Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere...
Ma quale amore ?...
Tutto l'oro del mond...
La mia pietra prezio...
Scolpire il legno...
La mia bizzarra stan...
BREVI STORIE IN TRE ...
Ritorno...
L'anello di smeraldo...
Dalla finestra...
Poi tutto...finisce...
Niente da dire...
Haiku C...
A MIO FRATELLO...
Haiku a...
La péntima (Acqua di...
LETTERA DI RINGRAZIA...
Natura...
Ci sono visioni che ...
Oblivio...
magia notte...
Gran Peso, senza dar...
L'amore rincorso...
IL SORTILEGIO DEI QU...
Sogni nella pioggia...
La consapevolezza...
Con le preghiere...
Se franassi sulle mi...
ti scrivo perchè.......
Non più un dio...
La vita come un tang...
I SOGNI...
IL FARO...
Il papavero...
La DOMENICA...
Sfuggon giorni...
La memoria...
Maggio...
Alla complice...
Autoritratto...
Sfogliando i miei ri...
About poetry, by C.H...
Ode ai non vivi....
Haiku - Spinti dal.....
Pascoli in fiore...
A volte le parole si...
SBAGLIANDO S\'IMPARA...
a niki lauda...
Haiku 10...
ATTIMI DI LEGGERA BE...
Il Vecchio Bonaccion...
I colori dei sogni...
Sposa futura...
AMARSI...
Cap 5. Una pista sba...
Haiku d...
Lettera aperta...
Affeziònati di nasco...
La Corazzata Potëmki...
Una difficile primav...
Sempre l'uomo con la...
Bilanci...
Presso l'acqua...
Schegge...
TI RICORDI....?...
La voce del vento...
La stanza dei sogni...
AMICO IL SILEN...
La treccia bruna...
Pensandoci, oggi per...
Le foibe dell' anima...
Pierina...
Infanzia...
Intenso...
... adagio...
Aquiloni...
LA NOTTE...
Sei qui davanti a me...
Le donne innamorate...
Il semplice vivere...
Il dono...
CERCO...
ATTIMI DI LUCIDITÀ...
Scrivere....
La felicità non ha u...
200 PAURE ED OLTRE...
Lettera ad un immens...
Un diverso atteggiam...
Una rosa di notte...
Haiku 9...
Non so se sia giusto...
LETTERA A MIA MAMMA...
A quest’ora le nuvol...
E poi cadi......
L’occhio Destro....
RICORDO DEL PRIM...
Fiume...
GIORNO NEBULOSO...
Messaggio in bottigl...
PER TE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



U mere nuste - Il mare nostro

Puste accome nu catenazze
strengite mminze a do vrazze
u mere nuste nan sepe u bbene
che nge vole u menupletene.


Passe passe de tramundene
u mule nuve a rotte addrizze
a lemeture i u mere grusse
acchjene ne furtezze


I ce t'ammine coste coste
i meste d’assce di fundenedde
te done u passe ggjoste.


Nan te pere sotte u Capetene
de resperè l’arje du pejuse
jinde a chepe se fesce chjene chjene
u suspette ch’hè lassete u parevise.


Me quenne jesse sope a banghine
nu sckaffe de vinde, de ggende, de gride
na jacchje nu crestjene che s’azzide
pe ttotte u llarghe jè sembe ne mujine.


U core te fesce scurdè a fetiche
quenne t’affacce a u porte andiche:
u meracle se sende
u timbe nan ‘nge pere
i vicchje sapene i picce du mere.


Appicce i stute, rosse i vverde fesce:
stà mmore nn’alde scjurnete
nan ‘ng’evaste nu pettore o nu puete
pe ccundè u sole che scriesce.


Me quende sole angore annà scriè?


U mere s’aggire i s’arrevolde,
se ferme i se guarde:
da ddè venemme
i ddè ama tturnè
‘stu mere m’agghje gudè
prime de fè tarde.



Share |


Poesia scritta il 13/05/2019 - 14:57
Da ferruccio ferretti
Letta n.43 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?