Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ci può essere più fo...
Pescatori...
COLORARE L’ANIMA...
EVANESCENZE...
SCRIVO D' AMORE...
Furtivi...attimi...
Proverbialmente...
Il programma filosof...
Io...tu...
Bevemmo a distanza...
Colori...
LA VORAGINE...
Last minute...
Fuggo...
Il Sussidiario...
NOSTALGICAMENTE...
Il momento...
Rabbia...
Perchè...
Una mezza sega...
L’altro viaggio 7/16...
Canto dell' Amore ch...
Se vuoi rovinare qua...
Di là dal vetro...
leggero il vento...
Giorni...
Gli alberi sono l'ul...
VIAGGIARE DI NOTTE...
INETTITUDINE DI PADR...
IL DESERTO DELL'...
GUARDANDO UN RAGNO...
Il castello...
La Pozione...
La maschera è caduta...
A Mia Madre...
O mio caro nuovo fut...
Sciogli la mia neve...
E' tutto un equilibr...
I nostri passi...
Casa poesia...
Baluginìo...
Soltanto ora mi vedi...
All'angolo della via...
La luce dei pensieri...
Piccolo dolore...
IN BOTTEGA...
Non ci sono solo il ...
SOGNO PER VIVERE...
Se n’è andata con il...
L\'eco delle parole...
Un vecchio libro di ...
IL FLAUTO DI PAN...
INQUIETUDINI...
Affido alla luna...
La giostra...
Il mormorio del mare...
Essere intelligenti ...
La mutazione dei col...
La forza del Mare...
Ma... Poi...
Viaggio nel futuro...
La mia Laika...
Feste in maschera e ...
É lo stesso...
Mirko D. Mastro- Gua...
CON TUTTE LE ATTENZI...
PRIMO...
Composizione n.374...
PASSATO BRUCIATO...
Non c'è pace...
Un figlio...
IL CASSETTO...
Senza pace...
Ad maiora...
Stampe antiche...
L'amore vero...
LA CORSA DELLA ...
Nebbia...
Con altre mani ti ac...
Se timoniere della n...
Ti amo...
La famiglia è la rad...
IL BACIO...
La pentola di fagiol...
UN AFFARE CON IL DIA...
Una volta la famigli...
L’altro viaggio 6/16...
Nonno sprint...
I SOGNI NEL CASSETTO...
Ci rinuncio...
Assopito...
AL MIO CONVENTO...
Le cicatrici del cuo...
Notte di Velluto Vio...
Averti qui...
SILENZIO...
Promesse...
Caro diario...
La fontana della con...
Scorcio d'inverno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Noi raccoglitrici dell\'olivo

Poesia di AgriAlessio all'Aria Aperta
"Noi raccoglitrici dell'olivo"
al sorriso della bianca aurora
all'ora che il gallo salutava il dì
s'aprivan gli usci dei casolari
e noi raccoglitrici dell'olivo
vestiti con stranezza singolare
Ci chiamavan a vicenda.
S'adunavan poi con dolce chiacchiericcio
nella piazza del paese,
a frotte avanzavan cantando
verso la collina nella nebbia immersa
e lì rimanevan fino al tramonto
le bacche della divina Athena a raccattare.
Duro il lavoro:
a due braccia
protendevan le mani sovente dalla brina
intirizzite,
a raccoglier velocemente il frutto
da riporre nella borsa.
La stanchezza annullavan
coi loro canti
nell'aere a spargersi come
festosi inni al sole.
Ed ora che più non s'odono quei canti,
tutto tace dal piano alla collina...
le raccoglitrici son sostituite
da macchine a scuoter gli ulivi...
immensi teli raccolgono le oleose bacche.
La terra genitrice si dispera
pel triste scempio dell'agricoltura
ormai sconvolta nelle sue strutture
opere pazienti dei vetusti padri...
solo desolati, miseri campi restan
dalle malerbe oppressi di tristezza.


Share |


Poesia scritta il 26/11/2020 - 21:52
Da AgriAlessio Casini
Letta n.101 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?