Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pianificare...
Fugacità...
E Ti Sogno Ancora...
Max Stirner...
Domani senza di te, ...
Vorrei volare come u...
L'ignoranza,che non ...
Tra le tue braccia, ...
VERSO L' ETERNITA...
Milena e i doni dell...
Elisir...
Los Angeles notturno...
NATURA...
Desiderio...
IL NAUFRAGO...
È l'amore che conta...
Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...
TESTIMONIANZA DI FED...
PENSIERI...
Respirando l'aria...
Vorrei chiederti...
Shot down...
Dentini bianchi...
Sentiero interrotto...
Voglia di scrivere...
shhhh...
L'attrazione fisica ...
Vortice...
HAIKU A2...
Spiragli di luce...
Qualcosa è stato...
Sulle rive del nostr...
RIPARTENZA...
LUNA DEI FIORI 2020...
Ho dimenticato...
Bella Viola...
Chi rimane fanciullo...
Si fa giorno...
Haiku T1...
La storia delle decl...
IL TEMPO PER OG...
Ho bisogno di te...
Violetta...
Vicini vicini...lont...
I passerotti...
Caramelle...
Eco...
Un filo d'aurora...
FIORE RECISO...
UNA PERSONA STA CORR...
nulla é cambiato...
Alberi in fuga...
Riflessi di luna...
Il risveglio…di Mila...
BATTITO DI CIGLIA...
Gelsomino...
La biga marina...
È la voce del silenz...
L'Eden il mio giardi...
Il pontile...
Canto di un nuovo in...
In fondo si respira ...
Dalla dura quercia...
C\\\'erunu tempi....
Inshan Samash...
L' AMORE NEGLI OCC...
un esame lungo una v...
Un pensiero...
Il mio amico Giulian...
IL TESORO DISPERSO C...
L’Asceta...
Maria Goretti...
Il Sole Dopo L\'Oscu...
Stringimi più forte...
Trasposizione...
L’ARMONIA DELL’ESSER...
IERI, OGGI, SEMPRE...
Incisa nell'anima...
E...state...
Cammino...
SCREPOLATURE...
Non c'è niente di pi...
NATI LIBERI...
I tuoi battiti...
FINO A SERA...
Dedicata al Maestro ...
Fonti di vita...
Musica...
Celeste...
Angelo...
IN PUNTO DI MORTE...
Milano...
Covid-19 seconda fas...
Il Rasoio...
NELLE TUE MANI...
Una brutta persona...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

E se pur per errore

E se pur per errore avessi appeso
queste stupide menzogne alla parete
delle cose dolci e dei linguaggi
neppure al termine di un verso
dove spesso inizia tutto quanto,
mi nasconderei.
E se riemergessi in altre forme
come una scintilla di paura
A dettare le leggi nell tombe
Avrei forse trovato la mia casa?
Sarei riuscito a spaccarla
la membrana?


Un tempo ho confessato i miei peccati;
però ancora riemergono nel cielo
tra i meccanismi non del tutto completati
quegli ottusi servi di un’immagine,
della definizione pure delle cose.
Allora ho scritto.
Ho macchiato la carta con il vuoto
che non riesco mai a chiudere del tutto
-ché sempre rimane quello sputo
quell’inesistenza così assurda che incalza
chi non la richiede e ne ha timore
e nella mia rincorsa morta
mi calpesta.



Share |


Poesia scritta il 14/09/2019 - 21:32
Da Alessandro Pellei
Letta n.163 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?