Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

i biondi grappoli...
Pensieri d'autunno...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
POESIA ULTIMA...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...
EUROPA...
Buttati......
Che voglia......
COME CI CAMBIA L'ATT...
Per caso, il tuo sor...
MIO CARO AMICO CHECC...
Il tuo veloce volo...
AMORE IMPOSSIBILE...
Sogni di gloria...
Come si cambia...
Follia dantesca...
Scrivo poesie per sa...
Placida...
Girandola d'acqua...
Luci sul mare...
un abbraccio che sa ...
Al Volo.......
Dal mare...
È tutto lì. Con chi...
Parliamo di pace...
Il gelo del verno...
IL PRIMO BAGNO...
Gaia...
Marea...
Io e la luna...
Al Mare...
FUGGIAMO O RESTIAMO?...
Con prudenza...
La sorpresa...
In via del Sandalo (...
Mia Signora della Te...
Sei solo...
VILLA DORA PAMPHILIJ...
Non ricordare Non di...
COSA SONO PER ...
La farfalla ( Storia...
Come un'onda...
Arsenica (Logica o p...
AMAREZZA...
Rosa di monte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Bilancio

Verso a fine de sta vita, dice,
se fa ‘n bilancio inder la cervice,
si l’hai trascorsa bene o indegnamente
oppure se a te nun è fregato gnente.
A me nun me ne frega de st’esame
nun fui abilitato a fa l’infame.
Vissi la vita così, come veniva,
core e ragione in alternativa.
Ho fatto anche io er mi peccato,
granne direi, e sempre reiterato.
‘O porto come un peso dentro ar core
ma a di ‘a verità senza dolore.
Vo dico senza alcuna afflizione,
che sto a parlà da fornicazione.
Quanno iniziai ero liceale
si n’ho facevo, me sentivo male,
poi migliorò all’università…
du vorte ar giorno potevano bastà.
Co a moje è ‘n fatto abituale,
co a cammeriera ‘n po’ più eccezionale.
D’a segretaria a l’addetta stampa
dovetti passà nun ce se scampa.
Puro l’edicolante ogni matina
voleva na ripassatina!
Io ce mettevo amore e quarcos’artro,
ma a dire er vero era ‘n disastro !
E si, lo so, so tanti i miei peccati
e nun li ho mai giustificati,
ma io volevo solo fa l’amore,
magari squallido ed anche incolore.
C’ho da pensà su chi ammazza e ‘mbroja,
lassamo sta, me sta a venì ‘na….voja…..



Share |


Poesia scritta il 02/04/2018 - 19:58
Da Nino Curatola
Letta n.229 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?