Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Viaggio alla collina...
Sotto le scope....
Nuova alba...
Se il male vuole il ...
Soffio di vento...
Haiku VIII...
Cattività...
Pensiero di una Scim...
La mia odissea minor...
IL SENSO DI UN NUOVO...
La Sera...
Mi sono arreso a te...
Statue...
MOENA E LA SUA POESI...
Il gioco della vita...
Nella mia penna...
Al dispetto...
PROVERBIO...
VENTI di PASSIONE (P...
Di notte...
Ticchettio infernale...
Dammi la tua mano...
Haiku 13...
TOMTOM...
LA FINE DEL G...
I PASSI DEL VENTO...
Timone d'amore...
Omicidio...
A Guia...
Reset...
Poldino...
Trasparenze...
Tanto tanto tanto...
Tropea...
L'atleta dei due mar...
BREVE...
Il Tempo...
L'aquila trova sempr...
Insieme...
Quando il fisico ti ...
si cambia...
annusa......
Vengo anch'io...
Tre anime in una sca...
un'acqua distante...
Il piccolo sentiero...
Una malia...
QUESTO PAZZO MONDO...
LO UADI DELL'ANIMA...
LE TUE PAROLE DICONO...
Aria infante...
L’unica cosa che gli...
Simulazione...
Il Gladiolo...
LIBERO DI AMARTI...
Compassione...
IN QUESTA GUERRA...
Non ho dimenticato l...
La ragazza dagli occ...
ISTANTE MELANCONICO...
Strana estate...
Dolci pendii...
Scherzi della mente...
Pensando le margheri...
DIALOGO...
ALBUM DI FAMIGLIA...
COME NELLE FAVOLE...
Medusa...
Il colore giusto...
Preziosità silenzios...
Scorri e scivola nat...
Poesia (Haiku)...
Sabato quattro lugli...
Il Diluvio universal...
LA LUMACA...
C'est l'ètè...
La Ranocchia...
SE POTESSI......
Non sono di questa e...
Il cielo...
Trasognanza...
LA VITA CHIUSA ...
Mike (si può vivere ...
Poetica è la fatica ...
Ho sognato...
LE NOTTI CHE NON DOR...
Santiago De Composte...
Tutti scappano da me...
A dorso d'un secolo ...
Lenzuola al vento...
Il viale di sera...
Tremori...
La promessa...
HAIKU M2...
Smarrimento...
NUVOLE DI LUGLIO...
L' AEDO DEL SILENZIO...
Trottola...
Lungo le rive della ...
Haiku 01...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il gioco

Si chiamano giochi e li giochiamo tutti.
"Cosa caratterizza un gioco?" Mi chiedeva una persona che sapeva il fatto suo.
"Non so, il divertimento?" Risposi.
Sorrise
"No. Le regole!
È un gioco tutto ciò che ha delle regole."
Anche Eric Berne nella sua Analisi Transazionale me ne ha dato, in futuro, una conferma.
E quindi la vita, che ha le sue regole, se viene vissuta in società si trasforma anch'essa in gioco.
"Eh si ma la vita è una cosa seria!" potrebbero sottolinearmi.
"Perché il gioco no?"
Ogni anno i giochi di potere mietono milioni di vittime. Discriminazioni, guerre, femminicidio, mobbing.
Mi addormento con questo pensiero e sogno.
Ci sono dei bambini che giocano alla guerra!
Io mi incanto ad osservarli.
Uno corre da un albero all'altro.
"Pam pam" spara a due mani.
Ha gli occhi vivaci e viene smitragliato dalle dita puntate in lontananza di un altro che con la lingua che batte contro i denti pronuncia "trrrrr trrrrrrr" e imita il rumore di un Kalashnikov.
Lui se ne accorge e con grande onestà intellettuale cade a terra con un sorriso divertito.... "Ahhhhhh mi hai colpito."
Un altro esce dall'albero vicino.
"Ti salvo io." Lo tira su,
Zompettano dietro ad una quercia e finge di suturarlo.
"Ecco sei guarito andiamo."
Ma è metà pomeriggio ormai e corrono insieme a fare merenda.
E allora intuisco il motivo per cui non ci accorgiamo delle nostre grottesche e perverse dinamiche di gioco che poi sfociano nella violenza di ogni genere.


Ma perché noi adulti non facciamo più la merenda insieme?


Mf




Share |


Racconto scritto il 06/06/2020 - 06:03
Da Michele Facchini
Letta n.109 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Le regole, quali?
Quelle imposte dall'uomo o dalla natura???
Sai, Michele, quando di cresce, si perde quel senso di universalità, di "per sempre vivi", che caratterizza la vita dell'irresponsabile, non per scelta, ma per inesperienza ...
Ecco, se fossimo tutti un pochino meno responsabili, ci accorgeremo di quanto è meraviglioso ogni attimo di irriverenza, ogni attimo in cui non siamo noi, ma sono io che scelgo te

laisa azzurra 06/06/2020 - 16:53

--------------------------------------

I giochi dei bimbi sanno essere innocenti come loro, ricordiamoci solo che loro imitano i grandi e credo che sia da qui che scaturisce la domanda dell'autore: "ma perché noi adulti non facciamo più merenda insieme?"

Maria Luisa Bandiera 06/06/2020 - 15:11

--------------------------------------

Condivido il senso di questo racconto che trovo interessante dal punto di vista sociologico e filosofico. Splendida la descrizione del gioco dei maschietti.

Anna Maria Foglia 06/06/2020 - 14:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?