Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Francesca Manzella...
Tra uno strappo e un...
Io ti canto...
Giaccio...
Vado sfogliando...
Dove sei andata ?...
Elisei...
Il testa di caxxo...
Un piccolo pianto...
Alla mia meraviglia...
Umanità fallita...
PETRA...
Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...
L'autocontrollo è un...
Attesa...
Attimi (concorso poe...
Essere...
La pastora...
Qualche rivolo in me...
SULL’ORLO DEL BARATR...
DANZANDO CON TE...
Alla mia cara gatta ...
I lucchetti che apro...
Il buio...
Io prendo la minima...
Primitives...
Io e te per sempre...
Se guardi nel rifles...
Ho chiesto alla brez...
Il cambiamento clima...
Nuovo giorno...
Politica e corruzion...
Villaggi scomparsi...
RAGGI D'OMBRA...
I pensieri di oggi...
IL LABIRINTO DEL...
Avvelenata...
Quando seppellirono ...
TRIAGE...
Stille dal camino...
Il giglio d',Italia...
Amore...
GLI ASINI DI BRUXELL...
Predatore del silenz...
Un bacio, ovunque se...
Fu...
ATTIMO...
CORIANDOLI E' CA...
Hanno scelto il sile...
Il raglio dell'asino...
Una donna sta anche ...
Attesa...
Raggio verde...
Dioniso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Gianna la matta

Mi ero svegliato con una insolita eccitazione, una voglia di vivere ed uscire da queste quattro mura, che prima non mi era mai capitato. La ragione era semplice: dopo quasi due anni di frequentazione del Centro di Igiene Mentale di Torino, finalmente il direttore sanitario, consultatosi con la dottoressa Vergani Annalisa, aveva deciso che potevo uscire senza accompagnamento.
Anzi, non solo potevo uscire, ma dovevo anche sbrigare alcune pratiche semplici per conto del Centro.
Insomma, mi era stato dato l'incarico di consegnare la biancheria sporca alla lavanderia Calimero, associata con il nostro CIM, e ritirare quella pulita. Un incarico di responsabilità. Dovevo fare venti euro di gasolio al furgone, firmare la bolletta di accompagnamento, e mi era stato permesso pure di fare colazione al bar.
« Questi sono venticinque euro » , mi aveva detto il direttore, « so che farai le cose per bene »
Esagero se dico che mi sentivo euforico? Ormai ero un paziente guarito, e le uniche medicine che prendevo erano dosi ridotte di xanax, ma solo nei periodi di attacco di panico.
Basta, accendo il furgone con tutti i pazienti che mi salutano come se andassi in America, e imbocco il viale che porta al cancello d'ingresso. Accendo la radio, e vado a beccare proprio una frequenza sulla quale stanno trasmettendo Vasco Rossi. Troppo fortunato. Iniziamo bene. Mi accendo una sigaretta, mi sistemo sul sedile, ed esco.
La vita è bella, mi viene spontaneo pensare. E questa voglia matta di vivere significa una sola cosa: non sono più matto.
Alla seconda rotonda imbocco Viale Sabaudia, con i suoi tigli carichi di foglie pronte a cambiar colore, segnale che l'autunno è qui. Stagione triste, l'autunno, rappresenta la fine della vita estiva.
Ma non per me...io ho l'animo in allegria primaverile. Quei tigli mi paiono in fiore; ne sento il profumo.
A metà viale, sulla destra, c'è il distributore di benzina. Dietro il distributore sono sorti tre grandi palazzi, pieni di gente che lavora, e allora il gestore ha aperto pure un bar e ha tolto il cancelletto posteriore, per far entrare a piedi gli abitanti.
In questi palazzi ci abita Gianna, che qui chiamano la matta. Lei non mi conosce, anche perché testarda com'è non ha mai voluto chiedere aiuto a nessun centro di igiene mentale, quindi non ci siamo mai incrociati. Però io conosco la sua storia, e so quel che fa quando incontra qualcuno che non le va a genio. Una volta è entrata nel bar del distributore, c'ero anch'io, ma me ne stavo andando.
Sbraitava con tutti, diceva parolacce alla gente che la prendeva in giro.
“ Ah stronzo, sei una merda, un escremento umano... » , gridava, rivolta a un tipo con la faccia poco raccomandabile.
Lui gli faceva le pernacchie, rideva e le diceva:
« Gianna la matta, in calore come una gatta... »
Lei digrignava i denti, e il suo bel viso di attrice drammatica si trasformava. Aveva i capelli lunghi e neri, mossi, arruffati, due occhi profondi come pozzi dentro i quali pareva si nascondessero tutte le paure del mondo. Alta, ben fatta, con due gambe lunghe che nascondeva sotto un'ampia gonna colorata, come quelle delle zingare. Portava sempre una camicetta viola, scollata, dalla quale si intravedeva un seno alto e pieno, sodo. Quando inveiva pareva che piangesse, e sul viso scorreva una traccia di nero, forse il mascara, usato in abbondanza per dare risalto agli occhi.
Quando la chiamavano Gianna la matta, oltre a sbraitare e dire parolacce, faceva una danza strana che a me dava l'impressione di essere una sorta di rito tribale: si alzava la gonna fino al mento e mostrava le gambe, ancora belle nonostante non fosse più giovane, e digrignava i denti emettendo, al contempo, un suono gutturale, come quello di un animale ferito, o arrabbiato.


