Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L'amore può finire, ...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Il rancore non è emo...
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...
VIAGGIO PER MAR...
A li mortacci...!...
UNA GRANDISSIMA STEL...
La notte dei pensier...
L’autore del tomo- S...
Una voce nel vento...
Ti chiedi ancora cos...
Misero uomo...
Prigioni...
Il poetastro...
Viltà...
Aurora boreale...
Nostalgia...
Il mare e il tulipan...
CHISSÀ ........
BIANCA...
Alla mia Lulù...
Vissendo...
IL TUO TEMPO...OGGI...
In questo pentagramm...
Sintra...
LUGLIO (Acrostico)...
I giardini di Fatima...
Solamente da solo t...
CUORE DI GHIAC...
ER SACRIFICIO DER VI...
Vecchi filmati...
Al futuro...
Monocromo...
Spesso chi conta sul...
Giuseppe (Acrostico)...
Siamo tutti uguali p...
L'urgenza della piog...
Perdersi d'inconscio...
Vorrei mandare a vaf...
COSA DEVO FARE?...
TACI...
Anima reale...
Rinascerò...
Un 'estate di colori...
Inganni stellari...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



10 Agostò di Zvanì-Giovannin Pascoli

San Gennàr, saccio pecchè tantè
stellè rinto a chesta arià cheta
si brucìan e finiscòn a terr, pecchè
nu piant grande comm chillo rà
Maddalen in chistu cielò concav fa tantè scintill


Chisto me ha ritt San lorenz : nà rondìnèll
turnàva a casa , l’hànn accisà,
è cadutà comm na mela marcia miez e pret.
Tenèv nà borsetta a tracòll, ragni lumache
e cavallette. A’ cenà ppe suoi piccirill


Mo’ sta là comm Cristò in croce,
ca’ fa vedè a’ bursetta aperta
a chillo cielo lontano;
e a casa sua sta rint o scur ,
ca’ aspetta , ca’ fa cip cip semp chiù piano.


Purè nu’omm turnàv a casa ,
l’ucciserò: dicett : vi perdòn avit sbagliàt,
è nu’ errorè e’ camorr, io nun c’entrò,
Tenevà int’ a’ borsà duje bambulelle ppe
e ‘sue piccerèll.


Mo’ là rinto chella casa scarrupàt
o’ stann ancora aspettann.
Isso fermò, senza parole, fa vedè e bambol a chillu cielò luntàn.E tu San Gennar mio che staje làssù , nu’ munno
senza pensieri e pure immortale ,


O’diciannòv settembr fa scioglier subitò o’ sangue ,
facci vedè subitò o’ bbene..
Chesta terra è opaca, si può vedè sul o’ malè, o’ bbene si
nascònd.
10 AGOSTO

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l'aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.


Ritornava una rondine al tetto:
l'uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de' suoi rondinini.


Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell'ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.


Anche un uomo tornava al suo nido:
l'uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono...


Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.


E tu, Cielo, dall'alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh!, d'un pianto di stelle lo innondi
quest'atomo opaco del Male!



Share |


Poesia scritta il 10/01/2020 - 12:05
Da GIOVANNI PIGNALOSA
Letta n.189 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Grazie Ernesto per il commento
che interpreta perfettamente il mio scritto.Aggiungo la nota non inserita perchè avevo già utilizzato tutto lo spazio a disposizione.
"I sentimenti non hanno vincoli di tempo e di luogo, di storia o di cultura. Lasciati liberi si raccontano con il linguaggio che hanno a disposizione. In tutte le lingue, in tutti i dialetti cuore fa rima co amore.

GIOVANNI PIGNALOSA 12/01/2020 - 09:10

--------------------------------------

La tua è una bellissima novità. A me piacciono tanto le cose nuove. Qui è interessante il fatto che non hai tradotto in lingua del sud ma hai reso l’opera di Pascoli napoletana. Complimenti vivissimi.

Ernesto D'Onise 11/01/2020 - 19:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?