Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Droce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....
alllodole...
TankaVirus 33...
haiku 44...
PANDEMIA...
Non suona primavera...
Vita der vicolo...
I fiori della primav...
Lasciatemi il tempo ...
Desideri...
Haiku n°13...
Trasparenze...
Il muro...
Noi...
Correva l'anno 1956,...
Non so quando torner...
Al vento, non c'è al...
Uomo...
Ho voglia di...
Fiori di carta...
Alberi come pensieri...
Come sei triste...
SERALE PARADOSSO...
Straordinario...
Logica follia...
Realtà...
La pace che stupisce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il mare - Il progresso

Il mare - Il progresso


Guardo da uno scoglio il mare:
l’azzurro-verde corre lontano, là,
verso l’orizzonte che ti inganna
ed un gabbiano fende il cielo.
Quella barca, laggiù, con la vela
che bianca alla tramontana gonfia
e l’onde sfida l’insonne nocchiero.


Il mare non più azzurro- verde,
in cielo non più silenziosi gabbiani,
ma distesa oleiforme di rifiuti
e nero-grigio, colori del progresso.
La bianca vela ora tace al molo,
la barca il mare non può solcare
ed il nocchiero lento muore.



Share |


Poesia scritta il 17/02/2020 - 12:19
Da Donato D'Addosio
Letta n.56 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Verdi dolenti, incisivi, significativi. Di questo tempo...

Francesco Gentile 19/02/2020 - 18:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?