Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Distopico...
Mormorio di bandiere...
Le cento candeline...
Come in trincea...
L’immaginario si fon...
Il piacere guasto...
Oltre le rughe...
Ti guardo...
TRAMONTO...
Betelgeuse...
L’Atmosfera misterio...
IL DIALOGO...
Spicchi...
PRIMAVERA COVID...
Lo sgretolarsi di az...
A LUCIANA...
Il colore della giov...
LA MAREA E L' ...
SILENZI...
La sensibilità non è...
Pensieri solitari...
Tutto ciò che viene ...
Composizione n.385...
ACQUA...
Firma...
L'ONESTÀ PREMIA SEMP...
L'ANGELO...
A Ilaria...
vecchia ferrovia...
Con i suoi colori...
PHARAOH'S CURSE. Man...
Lucrezia e l'amore a...
Solo un sorriso...
Affini son quelle an...
Le quattro stagioni...
Seduta davanti al ma...
IL VENTO...
Mix gastronomico, le...
Nessuno è libero...
Miracolo d\'amore...
incognite...
UNA VOLTA AMOR...
'O panariello...
Pandemia...
L'ultima ladra...
L’altro viaggio 16/1...
IL RIFUGIO...
Ogni cosa che cambia...
Clone...
FLUTTUANDO NEL VENTO...
Ciao...
Annabelle...
Il solitario....
AD INIZIO APRILE......
Il piccolo Drago...
IL MISTERO...
Ciliegi in fiore...
È IL CUOR CUSTODE...
Grano Oro...
L’amore non ha confi...
Dove sbocciava l’ari...
La Colomba...
Una libellula a Bene...
Semmai...
Vorrei piangere...
Jack...
Attendere navi che n...
Che grande farsa è l...
Nei luoghi sacri (c...
ERBA CATTIVA...
Dalla montagna al ma...
Siamo tutti unici e ...
SOGNANDO...
L’altro viaggio 15/1...
L'EREDITA' DEL POVER...
NETTEZZA URBANA...
E piove...
Haiku 25...
UN BACIO MAI DATO...
Buona Pasqua...
Buona Pasqua...
Sera di Primavera...
Verità...
Buona Pasqua a te...
Nulla per sempre...
Il sorriso della spe...
In nome del Padre...
Piccole cose che ci ...
L'abbandono...
Kylemore Abbey...
Cansunetta du giurnu...
Casa è...
Terza ondata...
Note d\'inverno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Se preferite non leggetemi…