Metto la freccia ed entro al distributore. Mi fermo davanti alla colonnina del manuale, anche perché il gasolio del fai da te costa meno. Infilo i soldi, due pezzi da dieci, e prendo la pistola. Appena terminata l'operazione, chi vedo? Proprio Gianna. Mi pare che voglia entrare nel bar, ma il benzinaio glielo impedisce.
Non faccio a tempo a salire sul furgone che lei, inveendo verso l'uomo, un bestione che ha l'aspetto di un orso scorbutico, urla:
« Lo sai, sei una testa di cazzo... »
Poi viene da me con fare deciso ed io, tra il divertito e lo spaventato, aspetto che mi dica qualche parolaccia, come suo uso e costume. Invece, con grande calma e gentilezza mi fa:
« Mi scusi bel signore, mi manda gentilmente affanculo quella faccia da cazzo del benzinaio, non trova anche lei che è un testa di cazzo? »
Incredibile, mi ha trattato come fossi un gentiluomo.
« Come no, signora, per una bella donna come lei, questo e altro »
Vado dal benzinaio con il sorriso sulle labbra, e gli schiaccio l'occhio. Che posso fare...spero non se la prenda.
« Senti, la signora mi ha pregato di riferirti che sei una gran testa di cazzo. Però se ci lasci entrare nel bar a far colazione, ritira tutto. Ah, dimenticavo...e va affanculo... »
L'uomo, fortunatamente, è meno scorbutico di quel che sembrava. Fa un inchino di lato e mi dice, indicando il bar con un braccio:
« Prego, accomodatevi... »
Gianna si avvicina, mi prende sottobraccio mentre apro la porta del bar, e mi ringrazia.
« Due cappuccini e due brioche, massimo cinque euro. Non ho altro », dico io d'un fiato.
Lei mi guarda e mi fa un sorriso, che non posso dimenticare:
« Non ti preoccupare per i soldi. Li ho io...e poi, se non ci si aiuta fra di noi... »


Tornando dalla lavanderia pensavo ancora a Gianna e mi venne spontaneo un pensiero: “se non ci si aiuta tra di noi” poteva essere presa come un'offesa, e invece a me è sembrato un gran bel complimento. Felice e contento di essere stato riconosciuto.
Al Centro, il direttore mi aspettava.
« Allora, com'è andata...bene? »
« Di più », dico io, e in quel momento capisco che posso rimettermi a vivere. Alla grande.




Share |


Racconto scritto il 04/12/2023 - 16:06
Da Mino Colosio
Letta n.332 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Ciao Margherita, grazie. Si è vero, manco da un po', sono stato all'Elba e lì non uso il pc. Sono sempre per mare. Ho qualcosa di nuovo, a breve rientro. Ciaociao!

Mino Colosio 14/01/2024 - 11:06

--------------------------------------

Ciao Giacomo... Complimenti per questo racconto
Sei sparito?

Margherita Pisano 14/01/2024 - 10:36

--------------------------------------

Caro Francesco, ho una simpatia per i "matti" ed ho scritto parecchi racconti sull'argomento. Anch'io sono un po' matto, in famiglia lo sanno tutti. Grazie del bel commento. Ciao

Mino Colosio 05/12/2023 - 17:42

--------------------------------------

Correggi con consueta

Francesco Scolaro 05/12/2023 - 15:28

--------------------------------------

Io ho sempre pensato che i "matti" sono tali solo prchè vivono nel loro mondo dove, per loro, i matti siamo noi. Racconto molto significativo, contraddistinto dalla consuta classe narrativa, ciao

Francesco Scolaro 05/12/2023 - 15:26

--------------------------------------

Grazie Maria Luisa.

Mino Colosio 05/12/2023 - 13:22

--------------------------------------

Bella scrittura e bel racconto ...

Maria Luisa Bandiera 05/12/2023 - 07:41

--------------------------------------

Vincono perché tu sei bravissimo!!!

Margherita Pisano 04/12/2023 - 20:16

--------------------------------------

Sì Margherita, come detto a Mirko forse lo avevo postato già qui. Ulteriore dimostrazione che i racconti di Oggi scrivo possono vincere Premi Nazionali.Grazie Margherita, ciao

Mino Colosio 04/12/2023 - 20:09

--------------------------------------

Sì Mirko, è uno dei racconti presentati al Premio Piero Chiara. Mi sa che l'avevo già postato qui. Grazie .. ciao

Mino Colosio 04/12/2023 - 20:06

--------------------------------------

Bellissimo racconto, letto con piacere, forse riletto!!!
Sei un grande Giacomo, e tanto da imparare dai tuoi racconti. Complimenti

Margherita Pisano 04/12/2023 - 19:44

--------------------------------------

Conosco questo testo... complimenti maestro

Mirko D. Mastro 04/12/2023 - 19:32

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?