Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il colibrì...
A spasso nel tempo...
Respiri...
Il sublime piacere d...
L\'uomo che conobbe ...
La collettività non ...
IL PIATTO DEL GIORNO...
L'ARIA CONDIZIONATA...
La cultura dell'amor...
La vera gentilezza c...
Il mondo a quote più...
Fobia...
Quando ognuno fa que...
La Coccinella...
Cento anni...
HAIKU 11...
Grotte...
Non ascoltiamo quell...
Finzione (Anglicismi...
PULIZIE EXTRA...
Afflato di luna...
L\'uomo che conobbe ...
Il mio sogno...
Illusioni...
L'ITALIA DEI FURBETT...
In pensiero...
L'ora del corvo...
Balconcino...
CALA LA NOTTE...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Due universi...
Una piccola malincon...
Je...
Milos tra le braccia...
Silenzio assordante...
Scrivo di getto...
Ortensia Selvatica...
Eccomi amore......
Distratta...
Ancora sorridono i f...
PETALI...
L\'uomo che conobbe ...
Il faro...
NOTTI IN PRESTITO...
MADRE MIA DOLCISSIMA...
IL CONOSCENTE PIACIO...
LA FELICITA' VIE...
caro Mango...
ROGER...
Cieli silenziosi...
Infinita luce (conco...
Note diverse...
I SUOI OCCHI COME UN...
Destino...
Cullami o mare...
Compendio universale...
In bilico...
La mia amica Martina...
LA VIA DEL CIELO...
Tra le figlie di Net...
DOLORE...
Il dolore degli altr...
Lucente D'amore...
Donna... e...
L'egocentrica a teat...
Canto di lei...
Piccolo soldato...
L\'uomo che conobbe ...
Giaggioli...
E sei sempre lì...
QUADRO DI BOTTICELLI...
Il Timido Gheppio...
Essere se stessi..ri...
IL SOLE AL TRAMONTO...
LA TEMPESTA PERFETTA...
Cartolina...
Vestita di nero...
I misteri dell\'abba...
L'unica creatura...
Tu, Alato Amorino...
Brucia la terra...
La dolce compagnia...
Lei, ride amara dei ...
La partigiana...
Rosengarten...
Dillo un'altra volta...
Intenti d'amore...
Bianco e nero...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Silvestre...
APRI IL CUORE...
La rosa...
Il calamaio di latte...
UN FIORE RECISO...
Eppure...
Tace il silente tigl...
PASCIUTI TARLI...
Musa in prestito (a ...
Nei righi...ti ritro...
MILKY CUCCIOLO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

I misteri dell\'abbazia

Mi sovvengono alla memoria tristi e misteriosi eventi accaduti all'interno dell’ibbazia di san... che tacer il nome è altresì cosa assai saggia e devota.
Sin che fui che fui giovine d’aspetto di più in viride forza ch’ora mi recai, in funzione religiosa, presso innominabile ibbazia e dal laterale transetto, che dal sotterraneo ha ingresso ovest della ibbazia stessa, per scalini adiacenti in su saliasceti per l'abside centrale nel coro ligneo tramite sicreta apertura dietro l'altare majore.
Cognoscenza appropriata dei luoghi permise me l’approdo giusto e nell'ora di liturgia m'apprestai a secuitare ciò che doveroso è per buon cristiano in ottemperanzia credo e origini.
Tal ibbazia fomosità ebbe per grandissimo numero manuensi e operatori di restuauro e puro per costruizione addisopra antiquo cimiterio martiris tal che nell’interno trovossi “Il pozzo animae” che par dar accesso all’anime eterne presso Paradisi meritati.
Sed incute non poco timore pello silenzioso gradulo in cui l’anima terrena venesi a trovar inquando che soggiorna innanzia all’apertura.
Detto icciò aggiungo ch’all’ingresso indove che solevo far entranza inginocchiosa e rivirente ispesso da fora è costellato di mendichi omini che belano aver un cibario sustenzio dalli monici che a dir ragione vera assai impanziti appaiono a color che invece del manducare han poco dimestichezza.


«Ecco or mi par de vedemmi sui banchi celato in quando che processio monacale prende avvio dal transeo laterale per prender posto nel ligneo sedile. Monaci preganti in cappuccio nigro gregorianamente spandono parola per navate che eco rindonda...»


Son indrio a parlar passato e... poscia codesta visione che... Terminata ch’ebbe funzione il padre guardiano anziano, cum pendula chiavistella in sul cilicio, assai gobbuto con passo infermo e claudicante non poco invitommi all'uscita con garbo rude che serratura di porte dovea esser fatta da ello istesso.
Io, zelante, alzatomi di prono istante et ello mi secutatte guardingo peggio di mandingo fin alla discesa delle scale indove che fui entrato e indove v'erano omini a dimandare caritate e sustenta cibaria.


«Io a scendere e padre guardiano lemme lemme nel suo incedere a guardia delle mie terga…»


Or che giugnemmo in basso alla porta ellulo, viduto indomito mindico belante e chiedente, spussò via il nero cappuccio dalla calva capillatura longa e isposa e rizzando la gobba e togliendo tunica ‘sì che sotto avea costume di supereroe che con voce cupa e tenebrosa, da far mugnuni tipo grrrrr, brrrrr, baurrrrrr, non urlossi al mindico di tal misura che lì non ci addoveva istare che glielo aveva ditto mille volte che insomma doveva alzar pitocchi e pezze e svanire all’istante.
Il poerello a tal roba provotte di scappare ma il padre guardiano rabbioso e sbavante principiò a menar e mordere e tirar per lo culo che uno scappotte a membra levate mentre l'altro lo inseguiva manco fusse silverfurer.


«E ora che son canuto e rincojonito ricordo tal vicende e quel mesto gibboso padre guardiano che da allor nomai padre Rottweiler e che di tanto intanto visita le mie notti con abbai e grumugni vari»




Share |


Racconto scritto il 20/06/2022 - 15:56
Da Jean C. G.
Letta n.121 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie e buona vita sempre carissima Marina

Jean C. G. 21/06/2022 - 12:02

--------------------------------------

Deserto è questo testo... mi stupisce.
Leggerti arricchisce e innalza, a prescindere dall'argomento.
Tu ben conosci la vita e la natura umana...
Ti ho ringraziato e ti ringrazio, ma sarà sempre poco, troppo poco...
Serena giornata Jean, buon inizio estate,
con tutto il cuore!

Marina Assanti 21/06/2022 - 09:12

--------------------------------------

Grazie ancora Marina delle belle parole ti auguro una serena notte.

Jean C. G. 20/06/2022 - 23:53

--------------------------------------

Grazie a te, Jean...
sei una persona preziosa.
E lo penso davvero.
Qualcuno si diverte a giocare con le stelline... mah.
Serena notte, Poeta, un caro abbraccio a te

Marina Assanti 20/06/2022 - 23:31

--------------------------------------

Ciao grazie Marina un abbraccione

Jean C. G. 20/06/2022 - 20:37

--------------------------------------

Sei grande, Jean!
Oggi mi adagio in questa tua scrittura che è boccaccesco narrare.
Ogni tuo scritto regala emozioni diverse e importanti.
Grazie, grazie di cuore per esserci...
con mente cuore e anima.
Un carissimo saluto, Poeta

Marina Assanti 20/06/2022 - 17:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?