Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

UNA BELLEZZA DA SALV...
La nave va...
La poesia č il siste...
Questa bomba di vita...
Pelle d'Ocra...
Liquide distanze...
Goccia...
Le Carte...
MADRE TI TROVERO...
Tanka 11...
Lassł nel cielo...
IN BILICO COME UN EQ...
MISURA DEL TEMPO, MI...
Qui...
Oltre la vita...
EFFIMERA SEMBIANZA...
Disordine e anarchia...
Vento di profumi...
Forza Cagliari...
Io amo....
Turista nella nebbia...
fuga dalla solitudin...
Distorsione Notturna...
Lasciami andare...
Un fiore...
SAMAEL, il concepime...
Noi...
Dimmi...
Autunno....
Pensieri ,(per la fi...
Bevendo birra in tab...
ANCORATI RINGRAZIAME...
AUTUNNO...
Quante lune attraver...
20:48...
Foglie...
Oggi e ieri...
La marcia...
ADDIO...
Abbandono...
FIDATI OGNI TANTO...
Donna ti amo....
Nello specchio dell'...
METAFORE...
Tutte le volte che h...
Se adesso sei nei mi...
La danza delle fogli...
Umida č l'aria...
Con l’incertezza del...
Delle tue mani...
Oltre la gente...
Fantasia...
Tanka 10...
FRAGILE...
La stagione nuova...
Oleandro...
Il canto dell'autunn...
Il Nulla e il Tutto ...
Le bambole...
Paura...
Haiku dolce...
Con i nostri pensier...
Nuotando...
AMICI (seconda parte...
Poesia breve - Tanka...
Prima neve...
NOTTE ESTIVA...
RIMARCHEVOLE NE FU L...
Gelo...
Lo scrigno...
Desiderio...
HAIKU COMMEMORATIVO...
Il Templare di Įrnes...
L'Amore č magia...
Tra queste pareti...
Pensare a te...
Terra mia...
C\\\'é vita dentro u...
Vuoto...
REPROBI ANGELUS (IV)...
Tanka 9...
Addio...
La Quarta Testa di D...
Depressione, spietat...
...č azzurra...
Sensazioni 7...
ANCORAGGIO...
Trentaduesima sonata...
Io...tu...
Tanka...
la non accettazione ...
sapete cosa e' la...
Tu sei...
Le domande di Nicol...
Volgere...
L' amore della mia v...
Grazie d'autunno...
Ogni giorno che pass...
STO SOGNANDO......
Immortale...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Vivida e pulsante

Camminavo,
come al mio solito,
camminavo,
file di macchine
chilometriche ingoiavano
le strade,
ingoiavano,
l'asfalto rovente.


File di macchine,
ogni macchina
chissą quale destinazione,
dentro ogni macchina
una schiena
piegata sul volante
in attesa,
di macinare qualche
millimetro.


Nella speranza,
di raggiungere presto,
una via, una casa,
un lavoro, un amore,
e tutto si confonde
nel fragore dei motori,
motori incandescenti,
motori rabbiosi.


Colonne di motori
rabbiosi,
che divorano
con lentezza inesorabile,
con lentezza esasperante,
la cittą nell'ora di punta,
la cittą vivida e pulsante.


Sono andato a comprare
al supermarket,
vagando tra gli scaffali
ordinati,
dove la merce
esposta fa la fila
per entrare in una borsa
della spesa,
per entrare in una casa,
ed essere consumata,
dall’umano,
che vive,
e consuma merce,
che vive,
e consuma merce.


Poi sono andato alla cassa
ho pago il dovuto
e sono uscito,
e di nuovo
file di macchine,
autobus, file di destini
che si incrociano, si sfiorano,
si evitano, si guardano,
camminavo,
come al mio solito
camminavo.


La mancanza,
oggi non ho potuto
sfamare la mancanza,
e la sento protestare,
per il digiuno,
la sento protestare,
ho preso l'autobus,
per ritornare a casa
nell'ora di punta,
nell'ora vivida e pulsante.



Share |


Poesia scritta il 02/11/2019 - 13:44
Da Maurizio Vassalli
Letta n.70 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


La mancanza intendo di una donna

Maurizio Vassalli 02/11/2019 - 22:09

--------------------------------------

Tutto descrittivamente chiaro ma forse mi sfugge qualcosa nell'ultima parte, quella della mancanza, non la capisco*, puoi aiutarmi?
*...o forse quello che vuoi dire č che si avverte un vuoto che č molto difficile riempire.

Leo Pardiss 02/11/2019 - 21:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?