Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Camelia...
Consumato in segreto...
La bambina al balcon...
Credevano di poterla...
Al vostro fianco...
In questo mondo così...
Il venditore di oliv...
GOCCE D'AMORE...
SOGNO O REALTA'...
L'oblio non si dimen...
Ancora bianchi e ner...
A ME RITORNO...
Sconfiggere il passa...
Vento del nord....
Lapislazzuli...
Calore...
Vecchio...
Tanka n. 12 inedito...
Per voler destino...
Decisioni difficili ...
L' ABISSO DEL LING...
L'EDICOLA...
Piante...
Nel mio sangue scorr...
Bianco gabbiano...
Paturnie e piaceri...
Uno sguardo luminoso...
Giulia e il ricordo ...
Angeli in prova...
Sorelle...
IO IL SOLE E TU LA L...
Ci sono parole che ...
Quando nel cielo non...
Confuso (mi innervo,...
Il dubbio...
Ansia sociale...
Memoria...
Il colore dei ricord...
ti lascerò andare...
Auschwitz 1943...
PENSIERI...
Il segno...
Haiku19...
Sentirsi soli...
finestra...
Dal buio alla luce...
Il Sole...
Il giorno della memo...
Di Luna, e del suo a...
Io, la Valle e Trism...
Amarti tutta la vita...
solo un cantastorie...
RESILIENZA...
Sant'Ambrogio 2020...
Dachau...
Echi nel vento...
HAIKU Z...
Favola sotto il ciel...
San Silvestro...
Un giorno come tanti...
la spalla...
Vinca il migliore?...
Storia di una badant...
Il suono dei mostri...
Sorriso di stelle...
Sentirti...
Stagno...
Il pettirosso...
Chi salva...
Da Epigrammi Notturn...
Come hai potuto (ded...
Haiku n° 12...
Lo spettacolo più be...
Minimalismo siamese....
SEMBRA IERI...
Piccole Ali...
Che possa toccare un...
FINE DI UN AMO...
Non umana...
Portami via...
Notevole...
Dedicata a Grazia Gi...
Metamorfosi...
La ragazza delle mil...
E' quando aspetti un...
Farfalla....
ANCORA ACCANTO A ME...
Sonno...
Storia di una badant...
La collezionista...
Si dice...
Stanca serata...
Nuvole e Gabbiani...
Andiamo avanti così...
Igor Michail...
Dell’inviolabilità d...
Canto del dove i sen...
Dammi...
In tempo di guerra...
Trilussa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

UNA DOMANDA

Le istruzioni sono:

Se tu fossi una bambina o un bambino che cosa ci racconteresti...?


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



UN CUCCIOLO PER SUSY

Susy una bella e vispa ragazzina di cinque anni, si trovava ai giardinetti con la sua tata. Non c’era scuola, il tempo era bello e aveva tanta voglia di curiosare. Fra le aiuole una gran quantità di piccioni come polli si aggiravano fra le panchine, beccando le briciole che sapientemente un vecchietto distribuiva. L’uomo aveva i piccioni anche sul cappello, Susy lo guardò negli occhi e gli chiese perché faceva ciò…- Perché anche loro devono mangiare- fu la risposta. Sorridendo l’anziano le disse – E tu mangi? – Certo che mangio mi raccontano anche le favole per farmi finire tutto e sono molto preoccupati quando lascio qualcosa nel piatto. Sai mi fanno le punture ricostituenti, dicono che devo crescere ma io non voglio diventare grande, non voglio lasciare le mie bambole. Sono sicura che se cresco il babbo non mi racconterà più le storie e la Befana non scenderà più dal camino. Susy aveva gli occhi velati, ma non piangeva, il distinto signore l’ascoltava attento, quella piccola donna diceva con tanta ingenuità delle verità che presto avrebbe scoperto. Ciarliera e per niente intimorita le chiese – Senti nonnino mi daresti un po’ di briciole, voglio anch’io far mangiare i piccioni! – Rideva Susy ormai era in confidenza e parlava parlava….- Mi hanno raccomandato di non parlare con gli estranei ma tu hai un viso buono e ami gli animali. Se la Befana mi vuole ancora bene per Natale farà scendere giù dal camino un cagnolino, lo desidero tanto….perché ridi anche a te è successa la stessa cosa?! – No rido perché una volta sceso, sarà tutto nero di fuliggine…. – Risero entrambi la bimba non si stancava mai di chiedere, essere ascoltata era per lei la cosa più bella del mondo, sembrava più grande della sua età. La tata Elvira venne trafelata in soccorso del signore – Susy, Susy non dare fastidio è ora di tornare a casa. – La prese per un braccio trascinandola via, l’uomo rimase a guardarla con un dolce sorriso e lei con la manina le mandava baci. Chissà se a Natale un cagnolino nero sarebbe sceso dal camino?Glielo auguriamo di cuore delle volte i sogni si avverano.


Mirella Narducci



P.S
Il racconto è autobiografico ! Il cucciolo l’ho potuto avere a 13 anni, il nome Susy è di fantasia anche se avrei voluto chiamarmi Susanna.




Share |


Scrittura creativa scritta il 14/12/2019 - 01:19
Da mirella narducci
Letta n.96 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Miry
mi sono rispecchiate nei tuoi righi
chi di noi non avrebbe desiderato restare bambina-o?
è un racconto bellissimo, in sintonia con la magia del Natale
bellissimo

laisa azzurra 15/12/2019 - 15:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?