Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E di pioggia...
Proprio in quella li...
Tanka 6...
Mi baci...
Domenica...
Sabbia...
Solo se conosci la b...
Ottobre...
Gentilezza ...
nuvole e autunno...
L’organo...
La poesia dell'ultim...
Ho sempre desiderato...
CAVATAPPI...
L' EREMO SEGRETO ...
Kaleidos...
La vecchia stazione...
Lontani...
Non ti dimenticherò ...
SOLO I PASSI...
Haiku 16...
Dolci note di vita (...
Nel mondo di Afrodit...
Muro di ghiaccio...
Inverno...
Maratoneta...
Inganni...
CIO' CHE E' RIMASTO...
Foto furtiva....
No muy dulce...
Haiku XIII...
Nel teatro della vit...
'O core...
Haiku z...
A' Pandazza e la Lan...
La direzione del mat...
Sa festa de sa birra...
Siamo genitori......
Il maestro di biliar...
SAFFO, LA COSA PIU' ...
Cosa c'è di peggio...
Ti scrivo perché a p...
Haiku 11...
Elisa Valentini...
AMIAMO INCONDIZI...
AMORE...
Passato...
Palabras...
TI SENTO...
Madre...
T'aspetto sempre qua...
Le tre buste...
Si cantava un tempo...
CERCASI...
Gentilmente...
Nuvole...
Tanka 5...
Forse......
Vita...
Lenta come foglia un...
Nove Ottobre 'sessan...
INTRECCI...
Ho nostalgia delle t...
Ritaglio...
Donna sarda...
CUORE DI BAMBOLA...
La visita dell'Angel...
E' una passeggiata...
artista o matto...
Un giorno...
Prendo atto che il m...
la città...
Nonni....
DIMENTICANZA...
NONNO RACCONTAMI...
Gli amanti in ambra...
Senza stagione...
Quello che siamo...
Come quando eri bamb...
Insieme nella luce (...
Ad un passo da giù...
Approdo...
A casa nostra...
Fin dove l\'amore ar...
Sono innamorata...
La libertà é un bene...
Vogliamoci bene...
Ascoltando gli astri...
Yellow spell...
Ciò che non ti ho de...
Haiku XII...
Perdiamoci...
SE AVESSI VISTO...
Haiku j...
Conversazioni...
FOGLIA D'AUTUNNO...
Visita a mio nonno...
Intrecci/...
La storia infinita...
Cuore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lenta come foglia una foglia cade

Quando, dopo l’ultimo tremolio,
lenta come foglia una foglia cade,
io guardo aria aria il suo percorso.
Ne seguo le flessioni ad una ad una
tra le irregolari geometrie di terra,
a ogni danza imposta dalle zolle.


Non stacco gli occhi da quel suo
oltrepassar le pietre, durissime
eppure stanche d’inerzia non voluta.


Perché, mi chiedo, se quella lì è morta?
Se presto più non si saprà cos'era prima?


Come tutto ciò che alla fine muore,
dovrei ingabbiarla in brezza fuori norma
che smussa spigoli al mio tempo nero
e nei momenti in cui sento la morte
librarla – tutta – per come mi era viva,
perfetta nella sua qualunque forma
e, voglia il cielo, con macchie di colori.





*
Anno di stesura 2006



Share |


Poesia scritta il 09/10/2019 - 11:52
Da Aurelio Zucchi
Letta n.64 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Forse non sembra in prima lettura ma c'è un ermetismo profondo, personalissimo.
Forse una riflessione sull'impossibilità di mantenere la forma primaria ed amata della propria esistenza.
Quella brezza fuori norma è qualcosa, un'azione, che si vorrebbe contrapporre alla incontrollabile caduta della metaforica foglia, un desiderio di poter controllare la fine della caduta dal ramo.

Leo Pardis 09/10/2019 - 22:16

--------------------------------------

Una dolcissima riflessione sulla metafora della vita che passa dall'immanente al trascendente, per chi crede ovviamente. Molto bella.

santa scardino 09/10/2019 - 21:40

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?