Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L’altro viaggio 10/1...
La pizza sopraffina...
Campi desolati...
Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'è esistenza pi...
Io, papà e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerò l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavè la càp o ciùc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Viviamo di calore um...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia è......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benè...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio è parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stà a...
Ognuno di noi è imme...
Oplà!...
Chissà...
Ed è poesia...
Simbiosi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Ogni tanti fassu sciurtì

Ogni tantu fassu sciurtì
I me morti da drentu mi
Pe mioli in po’
inte l’oia che respiu.
Vegi, figieu che se ne van in giu
Che me rian me porlan sensa parlò.
(I ciü piccin zeugan cun u mä).
Ma sta vitta a nu fa ciü pe l’iotri
Pognan furesti timidi e sperdüi
Strenzan i euggi, gan soennu.
Turnan da mi, quarcosa ae ciamma.


Muì u l’è durmì drentu chi u te amma.
**************
Ogni tanto faccio uscire
I miei morti da dentro me
Per guardarli un po’
Nell’aria che respiro.
Vecchi, bambini che se ne vanno in giro
Che mi sorridono mi parlano
Senza parlare.
(I più piccoli giocano con il mare).
Ma questa vita non fa più per loro
Sembrano forestieri timidi e sperduti
Stringono gli occhi, hanno sonno.
Tornano da me, qualcosa li chiama.


Morire è dormire dentro chi ti ama.



Share |


Poesia scritta il 16/02/2021 - 07:29
Da Marino Beltrame
Letta n.37 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?