Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Passione di fuoco....
CONVINZIONI...
La stella cadente...
ricordo sempre...
Dove il tempo...
PELLEGRINAGGIO A MON...
L'astronauta e la Lu...
POTEVO IO ESSERE RE...
IL PRIMO AMORE...
Natura...
Sono vecchio...
mondo pazzoide...
VITA SCAPIGLIATA...
Nel bagliore di una ...
CLANDESTINO...
Un figlio ti cambia ...
Enzo Jannacci...
Un'estate al sud...
Vanno gli innamorati...
Notti di luna...
Parentesi...
Il pensiero...
Gocce in cielo...
Quel sussurro...
ATTIMI MINUSCOLI UNI...
Casa rude...
Simulacro ingannator...
IL SOGNO DI GREAT SW...
Il mio analista è in...
Io vivrò per te...
TU...
Viandante...
Immenso mare...
I miracoli esistono,...
C\'era una volta......
Talora la sincerità ...
Una tunica bianca...
Uomo bianco e uomo n...
a commuovermi ci pen...
Quaderno delle poesi...
Ironia dell'alcool...
Non è tardi...
INVENTIAMOCI LA ...
L'estremo punto le o...
Un cretino che crede...
Non chiamatemi poeta...
Quel sogno irreale!...
Timidezza...
Se ti chiedi se farà...
Immagina il mio sile...
Gioconda del cielo...
UN KILLER VENUTO DAL...
Mare...
ETERNO PIACERE......
La poesia...
Lo scrigno...
Sotto un cielo di st...
Passerei la notte a ...
L'incidente...
Il silenzio...
Notte di luna...
cos'è la nostalgia ...
Una rondine...
Sul filo corre la vo...
Haiku 10...
Les artistes...
Tormento...
Romantica Luna...
Milano sotto il palt...
Timida luna...
LA MIA VITA SE...
è la luna sulla duna...
Verde...
Ring...
Per sempre...
Il nastro della mia ...
Essere e avere...
LA STRADA DELLA LUNA...
Sappi che...
Battaglia...
un poeta per te...
Se potrà aiutare (a ...
HAIKU m...
Certe aspettative, a...
fluire il Portale...
PER I TUOI VENT'ANNI...
Sulla dinastia dei l...
Di me bambina...
Anche se triste...
QUEGLI OCCHI TUOI...
Nostra compagna...
Rifugio d'amore...
La sepoltura...
La sensualità del su...
IL RISVEGLIO...
Ritagli...
Sensazioni....
L'abbraccio di una m...
LA GENTE NON TI ASCO...
L'amore mi salverà...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

a giovanni falcone

A svergognar non avrai, mafioso morbo
d’italica pelle l’ancestrale beltà a ardore
negl’occhi ieri come oggi intonso scorgo
del popolo il disio di mutar del paese il colore;
non più ‘l vermiglio sangue di innocenti
ma l’alme che al mal guerra sferran ruggenti
con spirti di patria intrisi e di giustizia
ch’elevar sappien il tricolor dalla velenosa mestizia.
“Giovanni – dir io v’odo – tu nei cor nostri giaci
e non umiliato dalle bombe vigliacche di Capaci
in ciò che sarà impegno nel nostro quotidiano
al tuo baglior di ricordo tenderem la mano”.
Dì verrà in cui la Trinacria più non avrà a soffrire
tra templi e zagare d’antichi fasti lo scintillar
più non serberà l’ lezzo del morire
e nella complice frescura della gaudente sera
rifiorirà dello stival la prisca primavera.


Share |


Poesia scritta il 14/05/2019 - 13:19
Da cristiano comelli
Letta n.80 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Frammento di storia, uomo grande da ricordare.

Graziella Silvestri 20/05/2019 - 23:21

--------------------------------------

Molto ben scritta e poi è giusto ricordare

Maria Isabel Mendez 14/05/2019 - 22:41

--------------------------------------

Sei maestro nelle dediche a personaggi della storia presente e passata ed anche con questa non ti smentisci, sei bravissimo. Ciao.

santa scardino 14/05/2019 - 20:43

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?