Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'Ira di Zenobia...
Buonanotte...
Quella farfalla il q...
Venere...
ali di farfalla...
Su carta è tutta un'...
Stagioni...
Eppure ci sei!...
Seduto...
Grotte Is Zuddas...
semplicemente tu...
CIO' CHE RESTA DEL T...
SPENSIERATEZZA...
Fu come un soffio ca...
Normale Follia...
Sensazioni 7...
Sulle onde stropicci...
Scoprire l' Amore...
HAIKU N. 14...
Nei momenti di fragi...
Dell'attesa...
L'ammartaggio...
Haiku 14...
Poeti...
L'aprés midi d'un ph...
Il canto più soave...
Tanka 2...
Donna...
Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Forse è il tempo che io smetta di raccontare

Resto in silenzio stavolta,
senza parlare, assorto,
le mani conserte come un bambino
attento alla lezione.


Guardo Hestìa che ha acceso
il fuoco,
sta cucinando le lenticchie,
tra i vapori del tegame di terracotta
quel che resta della mia anima.


Mi chiedo perchè le mie favole non piacciono?
Allora preferisco rinchiudermi
in un mutismo esasperato,
lasciando che siano gli altri a raccontare,
con altre parole e altro significato.


Thot mi ha tolto la sapienza,
riconoscendo in me quell'esagerato istinto
che danneggia la ragione.
Con la mano sul mento tenta di farmi
comprendere che non ha senso
il mio modo di vivere e di amare.


Mi discolpo, so di stare sveglio la notte
e di non dormire il giorno,
perché ho bisogno di non pensare,
alla vita, alla morte,
a quelle campanelline di rame tintinnanti
che mi avvisano che sto per cadere nell'abisso.


Saprò farmi danno in silenzio
senza raccontare,
ho un viaggio da intraprendere,
angeli da respingere e demoni da abbracciare,
senza che nessuno chieda ancora il mio nome
o stringa le mie mani fino a farmi male.


Credo sia giunto il tempo
che io smetta di raccontare,
l'amore di Ero e Leandro, Pinaruti e Yshharu,
altre favole che solo Esopo avrebbe saputo
narrare con ironia e insegnamento.


Ricordo ero la stella più splendente
nel firmamento antico,
guida dei marinai nella tempesta,
luce amica che illuminava il letto
dove lei dormiva.


La mia magia, la Stella più intensa,
immortale e romantica allo guardo…..
riflesso di uno specchio infranto,
dove l'uomo, vive in attesa della fine!



Share |


Poesia scritta il 04/09/2019 - 23:27
Da Alpan Alpan
Letta n.101 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


ALPAN...Il racconto sei tu! Senza il tuo destreggiarti nei misteri della scrittura ogni cosa diventa banale. Lascia che il tuo specchio rifletta la magia anche se infranto le sue facce rifrangenti inonderanno con fasci di luce la tua vita.Bella poesia

mirella narducci 06/09/2019 - 10:46

--------------------------------------

Non svincolato dalla realtà psichica ed esistenziale il poeta racconta ciò che conosce e sente quello che echeggia nel suo animo. Raccontare è un prestito a termine, i piani di recitazione e vita si confondono senza avere più a che fare con le parole; un itinerario intenso attraverso i resoconti. Rifulge la tua personalità errante. Ciao Alpan

GiuliaRebecca Parma 05/09/2019 - 22:12

--------------------------------------

Incantevoli versi che trasportano nel tempo e nello spazio con risvolti introspettivi e profondi.
Molto apprezzata!

Carla Vercelli 05/09/2019 - 18:40

--------------------------------------

Mi associo: il tuo è un bel narrare. Alla prossima...

Mirko (MastroPoeta) 05/09/2019 - 15:48

--------------------------------------

Sono così incantata dalle tue poesie che ora sono io quella senza parole, perché nulla sarebbe alla pari. Continua a raccontare...non provarci di questo piacere.ciao.

santa scardino 05/09/2019 - 14:37

--------------------------------------

Un'altra poesia da incorniciare...
tanto dolore certo, ma la bellezza la porti ancora con te e ne sai esprimere tutta la luce.

Grazia Giuliani 05/09/2019 - 13:38

--------------------------------------

Bellissimo lavoro come, del resto, ci hai abituati. Complimenti

Ernesto D'Onise 05/09/2019 - 11:52

--------------------------------------

...quando si ha avuto l'onore e il privilegio di sfiorare le stelle, sino a stringere al proprio petto, tutto il resto rimane nel buio del proprio cuore.
Bellissima

laisa azzurra 05/09/2019 - 11:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?