Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Distopico...
Mormorio di bandiere...
Le cento candeline...
Come in trincea...
L’immaginario si fon...
Il piacere guasto...
Oltre le rughe...
Ti guardo...
TRAMONTO...
Betelgeuse...
L’Atmosfera misterio...
IL DIALOGO...
Spicchi...
PRIMAVERA COVID...
Lo sgretolarsi di az...
A LUCIANA...
Il colore della giov...
LA MAREA E L' ...
SILENZI...
La sensibilità non è...
Pensieri solitari...
Tutto ciò che viene ...
Composizione n.385...
ACQUA...
Firma...
L'ONESTÀ PREMIA SEMP...
L'ANGELO...
A Ilaria...
vecchia ferrovia...
Con i suoi colori...
PHARAOH'S CURSE. Man...
Lucrezia e l'amore a...
Solo un sorriso...
Affini son quelle an...
Le quattro stagioni...
Seduta davanti al ma...
IL VENTO...
Mix gastronomico, le...
Nessuno è libero...
Miracolo d\'amore...
incognite...
UNA VOLTA AMOR...
'O panariello...
Pandemia...
L'ultima ladra...
L’altro viaggio 16/1...
IL RIFUGIO...
Ogni cosa che cambia...
Clone...
FLUTTUANDO NEL VENTO...
Ciao...
Annabelle...
Il solitario....
AD INIZIO APRILE......
Il piccolo Drago...
IL MISTERO...
Ciliegi in fiore...
È IL CUOR CUSTODE...
Grano Oro...
L’amore non ha confi...
Dove sbocciava l’ari...
La Colomba...
Una libellula a Bene...
Semmai...
Vorrei piangere...
Jack...
Attendere navi che n...
Che grande farsa è l...
Nei luoghi sacri (c...
ERBA CATTIVA...
Dalla montagna al ma...
Siamo tutti unici e ...
SOGNANDO...
L’altro viaggio 15/1...
L'EREDITA' DEL POVER...
NETTEZZA URBANA...
E piove...
Haiku 25...
UN BACIO MAI DATO...
Buona Pasqua...
Buona Pasqua...
Sera di Primavera...
Verità...
Buona Pasqua a te...
Nulla per sempre...
Il sorriso della spe...
In nome del Padre...
Piccole cose che ci ...
L'abbandono...
Kylemore Abbey...
Cansunetta du giurnu...
Casa è...
Terza ondata...
Note d\'inverno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Lo speretatore dell'asso di picche

C’era una volta, in un vecchio castello, uno gnomo che fu assunto dal re perché aveva una caratteristica particolare e, a dire dei regnanti, degna di lode: quando dalla torre avvistava un nemico, grazie alla carta dell’asso di picche riusciva misteriosamente a mandare una scorreggia che come un tornado era in grado di spazzare via l’intero esercito avversario, senza lasciargli scampo. L’eterno nemico del re, dunque, una volta informato di questa potente recluta, decise di sfidarla mandando un esercito tre volte più grande del normale, ma stavolta lo gnomo fallì, e sapete perché? Perché il suo comandante non aveva fatto caso che le riserve dei fagioli erano esaurite. E allora lo gnomo chiese al superiore: «saranno stati i cavalli o le cavallette?» Risposta: «no, sono stati quei magnoni dei fanti… E adesso mi spiego perché stanotte mi sono dovuto tappare le narici.»



Share |


Racconto scritto il 01/03/2021 - 01:14
Da canto giornaliero
Letta n.84 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?