Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'Ira di Zenobia...
Buonanotte...
Quella farfalla il q...
Venere...
ali di farfalla...
Su carta è tutta un'...
Stagioni...
Eppure ci sei!...
Seduto...
Grotte Is Zuddas...
semplicemente tu...
CIO' CHE RESTA DEL T...
SPENSIERATEZZA...
Fu come un soffio ca...
Normale Follia...
Sensazioni 7...
Sulle onde stropicci...
Scoprire l' Amore...
HAIKU N. 14...
Nei momenti di fragi...
Dell'attesa...
L'ammartaggio...
Haiku 14...
Poeti...
L'aprés midi d'un ph...
Il canto più soave...
Tanka 2...
Donna...
Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT DIALOGATO

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto che inizi con questo dialogo: <<Passami quello, ok?>> <<Attento…non ti sporcare>>. <<Lascia che io…oops>>. <<Non quello...il crick…e tieni a portata di mano i bulloni e la chiave inglese..cav…mi sono pizzicato>>. <<Ma tu hai capito cosa è successo?>>. <<A chi?...Cosa?>>. <<Ma non ti accorgi di niente tu…?>>. <<Perché mi guardi così? Parla…>>….


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



forse lei voleva lasciarlo

<<Passami quello, ok?>>
<<Attento…non ti sporcare>>.
<<Lascia che io…oops>>.
<<Non quello...il crick…e tieni a portata di mano i bulloni e la chiave inglese..cav…mi sono pizzicato>>.
<<Ma tu hai capito cosa è successo?>>.
<<A chi?...Cosa?>>.
<<Ma non ti accorgi di niente tu…?>>.
<<Perché mi guardi così? Parla…>>….


-Stai sanguinando
-Come? Dove?
-Dal naso, perdi sangue dal naso
-E che cavolo, mi sono sporcato la camicia
-Ma chissene frega della camicia, possibile che non ti sia accorto di nulla? Tieni, asciugati e stai con la testa in su
-Ma di cosa stai parlando? Abbiamo bucato, punto. E non cominciare con le tue fissazioni, eh
-Ma quali fissazioni? Non l’hai vista?
-Chi? Vista chi?
-Quel…oddio non so come dirtelo
-Dirmi cosa?


“era sabato sera, un sabato tiepido di foglie e di vento. Ti chiesi:
-Dove hai messo quella foto?
-Ce l’ho con me
-Ma dai, non sono neppure venuta troppo bene
-Dici? non saprei, non la guardo mai, la stringo tra le dita ogni volta che mi vien da piangere e tu non sei con me
-E poi?
-E poi sorrido, mentre tu mi soffi sugli occhi e solletichi le mie ciglia col rintocco lieve della tua assenza
-E le lacrime?
-Quali lacrime, amore mio


Abbiamo fatto l’amore e tu hai pianto, non ho capito perché, non ho voluto chiedertelo. Forse ero impaurita. Temevo la tua risposta, temevo mi dicessi quel che non volevo sentire.
Subito dopo quella telefonata:


-tesoro
-mamma, mamma, che c’è? Perchè piangi?
-Tesoro, vieni, papà sta molto male


Sei corso via, non hai preso neppure le tue cose, neppure il cellulare
Sarei venuta con te, ma sapevo che non potevo, sapevo bene che lì avrei trovato lei
Mi hai chiamata tu


-Papà non c’è più. Devo restare qui…non so, non so quando ci rivedremo…piangevi
-Amore mio, io sono con te. Amore, il tuo cellulare ha squillato più volte. L’ho spento
-Hai fatto bene. Lo verrò a prendere. Non so quando, ma verrò. -Ah, volevo dirtelo, sto stringendo la tua foto
Non ho risposto, piangevo, ho attaccato.


