Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...
Poesia......
Tre corse in tram...
Un tanto ingenuo e t...
Sul lungomare della ...
Cavaliere della carr...
Se insegni con passi...
L' odore dell'amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



LA TUA PREGHIERA

Nude le braccia, verde un giorno il tuo manto,
ora, rubato da una natura matrigna,
giace per terra, scolorito e stanco.
Non c’è più ombra e il sole, seppur tiepido,
ti trafigge sino a penetrar nell’anima.
Eppure non ti muovi, rimani lì,
nessuno ode il tuo lamento.
Continuerà con gli aspri freddi dell’inverno,
il tuo implacabile tormento.
Ora allunghi le braccia verso il cielo,
quasi ad invocare una preghiera.
Ti ascolterà un giorno,
torneranno a crescer le tue fronde,
Il tuo lungo soffrire,
forse l’intensità della preghiera,
ti faranno ritornare imponente e maestoso.
Dolce sarà, di nuovo,
riposare all'ombra fino a sera.



Share |


Opera scritta il 25/01/2018 - 21:11
Da ALFONSO BORDONARO
Letta n.261 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Poesia ricca di emozioni ,complimenti Alfonso 5*.

Paolo Perrone 28/01/2018 - 01:07

--------------------------------------

bellissima, un inno di lode alla natura !

giuliana marinetti 27/01/2018 - 08:52

--------------------------------------

la morte
e poi, la rinascita
Alfonso, pensa se avessimo anche noi, la possibilità di rinnovarci anno dopo anno
certo, nulla e nessuno è eterno...e verrà il giorno che quella preghiera nn sarà più ascoltata

laisa azzurra 26/01/2018 - 20:17

--------------------------------------

Una bellissima preghiera, colma di sensibilità per gli alberi che sono il respiro del mondo, il nostro respiro!
Amo gli alberi e ti ringrazio per aver scritto questa poesia cosi bella!

Margherita Pisano 26/01/2018 - 20:13

--------------------------------------

La vita degli alberi segue la vita di qualsiasi essere vivente.Commuove vederlo sofferente e spoglio, ma è il ciclo della vita.Bella!!!

Teresa Peluso 26/01/2018 - 20:00

--------------------------------------

MOLTO BELLA ALFONSO una sensibilità che tutti non abbiamo

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 26/01/2018 - 13:48

--------------------------------------

Una poesia veramente bella, da primo premio. Complimenti e buona giornata.

Paolo Ciraolo 26/01/2018 - 11:39

--------------------------------------

Bella poesia Alfonso
il tuo albero rinverdira'

Salvatore Rastelli 26/01/2018 - 11:29

--------------------------------------

ALFONSO...poeta dolcissimo hai descritto la morte dell'albero con la sensibilità che ti appartiene. I rami spogli segno che anche lui è al termine dei suoi giorni. Ma qualcuno ha ascoltato le sue preghiere, nuovi germogli gli daranno vigore e le sue fronde torneranno a dare ombra. Un nuovo albero fiorito continuerà il ciclo della vita all'infinito.Bellissima ciao buona giornata.

mirella narducci 26/01/2018 - 09:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?