Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Quando ti vestivi co...
TRAMONTO...
Così...
Il bambino Dawn...
Non posso restare....
UN OTTOBRE NORMALE...
L'impervio sentiero...
Un'altra battaglia...
Fiabilandia...
Trasparenti sembianz...
IL FUOCO...
Filastrocca dello st...
Ipnosi...
Presenza....
Riflesso...
Dedica...
HAIKU B...
IL SORRISO DEL TRAMO...
CONTINUO A SOGNARE...
Guardando il cielo...
Il mare - Il progres...
Cuore d’ippocastano...
Cosmo sfiorito...
Passaggi...
Gianny Mirra...
Un Marinaio...
Dolce...
Mia Luce, mie tenebr...
L’interrogativo del ...
BOCCA A BOCCA...
Il mattino...
Prospettiva...
sbarre...
Cerca altrove...
Giorni senza cuore...
PASSERÀ...
Non era il tuo volto...
Scusa lo sfogo...
La risata del picchi...
Il pilota dei sogni...
le violette...
Pescherecci...
Appennino...
Terra...
Miriade di stelle...
AMORE PERDUTO...
Tanka 27...
Lungo una strada pol...
15 febbraio...
DISLESSIA...
Anche i virus hanno ...
COME I CAVOLI A MERE...
Amore unico...
La vita fuori...
Percezione...
Per sempre....
Il nostro amore è fi...
Barzellette in narra...
Bonsai...
RICAMI D'AMORE...
Pozza, anima e nudit...
Te lo dico in poesia...
CHISSÀ...
Il 14 febbraio si fe...
Il bacio del beccacc...
Veramente felice...
Tamburi...
Per te...
Di notte...
Ti conosco...
Provocatorio Dadaism...
IL CAMPO DI GRANO...
Solitario...
La giostra delle fia...
Momenti di vita...
La fine...
Angeli forse...
specchio...
Tempo di mietitura...
Confusione...
Renoir...
Il ballo delle cento...
Un cielo increspato...
Vita...
le persone si conosc...
Brume sparse...
La bellezza...
Sei tu amico mio...
Il mare...
Traccia...
Il cantastorie di fa...
C era in Te...
Confine...
HAIKU A...
D'un tratto (espansi...
Autunno...
Erto e Casso...
Ti chiedo gentilment...
MUOIONO I MARI...
Metafisica...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



U mere nuste - Il mare nostro

Puste accome nu catenazze
strengite mminze a do vrazze
u mere nuste nan sepe u bbene
che nge vole u menupletene.


Passe passe de tramundene
u mule nuve a rotte addrizze
a lemeture i u mere grusse
acchjene ne furtezze


I ce t'ammine coste coste
i meste d’assce di fundenedde
te done u passe ggjoste.


Nan te pere sotte u Capetene
de resperè l’arje du pejuse
jinde a chepe se fesce chjene chjene
u suspette ch’hè lassete u parevise.


Me quenne jesse sope a banghine
nu sckaffe de vinde, de ggende, de gride
na jacchje nu crestjene che s’azzide
pe ttotte u llarghe jè sembe ne mujine.


U core te fesce scurdè a fetiche
quenne t’affacce a u porte andiche:
u meracle se sende
u timbe nan ‘nge pere
i vicchje sapene i picce du mere.


Appicce i stute, rosse i vverde fesce:
stà mmore nn’alde scjurnete
nan ‘ng’evaste nu pettore o nu puete
pe ccundè u sole che scriesce.


Me quende sole angore annà scriè?


U mere s’aggire i s’arrevolde,
se ferme i se guarde:
da ddè venemme
i ddè ama tturnè
‘stu mere m’agghje gudè
prime de fè tarde.



Share |


Poesia scritta il 13/05/2019 - 14:57
Da ferruccio ferretti
Letta n.163 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?