Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Finestra...
Treno, mon amour...
Per chi ama la music...
Naracauli...
oggiscrivo...
Un respiro della not...
Aironi...
Stretta a te...
La pena capitale...
Cumuli di pioggia...
Bestiario di un corp...
Nell'acerbo sorriso...
L'amica alba...
Se la miseria del mo...
L' ALBA DELLA VITA...
Fragilità...
LETTURA ELEGANZA ...
HAIKU D1...
Nebbia e setaccio...
Decisioni difficili ...
Dove le parole finis...
Amare...
Di getto...
Mai la vita appare c...
I giudizi sono sempr...
Paperino non ricorda...
Derealizzazione...
Continua ricerca...
Sanguina il cuore...
Il Filo...
Senza un altro doman...
Me muae (mia madre)...
Dio sole...
Tanka 11...
All'amica ritrovata...
SEI BELLISSIMA...
Carnevale di fantasi...
A che serve tornare?...
LA PIUMA...
Tempo (misura terza)...
Tu, sempre con me...
Tanka 2...
TEATRO DI STELLE...
Sospiri...
AMORE...
Il re del ballo...
L’insegnamento del p...
Dedicata a Giuranna ...
tu esisti...
Ode Nonsense...
AMORE LEOPARDIANO...
Utopica speranza...
Doppio sogno...
Coronavirus ... quel...
Virus...
Dica trentatré......
La pazza...
Tanka 29...
Ci baciavamo...
tempo d'aurora...
Poi pensi di conosce...
Rondini in viaggio...
Virus......
Nel chiuder quella p...
La merlettaia...
HAIKU C...
Un danzare di voci...
Suggestione di Febbr...
L'ETA' DEL CINISMO...
Notte d'inverno...
Due amori all'età de...
IL DUBBIO...
Un giorno finito...
Spiriti protettori...
DANZA DELLA PIOGGIA...
La Casertana...
Notti infauste...
Se vuoi sapere a cos...
LE TUE MANI...
La luce dell'univers...
Non fermarti...
Sei tu il mio redent...
Il fiore di Ranchipu...
Decisioni difficili ...
Credevo......
Homo Italica...
Contrappasso...
Inverno...
Attorno alla cera...
Passiamo tempo a pe...
Tanka 28...
Ritornando dall'agil...
IL MISTERO DELLA VIT...
Orme...
Come battiti d'ali...
La vera storia di Ce...
IO TI VEDO...
Carnevale...
Persona Amata che no...
persecuzione...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Gentilmente

bussi alla mia porta.
Prodigio che giunge insperato,
inaspettato,
perciò così soave.


Per quanto tempo ti ho aspettato
fra le braccia della malinconia!
Tu eri troppo presa
dal tripudio delle tue sensazioni.


Correvi dietro a farfalle di eguale
colore,
che ti suggerivano però un sapore
di vita sempre nuovo.


E che cos'ero io in fondo?
Se non il precipizio sull'orlo del quale
inseguivi quelle farfalle...


Che attrattiva poteva avere ai tuoi occhi
qualcuno che gioca con le parole?
incapace del mistero del volo,
inadatto a lambire un fiore,
figuriamoci le tue labbra...


Per quanto tempo ti ho desiderato!,
tu che bussi ora alla mia porta,
che mi guardi con quegli occhi
scolpiti dalla meraviglia:
puoi prendermi le mani, se vuoi.


Prova a leggere i miei quaderni, se ti va.
Riscrivi le frasi che non ti piacciono.
Ti posso assicurare che sei sempre
stata la protagonista,
hai tutto il diritto di cambiare il corso
delle mie storie.


Ma non potrai dirmi che non ti ho
desiderato tanto.
Sulle copertine di questi miei quaderni non vi è
polvere.
Li ho aperti ogni giorno, tenuti stretti con il mio
pensiero rivolto a te.


Dimmi pure che sono uno scrittore vinto da tutto,
che i miei sentimenti sono usurati
da una vita che va troppo forte.


Se ci tanto,
puoi sederti di fianco a me.
Gentilmente,
senza far troppo rumore.
Perché forse è questo che più di tutto
ho aspettato tanto.
Lo sguardo tuo al posto di tutte le parole del mondo.


Il tuo venirmi incontro
Gentilmente



Share |


Poesia scritta il 09/10/2019 - 18:09
Da Giuseppe Centamore
Letta n.111 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Giuseppe,tanto bella e gentile questa tua poesia

Lisa Lisa 14/10/2019 - 09:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?