Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...
TESTIMONIANZA DI FED...
PENSIERI...
Respirando l'aria...
Vorrei chiederti...
Shot down...
Dentini bianchi...
Sentiero interrotto...
Voglia di scrivere...
shhhh...
L'attrazione fisica ...
Vortice...
HAIKU A2...
Spiragli di luce...
Qualcosa è stato...
Sulle rive del nostr...
RIPARTENZA...
LUNA DEI FIORI 2020...
Ho dimenticato...
Bella Viola...
Chi rimane fanciullo...
Si fa giorno...
Haiku T1...
La storia delle decl...
IL TEMPO PER OG...
Ho bisogno di te...
Violetta...
Vicini vicini...lont...
I passerotti...
Caramelle...
Eco...
Un filo d'aurora...
FIORE RECISO...
UNA PERSONA STA CORR...
nulla é cambiato...
Alberi in fuga...
Riflessi di luna...
Il risveglio…di Mila...
BATTITO DI CIGLIA...
Gelsomino...
La biga marina...
È la voce del silenz...
L'Eden il mio giardi...
Il pontile...
Canto di un nuovo in...
In fondo si respira ...
Dalla dura quercia...
C\\\'erunu tempi....
Inshan Samash...
L' AMORE NEGLI OCC...
un esame lungo una v...
Un pensiero...
Il mio amico Giulian...
IL TESORO DISPERSO C...
L’Asceta...
Maria Goretti...
Il Sole Dopo L\'Oscu...
Stringimi più forte...
Trasposizione...
L’ARMONIA DELL’ESSER...
IERI, OGGI, SEMPRE...
Incisa nell'anima...
E...state...
Cammino...
SCREPOLATURE...
Non c'è niente di pi...
NATI LIBERI...
I tuoi battiti...
FINO A SERA...
Dedicata al Maestro ...
Fonti di vita...
Musica...
Celeste...
Angelo...
IN PUNTO DI MORTE...
Milano...
Covid-19 seconda fas...
Il Rasoio...
NELLE TUE MANI...
Una brutta persona...
ESTATE 2020...
La par condicio è qu...
Di carta velina...
Dolcissima e bella (...
Finalmente si RIPART...
Tàcciono...
LA BICICLETTA DEI VI...
La mia poesia...
innesto...
La fine di un viaggi...
In disparte...
Caciotte e carapaci...
Marinaio...
Io plurale...
Fuga dalla mente...
Tanka 35...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Inshan Samash

Mille e una notte,
novella Sherazade racconta,
voce di donna chiara,
appena incrinata dalla commozione,
tempo astratto di tormento,
di ferite inferte senza essere guarite,
in una fiaba di magico sentire,
di labbra accese e fervido stupore.
Forse perché è rimasta solo la voce,
per vivere, per parlare,
mani piagate dalla sofferenza,
bellezza sfiorita di antico splendore.
Basta una moneta o un tozzo di pane
perché lei sorrida, racconti,
le guance infervorate,
nel mito senza dolore.


Voce di cristallo che si diffonde,
entra dentro, accarezza, commuove,
espande respiro dove il respiro manca!



Share |


Poesia scritta il 20/05/2020 - 11:09
Da Alpan .
Letta n.86 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Hai evocato delle immagini suggestive intorno a questo personaggio fiabesco... bella voce narrante

Atrebor Atrebor 20/05/2020 - 20:49

--------------------------------------

Bella descrizione di questa Sherazade invecchiata a cui è rimasta la voce di cristallo per raccontare le favole di Mille e una notte.Questa deve mendicare, ma la capacità di favellare è integra. Che storia! Fatta di bei versi!

Anna Maria Foglia 20/05/2020 - 17:48

--------------------------------------

Un bel testo e molto particolare, è vero, entra dentro anche a noi poeti/lettori e commuove.

Maria Luisa Bandiera 20/05/2020 - 16:23

--------------------------------------

Una voce meravigliosa che si espande donando il respiro dove non c'è. Splendida. Complimenti, Alpan

MARIA ANGELA CAROSIA 20/05/2020 - 15:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?