Sono passati giorni, non saprei quanti. Non potevo chiamarti e tu non chiamavi me.
Poi, un pomeriggio, sono rientrata a casa e tu eri lì, disperato


-Amore, amore mio, piangi amore, io sono qui
-No, non puoi capire
-Cosa? Cosa non posso capire?
-Ho perso la tua foto, amore mio. Ti prego, dimmi che non ho perso te.
-Ma cosa dici? Sono giorni che ti aspetto, te ne darà un’altra
-No, non sarebbe la stessa cosa. L’ho persa il giorno dell’ultimo saluto a mio padre. Lei era lì, mi ha preso per mano, l’ho guardata ed ho messo la mano in tasca, per cercare te, ma tu non c’eri.
-Amore, è solo una foto….
-No, per me è molto di più


Sono trascorsi mesi da allora. Eravamo una coppia, vivevamo insieme alla luce del sole, eravamo felici.
Quella sera dovevamo raggiungere quel locale dove lei ci aspettava, o meglio, aspettava te per consegnarti l’elenco di quel che tu avresti dovuto darle per ottenere la separazione.
Eri disposto a tutto pur di non vederla più, hai accettato a condizione che io ti accompagnassi.
Era brutto tempo, pioveva a tratti, ma prometteva male, poi…
Quella sterzata ed hai perso il controllo
Ho sbattuto la testa, un colpo di frusta, nulla di chè, ma nel riversare violentemente la nuca verso il sedile, l’ho vista"


-Allora, dimmi, per favore dimmi cosa hai visto?
-La foto, la foto di me, insanguinata, schiacciata sul parabrezza
-La foto? Vuoi dire quella foto?
-Si quella


^^^^^^
È andata così, ora lo so
Il crick violentemente sulla mia testa. Un colpo netto, i tuoi occhi irrorati di sangue e rabbia, una rabbia inaudita. È stato un attimo, me ne sono andata così, nell’incredulità, nello stupore.
Perché? Non c’è sempre un perché
Un raptus, la follia di un attimo
Un femminicidio


Si leggerà sui titoli dei giornali: delitto passionale, forse lei voleva lasciarlo.




Share |


Scrittura creativa scritta il 08/09/2019 - 20:04
Da laisa azzurra
Letta n.171 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Grazie dolcissime Santa e Giulia
..e grazie di cuore alla Redazione

laisa azzurra 14/09/2019 - 22:53

--------------------------------------

testo tumultuoso con un lavoro integrativo di notevole portata.
eccellente. ciao laisa

GiuliaRebecca Parma 14/09/2019 - 19:32

--------------------------------------

Come racconto è fatto con vera arte.L'argomento è importantissimo ed attuale. Sono storie che purtroppo la cronaca nera ci regala troppo spesso ed ogni volta ne restiamo sconcertati e ci chiediamo il perché. L'amore non giustifica mai a questo prezzo! Complimenti sinceri. Grazie per l'attenzione che mi hai!

santa scardino 14/09/2019 - 14:33

--------------------------------------

Grazie Miry
Grazie tesoro per il commento. Nella mia testa è chiaro, ma so essere obiettiva.
Un bacio

laisa azzurra 13/09/2019 - 11:53

--------------------------------------

LAISA... non è facile imbastire un dialogo e dargli un senso che somogli ad una storia, non banale e soprattutto comprensibile. L'ho letta due volte, sono io che ho bisogno di entrare nel racconto e apprezzarne il contenuto ricco di tratti poetici. 5*****

mirella narducci 13/09/2019 - 11:47

--------------------------------------

Grazie Amici
In effetti, è una scrittura po' contorta, ma apprezzo sinceramente la vs presenza

laisa azzurra 12/09/2019 - 10:21

--------------------------------------

Quelle notizie che non vorremmo mai sentire, ma che purtroppo accadono spesso...
Invece il tuo racconto è stato piacevole leggerlo, con quel tocco di poesia e romanticismo che ti contraddistingue.
Ciao dolce Laisa

PAOLA SALZANO 12/09/2019 - 10:00

--------------------------------------

Questa scrittura mi ha ricordato i brevi racconti nelle ultime pagine dei settimanali che mi facevano compagnia da ragazzino nell'attesa dal barbiere. Ma qui vi è anche l'arte della poetessa che sei: ...un sabato tiepido di foglie e di vento...
e la penna delicata della scrittrice che apprezziamo: ...mentre tu mi soffi sugli occhi e solletichi le mie cigli col rintocco lieve della tua assenza.

Mirko (MastroPoeta) 09/09/2019 - 05:27

--------------------------------------

Mi è molto piaciuto questo testo.Bravissima!

Anna Maria Foglia 08/09/2019 - 21:56

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?