Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Droce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....
alllodole...
TankaVirus 33...
haiku 44...
PANDEMIA...
Non suona primavera...
Vita der vicolo...
I fiori della primav...
Lasciatemi il tempo ...
Desideri...
Haiku n°13...
Trasparenze...
Il muro...
Noi...
Correva l'anno 1956,...
Non so quando torner...
Al vento, non c'è al...
Uomo...
Ho voglia di...
Fiori di carta...
Alberi come pensieri...
Come sei triste...
SERALE PARADOSSO...
Straordinario...
Logica follia...
Realtà...
La pace che stupisce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Mia Luce, mie tenebre

È notte ormai da giorni,
e io non riesco a ritrovare la strada di casa.
Mi sono persa così tante volte che,
ora, preferisco rimanere immobile,
certa così di non sbagliare nemmeno un passo.
...Non so neanche se è lì che devo andare.
Non trovo neppure più una ragione
per restare a guardare
quelle persone farmi male,
e nel mio sangue avvelenare.
Il tempo passa e i dubbi aumentano;
il buio oscura anche il mio lato lucido.
Sudo e lacrimo,
disidratata da ogni speranza.
Quando sto per cedere
completamente alle tenebre,
da qualcosa di caldo
mi sento avvolgere.
Le tue braccia mi cingono
impedendomi di cadere.
Il mio cuore è sul tuo petto
e si lascia cullare dal tuo,
tranquillizzandosi.
Le tue carezze,
così dolci,
smussano i miei spigoli
e nei tuoi occhi sinceri,
per la prima volta,
riconosco il mio riflesso,
conosco l'amore.
Improvvisamente
divento sorda alle mie paure.
Torna la luce
a illuminare il mio corpo,
per troppo tempo rimasto svuotato.
E proprio io,
che credevo di saper solo sprofondare,
scopro
di poter volare,
scopro
di poter ricevere amore.


Share |


Poesia scritta il 16/02/2020 - 22:15
Da Samantha Rimedio
Letta n.73 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?