Se preferite non leggetemi, ma non vi fermate ad una porta che sembra chiusa. Bussate, fatelo anche piano e mi aprirò.
Incipit ispirato ai quesiti che mi sono stati posti il primo marzo del corrente anno dai poeti Ernesto D’Onise e Antonio Girardi (i quali ringrazio) in calce al mio testo “Morso”.
A febbraio volli accogliere i nuovi autori entrati in OS con un “benvenuti” o solo un “ciao” nella lingua delle rispettive regioni di appartenenza.
Febbraio, due cuori e una maschera. Mese di baci in costume e dolci scherzi.
Quest’anno di pandemia e distanziamento sociale in cui San Valentino ha fatto visita al Carnevale, ho pensato di metterci tutti insieme decantando la vita e i suoi problemi nella società in cui viviamo su foglietti per la folla come stelle filanti da sopra il carro.
Le stelle filanti… Soffio attraverso il rotolo di strisce di carta colorata e quelle, arrotolate su se stesse, si lanciano in aria e ci saltabello con la fantasia lasciando a voi variopinte spirali nella caduta. Non sono solo musica, sono carezza.
Così, travestito da Giangurgolo il ‘bocca larga’ di Calabria, pensai di accogliere Rossella R. con un “Buonuvinutu”.
In questo periodo di cielo parlo alle stelle filanti: ieri l’altro mi hanno chiesto se ero felice. Ho lanciato una manciata di coriandoli, sono esplosi in mille colori. E hanno capito. Io che ancora spero che i coriandoli tirati per aria non cadano giù…
Nei panni di Meo Patacca da Trastevere con un “Bruccabbà” accolsi Imago Mago e Giovanni M., e un “Ciarda” alla Rugantino per Sara P. e Giovane Scrittore.
Van scomparendo ogni giorno interi continenti, ma i coriandoli in casa niente. Quei pezzetti colorati di carta resteranno lì tra le pieghe delle tende, nelle fughe delle pianelle sotto il letto per decenni.
Qualche giorno fa mentre mia moglie è uscita sono restato a casa vestito da Bartoccio: ho trovato dei coriandoli, finiti chissà come, sotto un mobile e ho pensato che forse ci si sente così quando si viene dimenticati. Ho salutato in umbro Chiara P. con un “Bon giornu” e… Dio che voglia di fare un sacchetto di cose belle ed andarmene in giro a lanciarle in aria come coriandoli!
“Mandi” Poeta utopico e May V… piacere, Fracanapa.
Tra le facce nere e di legno dei Mamuthones che sfilano affaticati e in silenzio e la frenesia delle maschere bianche degli Issohadores, nella tua Sardegna ha il profumo di limoni e zeppole il mio Carnevale. E nasconde la tristezza tra piccoli ritagli di carta e volti colorati e stelle. Di quelle filanti.
Col mandolino del Coviello ti portai il mio “Wue' Buongiorno” Gioia Margaux G.
Con quella trasparenza di quando strofinavamo la bic per farne calamita per coriandoli.
Dietro la maschera del ‘meneghino’ Beltrame de la Gippa diedi a voi Debora O., Fabio B. e Sergio M. il mio “Benvegnuu”.
Guardo riflessi gli aeroplani nelle lenti dei mie occhiali lasciare nastrini come stelle filanti tra le nuvole. E la vita, una festa in maschera dove ognuno indossa la propria faccia.
Come Beppe Nappa lasciai un “Bimminutu” a Giovanni P. nella sua bella Sicilia.
Mi piace imparare dai coriandoli: anche a pezzi servi a qualcuno, anche a terra colori qualcosa.
Propongo di buttarci a terra e fingerci coriandoli.
E un “Bada chi ecco” nel tutone del Burlamacco in Toscana a Claudio G. e Matildab.
Spero abbiate trovato la porta aperta. Resto qui con quel mio stupore sul mondo che mi siede accanto ad accogliere con magia, garbo e un pizzico di umiltà...
Alzo gli occhi e volteggio il dito, e son stelle filanti.



Share |


Racconto scritto il 05/03/2021 - 08:50
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.125 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Caro Mirko, trovo le tue stelle filanti un dono per tutti coloro che hanno il piacere di leggerti.Per me la tua porta è sempre stata aperta e mi auguro che resti tale.Affettuosamente ti saluto.

santa scardino 09/03/2021 - 19:45

--------------------------------------

Un bel racconto carico di rammarico ....
Ho notato anch'io che i nuovi autori che hai coinvolto nei tuoi racconti non ti hanno scritto nulla al riguardo, salvo che lo abbiano fatto a te personalmente in privato oppure hanno postato le loro poesie e poi non hanno il tempo di seguire i vari commenti, le poesie e racconti di altri autori.... Chissà, non possiamo mai essere certi di come stanno le cose realmente.
Il tuo racconto di oggi a me è piaciuto in quanto hai esposto il tuo rammarico nella scrittura elegante che tu sai donare e come dice Anna Maria sei generoso, sognatore ed io aggiungo bravo e meritevole.
Anch'io ti stimo molto. Un saluto.

Maria Luisa Bandiera 05/03/2021 - 14:32

--------------------------------------

...non riesco ad aprire quella porta...

Antonio Girardi 05/03/2021 - 11:13

--------------------------------------

Ma io caro Mirko ti leggo...sempre e volentieri, magari preferisco di più le poesie nelle quali la tua sensibilità e sintesi di pensiero la fanno da padrone. Nella prosa non riesco ad aprire quella poeta che mi permette di tradurre il tuo pensiero. Magari sono io che non ho quella capacità di analizzare i tuoi scritti Vergati, peraltro, in maniera eccellente. Parafrasando il tuo nome ti considero un poeta a tutti gli effetti e nelle tue opere non trovo una porta aperta, bensì un portone spalancati Ricordati solo che ti stimo un casino.

Antonio Girardi 05/03/2021 - 11:12

--------------------------------------

È una tua caratteristica: sei generoso e sognatore, ami includere tutti...ma ahimè c’è anche chi respinge il tuo abbraccio.
A parte ciò il testo di oggi spiega certi tuoi racconti che magari sembravano poco chiari.
Con stima, un saluto

Anna Maria Foglia 05/03/2021 - 10:43

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?