che volevo
che potevo.
Percorrevo la strada di corsa
accompagnata dalla tachicardia
ma varcata la soglia
quello che sentivo era
un po' di quiete.
Ogni qualvolta, percepivo che era il posto giusto per me!
Ero ben accolta.
Nessuno mi giudicava.
Potevo lagnarmi a dismisura.
Potevo dar sfogo a rabbia.
Potevo anche buttarmi a terra e scalciare.
Potevo strapparmi ad uno ad uno tutti i capelli.
Se solo avessi voluto.
Ed ero ben accetta lo stesso.
Tutto ciò che facevo era giustificato.
Potevo anche mostrare
il segno lasciato dal mostro
che una volta, una volta soltanto, mi aveva uccisa,
e nessuno si impressionava per questo,
ma tutti mi apprezzavano ugualmente.
Quell'oasi piccolina piccolina...


Share |


Poesia scritta il 15/04/2019 - 15:25
Da Maddalena Clori
Letta n.78 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Particolare e originale la tua poesia!!!

Maria Isabel Mendez 15/04/2019 - 22:54

--------------------------------------

Grazie mille Grazia ed Ernesto, vi ringrazio anche per le 5 stelline

Maddalena Clori 15/04/2019 - 17:50

--------------------------------------

Bella!

Grazia Giuliani 15/04/2019 - 17:47

--------------------------------------

Complimenti

Ernesto D'Onise 15/04/2019 - 17:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?