Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Stagno...
Il pettirosso...
Chi salva...
Da Epigrammi Notturn...
Come hai potuto (ded...
Haiku n° 12...
UNA SERA...
Lo spettacolo più be...
Minimalismo siamese....
SEMBRA IERI...
Piccole Ali...
Che possa toccare un...
FINE DI UN AMO...
Non umana...
Portami via...
Notevole...
Dedicata a Grazia Gi...
I miei labirinti...
Metamorfosi...
La ragazza delle mil...
E' quando aspetti un...
Farfalla....
ANCORA ACCANTO A ME...
Sonno...
Storia di una badant...
La collezionista...
Si dice...
Stanca serata...
Nuvole e Gabbiani...
Andiamo avanti così...
Igor Michail...
Dell’inviolabilità d...
Canto del dove i sen...
Dammi...
In tempo di guerra...
Trilussa...
INCANTAMENTI...
IL BACIO...
Scorrono i giorni...
L'ARIA DEL MATTINO...
Haiku 66...
Cresco...
Il Dubbio...
Questa notte...
Nonostante tutto...
Sono figlio di una p...
Nuovo infinito...
AI MIEI FIGLI... ...
Terra di nessuno...
Ancora oggi siamo....
La Magia d'un tempo...
Diamanti...
L'OMBRA DEL PASSATO...
Il messaggio di Pasq...
la lunga strada per ...
A piedi nudi...
Storia di una badant...
A MIO PADRE...
Dedica...
Il bambino prodigio...
Siamo diversi per l...
Via del Sito...
L’identità...
L'inferno è sulla te...
I giovani e la crisi...
MILLE FORME...
HAIKU V...
Di quel sentire come...
Destino DiVino...
Il riflesso...
IL MONDO MUORE...
Se volessi dar credi...
Strofinaccio...
La quercia caduta d...
TORTA SOFFICE PALPIT...
Certi giorni d'inver...
Smile...
Fragranza di te...
Hai trovato una vecc...
Seta e profumi...
come......
Libertà...
Vivaddio...
Il vecchio porto...
Si fa giorno...
Tanka 24...
Semplici....
Estraniamento...
Stelle...
DAMMI IL TEMPO MADRE...
SOGNANDO L' AMORE...
IL NATALE...
Così ti guardo…...
Quello scatto che fe...
L' analista...
ANNI RUGGENTI...
Le note del cuore...
Dedicato a GRP...
orme...
I miei Sogni...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



10 Agostò di Zvanì-Giovannin Pascoli

San Gennàr, saccio pecchè tantè
stellè rinto a chesta arià cheta
si brucìan e finiscòn a terr, pecchè
nu piant grande comm chillo rà
Maddalen in chistu cielò concav fa tantè scintill


Chisto me ha ritt San lorenz : nà rondìnèll
turnàva a casa , l’hànn accisà,
è cadutà comm na mela marcia miez e pret.
Tenèv nà borsetta a tracòll, ragni lumache
e cavallette. A’ cenà ppe suoi piccirill


Mo’ sta là comm Cristò in croce,
ca’ fa vedè a’ bursetta aperta
a chillo cielo lontano;
e a casa sua sta rint o scur ,
ca’ aspetta , ca’ fa cip cip semp chiù piano.


Purè nu’omm turnàv a casa ,
l’ucciserò: dicett : vi perdòn avit sbagliàt,
è nu’ errorè e’ camorr, io nun c’entrò,
Tenevà int’ a’ borsà duje bambulelle ppe
e ‘sue piccerèll.


Mo’ là rinto chella casa scarrupàt
o’ stann ancora aspettann.
Isso fermò, senza parole, fa vedè e bambol a chillu cielò luntàn.E tu San Gennar mio che staje làssù , nu’ munno
senza pensieri e pure immortale ,


O’diciannòv settembr fa scioglier subitò o’ sangue ,
facci vedè subitò o’ bbene..
Chesta terra è opaca, si può vedè sul o’ malè, o’ bbene si
nascònd.
10 AGOSTO

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l'aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.


Ritornava una rondine al tetto:
l'uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de' suoi rondinini.


Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell'ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.


Anche un uomo tornava al suo nido:
l'uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono...


Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.


E tu, Cielo, dall'alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh!, d'un pianto di stelle lo innondi
quest'atomo opaco del Male!



Share |


Poesia scritta il 10/01/2020 - 12:05
Da GIOVANNI PIGNALOSA
Letta n.44 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Grazie Ernesto per il commento
che interpreta perfettamente il mio scritto.Aggiungo la nota non inserita perchè avevo già utilizzato tutto lo spazio a disposizione.
"I sentimenti non hanno vincoli di tempo e di luogo, di storia o di cultura. Lasciati liberi si raccontano con il linguaggio che hanno a disposizione. In tutte le lingue, in tutti i dialetti cuore fa rima co amore.

GIOVANNI PIGNALOSA 12/01/2020 - 09:10

--------------------------------------

La tua è una bellissima novità. A me piacciono tanto le cose nuove. Qui è interessante il fatto che non hai tradotto in lingua del sud ma hai reso l’opera di Pascoli napoletana. Complimenti vivissimi.

Ernesto D'Onise 11/01/2020 - 19:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?