Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L'amore può finire, ...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...
VIAGGIO PER MAR...
A li mortacci...!...
UNA GRANDISSIMA STEL...
La notte dei pensier...
L’autore del tomo- S...
Una voce nel vento...
Ti chiedi ancora cos...
Misero uomo...
Prigioni...
Il poetastro...
Viltà...
Aurora boreale...
Nostalgia...
Il mare e il tulipan...
CHISSÀ ........
BIANCA...
Alla mia Lulù...
Vissendo...
IL TUO TEMPO...OGGI...
In questo pentagramm...
Sintra...
LUGLIO (Acrostico)...
I giardini di Fatima...
Solamente da solo t...
CUORE DI GHIAC...
ER SACRIFICIO DER VI...
Vecchi filmati...
Al futuro...
Monocromo...
Spesso chi conta sul...
Giuseppe (Acrostico)...
Siamo tutti uguali p...
L'urgenza della piog...
Perdersi d'inconscio...
Vorrei mandare a vaf...
COSA DEVO FARE?...
TACI...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Hai mai provato

Hai mai provato alla festa di fine anno ritrovarti in mezzo a decine di persone festanti, in apparenza felici e tu….ti senti solo perché con te non c’è più lei che ti ha lasciato: eri troppo geloso, la volevi solo e tutta per te.
Hai mai provato a startene seduto in riva la mare, ad osservare l’ultimo tuffo del sole, quando tutti se ne sono andati, respirare profondamente e sentirti leggero
Hai mai provato al pranzo di Natale, con amici e parenti che si abbracciano si scambiano auguri e regali, e sentirti solo, un estraneo, perché quando è mancata tua madre pochi di loro ti sono stati vicino per confortarti.
Hai mai provato ad essere in un letto d’ospedale e nonostante le tante, troppe visite sentirti solo di fronte al tuo dolore.
Hai mai provato a partecipare ad una messa al campeggio dell’oratorio e sentirti legato a tutti coloro che ti stavano intorno, anche a quelli con cui poco prima eri venuto alle mani.
Hai mai provato a chiedere scusa ad una persona per un torto che le avevi fatto e sentirti in pace con lui, con te stesso e con il mondo
Hai mai provato a farti uno spinello per non sentirti più solo e scoprire poi che nel fumo non hai trovato risposta
Hai mai provato a nutrire sentimenti forti come amare o odiare. E scoprire in essi il compimento o la solitudine
Hai mai provato a sdraiarti su un prato, con un filo d’erba in bocca, guardare il cielo e le nuvole, ricercare figure e volti e saziarti della loro compagnia.
Hai mai provato…….ad avere un maestro
che sale sui tetti con Giacomo per rimirar la luna;
che ti invita ad una sobria cena con Gargantua;
che ti introduce nella cucina di Fratta e raccomanda di rispettare il galateo di monsignor Dellacasa
che ti accompagna in gita, in autunno, in campagna, con l’Adalgisa;
che cerca in una buca i 20 zecchini che Pinocchio ha nascosto, sperando poi di ritrovarli; anche noi ed il maestro lo abbiamo sperato.
che vive con te l’assedio di Troia e conosce uno ad uno tutti i protagonisti;
che ricorda lo zio Paolo, e l’Africa e il deserto e la guerra.
Che ti ha insegnato ad apprezzare e cercare la solitudine, quella buona, si, perché c’è anche la buona solitudine, in compagnia di un buon libro.



Share |


Racconto scritto il 29/11/2019 - 15:24
Da Roberto Colombo
Letta n.192 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Mi piace molto questo tuo testo,
è un tuo percorso ricco di spunti di riflessione!

Grazia Giuliani 30/11/2019 - 19:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?