Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

la Storia...
L’ESILIO DEL SALUTO...
l'amore...
PASSI...
Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
FIGLIO...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...
L'inciso e i lillà...
Natale a Auschwitz...
Il sole è un grande ...
Dici…...
TEMPO...
I SOGNI CHE NON HO F...
Passa il tempo...
SILENZIO...
Vuoto esistenziale...
Il “ primo amore “...
TrAsPaReNzE...
Verso la nuova luce...
Giochi tecnologici...
IL VERO AMORE CRESCE...
Lo sportello dell'in...
Voglio sentire...
BRICIOLA...
IL RUMORE DEL ...
DONNA...
I ricordi fioriscono...
Questa gioia nuova...
Chiarezza...
Intrighi...
L'eco del passato...
Scie tra questi fogl...
LA TRISTEZZA HA I TU...
Il mare in autunno...
Notturno Toscana...
Ho rinchiuso il poet...
SE L'AMORE NON E' UN...
Sovente è al crepusc...
La lampada d'oro...
Albert Einstein....
Quante ombre......
Ti amo...
Addio...
Foglie d’autunno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

FORSE E’ MEGLIO COSI’

Non riesco a ricordare
il momento in cui la mente s’è inceppata.
Eppure deve esistere una linea di confine
che mi consenta di separare
il mio prima
dall’attuale poi.
Deve esserci stato un tempo
in cui potevo definirmi normale,
un tempo in cui alzavo il bavero
se tirava vento
ed aprivo l’ombrello
per proteggermi dalla pioggia.
Questo “poi” non mi piace,
mi fa sentire esposto,
fragile, troppo debole
per trasportare in giro
il peso della polvere.
Ed allora cerco disperatamente
quell’istante maledetto
per riparare l’ingranaggio rotto
e finalmente
tornare a veder foschia
dietro ai tetti rossi, e non il mare,
camminare lungo la via
senza raccontare storie alla mia ombra,
far smettere il silenzio
di far tanto baccano.
Perché in un mondo
in cui un treno non è un viaggio
e un’utopia non è una meta,
si possono mangiare fragole
senza aspettar la primavera,
ed io mi son convinto
che forse è meglio così


Share |


Poesia scritta il 06/08/2018 - 09:15
Da Roberto L
Letta n.117 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Grazie mille Ernest, Mimmi, laisa. Gentilissimi e molto sensibili. Un grazie sincero

Roberto L 07/08/2018 - 08:54

--------------------------------------

Mangiare le fragole fuori stagione è accontentarsi...si, forse è meglio così, ma se hai conosciuto l'oltre, il sapore intenso di una fragola di stagione, nn potrai tornare più indietro. Potrai convincere gli altri, ma mai e poi mai te stesso. Bella da far male

laisa azzurra 06/08/2018 - 15:56

--------------------------------------

Bellissima e coinvolgente, molto intima, troppo forse per azzardare interpretazioni...
Sempre tu, a partire dal titolo!

Mimmi Due 06/08/2018 - 14:46

--------------------------------------

Mi sembra sentita, vera,una esposizione senza niente di ricercato. Molto apprezzabile.

Ernest Navi 06/08/2018 - 12:19

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?