Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Quando ti vestivi co...
TRAMONTO...
Così...
Il bambino Dawn...
Non posso restare....
UN OTTOBRE NORMALE...
L'impervio sentiero...
Un'altra battaglia...
Fiabilandia...
Trasparenti sembianz...
IL FUOCO...
Filastrocca dello st...
Ipnosi...
Presenza....
Riflesso...
Dedica...
HAIKU B...
IL SORRISO DEL TRAMO...
CONTINUO A SOGNARE...
Guardando il cielo...
Il mare - Il progres...
Cuore d’ippocastano...
Cosmo sfiorito...
Passaggi...
Gianny Mirra...
Un Marinaio...
Dolce...
Mia Luce, mie tenebr...
L’interrogativo del ...
BOCCA A BOCCA...
Il mattino...
Prospettiva...
sbarre...
Cerca altrove...
Giorni senza cuore...
PASSERÀ...
Non era il tuo volto...
Scusa lo sfogo...
La risata del picchi...
Il pilota dei sogni...
le violette...
Pescherecci...
Appennino...
Terra...
Miriade di stelle...
AMORE PERDUTO...
Tanka 27...
Lungo una strada pol...
15 febbraio...
DISLESSIA...
Anche i virus hanno ...
COME I CAVOLI A MERE...
Amore unico...
La vita fuori...
Percezione...
Per sempre....
Il nostro amore è fi...
Barzellette in narra...
Bonsai...
RICAMI D'AMORE...
Pozza, anima e nudit...
Te lo dico in poesia...
CHISSÀ...
Il 14 febbraio si fe...
Il bacio del beccacc...
Veramente felice...
Tamburi...
Per te...
Di notte...
Ti conosco...
Provocatorio Dadaism...
IL CAMPO DI GRANO...
Solitario...
La giostra delle fia...
Momenti di vita...
La fine...
Angeli forse...
specchio...
Tempo di mietitura...
Confusione...
Renoir...
Il ballo delle cento...
Un cielo increspato...
Vita...
le persone si conosc...
Brume sparse...
La bellezza...
Sei tu amico mio...
Il mare...
Traccia...
Il cantastorie di fa...
C era in Te...
Confine...
HAIKU A...
D'un tratto (espansi...
Autunno...
Erto e Casso...
Ti chiedo gentilment...
MUOIONO I MARI...
Metafisica...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

a giovanni falcone

A svergognar non avrai, mafioso morbo
d’italica pelle l’ancestrale beltà a ardore
negl’occhi ieri come oggi intonso scorgo
del popolo il disio di mutar del paese il colore;
non più ‘l vermiglio sangue di innocenti
ma l’alme che al mal guerra sferran ruggenti
con spirti di patria intrisi e di giustizia
ch’elevar sappien il tricolor dalla velenosa mestizia.
“Giovanni – dir io v’odo – tu nei cor nostri giaci
e non umiliato dalle bombe vigliacche di Capaci
in ciò che sarà impegno nel nostro quotidiano
al tuo baglior di ricordo tenderem la mano”.
Dì verrà in cui la Trinacria più non avrà a soffrire
tra templi e zagare d’antichi fasti lo scintillar
più non serberà l’ lezzo del morire
e nella complice frescura della gaudente sera
rifiorirà dello stival la prisca primavera.


Share |


Poesia scritta il 14/05/2019 - 13:19
Da cristiano comelli
Letta n.156 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Frammento di storia, uomo grande da ricordare.

Graziella Silvestri 20/05/2019 - 23:21

--------------------------------------

Molto ben scritta e poi è giusto ricordare

Maria Isabel Mendez 14/05/2019 - 22:41

--------------------------------------

Sei maestro nelle dediche a personaggi della storia presente e passata ed anche con questa non ti smentisci, sei bravissimo. Ciao.

santa scardino 14/05/2019 - 20:43

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?