Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Da Ibiza...
Sogni rubati...
Che meraviglia!...
La prossima volta...
Vorrei incontrarti...
Forum...
Mi piange il cuore.....
La sede...
A scuola, nel 1968...
Giorni Difficili...
Al vento non c'è al...
AUTUNNO (doppio acro...
Il bacio di una stel...
Mi chiedo se non ci ...
PRIMA O POI...
Come una sigaretta...
Immenso mare...
Più piacevole del mi...
IL VASO MING...
Resta qui con me- i...
Enrico e mio padre...
Ognuno di noi possie...
Qui è più facile tro...
L'anima vola...
GIOVANE POETA...
Eterna tristezza...
Amare....
Adriano...
IN QUEI SPAZI VUOTI...
Angeli guardano dall...
Predatori di anime...
La pace dentro...
Pierangelo...
D’emblèe...
Delle volte conviene...
I TUOI BACI...
Natura autodistrutti...
Impronte d’estate...
Selvaggia...
Emozione...
La colazione...
Il respiro dell'autu...
Il Mare Fantasma...
Cosa Eravamo...
ADDIO...
Un ricordo lontano...
Curioso Settembre...
IMMENSE EMOZIONI...
Che bella cosa la sp...
Arguzie...
BELLEZZA...
Nel fluir dei pensie...
IL SENSO DELLE...
Poeta...
Ti ho cercato...
Gelo Maligno...
Troverai un cielo li...
Il ponte...
Sei un mistero...
Iron883...
Il passato...
IL MONDO RACCONTA Un...
Eppure sembra sempli...
Nato in Settembre...
DUE RAGAZZI...
L’imbecille di turno...
Nonna stand by me...
Sarò solo io a scegl...
In alcuni momenti è ...
Ingrata inettitudine...
Quante volte sono st...
Ulisse...
Brezza...
Sensazioni...
Bruma...
Angoscia...
Così è la vita...
Peccatore...
IMMENSITA'...
mattina presto...
Progetti...
splendore...
Settembre...
L' ANIMA OZIOSA...
spicchi...
Margherita...
UN ATTIMO E FU AMORE...
OASI...
E non esiste espansi...
La fune....
Il sole splende, sol...
Teniamoci stretti...
Addio...
Lupo...
A furia di fare i fu...
Febbre...
A TE...
Sasso e prato...
Immenso mare...
Quando guardo l'oriz...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Trottano o vanno al passo

Trottano o vanno al passo
tra bigie plaghe celesti
nubi maculate e orlate
con bioccoli sfrangiati
già pronte a scaricare
folgori tuoni e diluvi.
Abbattute sete e arsure estive
sbuffi pregni di brume
da zolle e botri s'alzano
al sorgere e calar di luci,
al mugolare di ridesti venti
stormiscono canne barbute
chiome pallide e ramate;
poggioli e finestre si rinchiudono
all'avanzar di inumiditi giorni;
di fiamme e dardi stanco
riposa l'intiepidito sole.
Transumanze. Remigar di stormi
vagar di fucili ad armacollo
lesti a impallinare suidi e alati.
Da ramo al suolo, nei viali
nei boschi e nei giardini,
cadono fronde rogge e brune;
mosti munge il torchio
brulicano su vinacce moscerini;
grembiuli e zaini si affoltano
e si adunano dopo estivi riposi
spauracchi su campi arati vegliano.


Autunno, come puntuale ritorni!
Più senile oggi ti incontro
e la tua evolvente percorro
fra arrivi di caligini e scrosci
i tuoi coristi mesto ascolto!


Primavera dell'inverno
anche tu hai i tuoi frutti:
castagne noci bacche e funghi;
anche tu hai i tuoi fiori:
crisantemi eriche dalie e zinne.


Oh avvento di declini di luce
mistica litania di funeree elegie
epidemia di paniche malinconie
accumuli di verdiccio per il pattume
agonico proscenio di ingiallimenti!


E tra queste foglie accartocciate
che solinghe pendono dai rami
c'è quella della mia brulla vita
che ancor non si stacca e attende
l'estrema e peggiore delle stagioni!



Share |


Poesia scritta il 10/09/2018 - 15:12
Da Angelo Michele Cozza
Letta n.28 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?