Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Distacco...
Il Fonte Pliniano (S...
Speriamo in estate...
L'orsetto (Alzheimer...
Ispirazione...
Colori e musica...
Autunno...
Mare a Caorle...
Uniti...
Mistero...
L'Ordinazione...
Sensazioni notturne...
L'emozione è la lacr...
coscienze orfane...
Gli occhi della mamm...
Endorfine o delle co...
Come nascono i bambi...
Rosa ribelle...
Ciliege rosse...
Frammenti...
Senza stagione...
Una candela spenta...
LA SOFFITTA DEI ...
Il ricamo...
La bellezza collater...
Ci si perda (la paro...
L'ORA DELLA CENA...
TRENI PERSI...
Tanka 4...
Il sole di Maggio...
In Rima...
Mi piacerebbe ti pre...
LA DITTATURA DELL’AP...
SognoAntropomorfo....
Bosco Verticale a Mi...
La Bugia...
Vivere la vita...
Davanti allo specchi...
Il vento...
Sposa fiorita...
L’illusione...
Natura...
La metempsicosi...
Accusata di non aver...
In alto mare...
Credo che nel mondo ...
Nome di donna...
Fucsia...
HAIKU B2...
Pianificare...
Fugacità...
E Ti Sogno Ancora...
Max Stirner...
Domani senza di te, ...
Vorrei volare come u...
L'ignoranza,che non ...
Tra le tue braccia, ...
VERSO L\' ETERNIT...
Milena e i doni dell...
Elisir...
Los Angeles notturno...
NATURA...
Desiderio...
IL NAUFRAGO...
È l'amore che conta...
Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...
TESTIMONIANZA DI FED...
PENSIERI...
Respirando l'aria...
Vorrei chiederti...
Shot down...
Dentini bianchi...
Sentiero interrotto...
Voglia di scrivere...
shhhh...
L'attrazione fisica ...
Vortice...
HAIKU A2...
Spiragli di luce...
Qualcosa è stato...
Sulle rive del nostr...
RIPARTENZA...
LUNA DEI FIORI 2020...
Ho dimenticato...
Bella Viola...
Chi rimane fanciullo...
Si fa giorno...
Haiku T1...
La storia delle decl...
IL TEMPO PER OG...
Ho bisogno di te...
Violetta...
Vicini vicini...lont...
I passerotti...
Caramelle...
Eco...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Dal significato melenso

Quell'oasi piccolina piccolina
al centro di una civiltà.
Era fatta di persone che si tenevano per mano
e ti tendevano una mano
per soccorrerti
per rimetterti in pista.
Avevano uno scopo nobile da portare avanti.
Era invidiabile la loro solidarietà.
Quell'oasi piccina piccina...
Mi recavo in essa ogni volta che volevo
che potevo.
Percorrevo la strada di corsa
accompagnata dalla tachicardia
ma varcata la soglia
quello che sentivo era
un po' di quiete.
Ogni qualvolta, percepivo che era il posto giusto per me!
Ero ben accolta.
Nessuno mi giudicava.
Potevo lagnarmi a dismisura.
Potevo dar sfogo a rabbia.
Potevo anche buttarmi a terra e scalciare.
Potevo strapparmi ad uno ad uno tutti i capelli.
Se solo avessi voluto.
Ed ero ben accetta lo stesso.
Tutto ciò che facevo era giustificato.
Potevo anche mostrare
il segno lasciato dal mostro
che una volta, una volta soltanto, mi aveva uccisa,
e nessuno si impressionava per questo,
ma tutti mi apprezzavano ugualmente.
Quell'oasi piccolina piccolina...


Share |


Poesia scritta il 15/04/2019 - 15:25
Da Maddalena Clori
Letta n.274 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Particolare e originale la tua poesia!!!

Maria Isabel Mendez 15/04/2019 - 22:54

--------------------------------------

Grazie mille Grazia ed Ernesto, vi ringrazio anche per le 5 stelline

Maddalena Clori 15/04/2019 - 17:50

--------------------------------------

Bella!

Grazia Giuliani 15/04/2019 - 17:47

--------------------------------------

Complimenti

Ernesto D'Onise 15/04/2019 - 17:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?