Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Camelia...
Consumato in segreto...
La bambina al balcon...
Credevano di poterla...
Al vostro fianco...
In questo mondo così...
Il venditore di oliv...
GOCCE D'AMORE...
SOGNO O REALTA'...
L'oblio non si dimen...
Ancora bianchi e ner...
A ME RITORNO...
Sconfiggere il passa...
Vento del nord....
Lapislazzuli...
Calore...
Vecchio...
Tanka n. 12 inedito...
Per voler destino...
Decisioni difficili ...
L' ABISSO DEL LING...
L'EDICOLA...
Piante...
Nel mio sangue scorr...
Bianco gabbiano...
Paturnie e piaceri...
Uno sguardo luminoso...
Giulia e il ricordo ...
Angeli in prova...
Sorelle...
IO IL SOLE E TU LA L...
Ci sono parole che ...
Quando nel cielo non...
Confuso (mi innervo,...
Il dubbio...
Ansia sociale...
Memoria...
Il colore dei ricord...
ti lascerò andare...
Auschwitz 1943...
PENSIERI...
Il segno...
Haiku19...
Sentirsi soli...
finestra...
Dal buio alla luce...
Il Sole...
Il giorno della memo...
Di Luna, e del suo a...
Io, la Valle e Trism...
Amarti tutta la vita...
solo un cantastorie...
RESILIENZA...
Sant'Ambrogio 2020...
Dachau...
Echi nel vento...
HAIKU Z...
Favola sotto il ciel...
San Silvestro...
Un giorno come tanti...
la spalla...
Vinca il migliore?...
Storia di una badant...
Il suono dei mostri...
Sorriso di stelle...
Sentirti...
Stagno...
Il pettirosso...
Chi salva...
Da Epigrammi Notturn...
Come hai potuto (ded...
Haiku n° 12...
Lo spettacolo più be...
Minimalismo siamese....
SEMBRA IERI...
Piccole Ali...
Che possa toccare un...
FINE DI UN AMO...
Non umana...
Portami via...
Notevole...
Dedicata a Grazia Gi...
Metamorfosi...
La ragazza delle mil...
E' quando aspetti un...
Farfalla....
ANCORA ACCANTO A ME...
Sonno...
Storia di una badant...
La collezionista...
Si dice...
Stanca serata...
Nuvole e Gabbiani...
Andiamo avanti così...
Igor Michail...
Dell’inviolabilità d...
Canto del dove i sen...
Dammi...
In tempo di guerra...
Trilussa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ciao, per un po'

E niente, solito bar,
solite facce,stesso vivere calmo.
Solito paese, stesse idee.
Solita sigaretta.
Calma, ragazzo,
calma.
Bicchiere, birra,psoriasi.
Derapo con la mente
in sentieri assurdi e poco battuti.
Luci di lampioni,
alberi di natale abbandonati per la via.
Sto seduto eppure cammino.
Vedo montagne russe,
il barista sogna in bianco e nero.
Il banco mi fa compagnia,
marmo accogliente.
Sgommero' via da qui,
cercherò altre case;
cercherò altri io da scavare.
Lui alza lo straccio,
si sta lasciando andare,
lo sento;
si sta arrendendo.
La radio passa una musica decente.
C'è poca luce,
penso a quel prato verde...
Sapete?!
Una volta ho visto morire un riccio.
Bhe...
Una volta ho ucciso un riccio.
Le campane oggi non hanno suonato.
Emitischi,
mezzi bicchieri.
E poi ho pensato ad un lieto fine,
alla salvezza;
ci ho pensato
solo che non c'era,
scusate.
E questo è quanto.


Share |


Poesia scritta il 06/08/2019 - 01:13
Da Filippo Di Lella
Letta n.134 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie mille, mi onora il tuo intervento.
Un caro saluto a tutti coloro che sono passati da qua...
Ciao, per un po'

Filippo Di Lella 06/08/2019 - 18:26

--------------------------------------

Nn so
Ho ascoltato una canzone di Vasco
e mi sono venuti i brividi
Bravissimo

laisa azzurra 06/08/2019 - 13:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?