Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Subliminale...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...
Bella Napoli...
Mi chiamo Giufà...
Pioggia rigenerante...
A fine turno (il mac...
Cala la notte nella ...
Abbandono...
Pece...
Donna...
4:50...
Io sono il poeta...
Rosario a Siliqua...
Falce di Luna...
Nel tempio dell'anim...
Sonni troppo profond...
L'invito...
L\'ARROGANZA DEL COR...
La magia del circo...
Una vecchia topolino...
Perdersi le sfumatu...
Cieli diversi sulla ...
Sentieri d’autunno ...
TROVARE L' AMORE...
UN TUFFO NEL PASSATO...
Nuvole...
MARE D'AUTUNNO...
Magari...
Eri bella...
VIAGGIO DI LAVORO...
Miravo....
Incantesimo occident...
Haiku 93...
L'anima arranca...
BEA...
QUEGLI ABBRACCI CHE ...
L'anima arresa...
Non c'è più sangue n...
Gocce...
...lacrima...
Campo di basket...
Oltre questo paradis...
ALLA SUOLA...
'O PRESEPE...
Sulle ali di una far...
TRA CIELO E INF...
Anche se non ci sono...
La vita è ricerca de...
Scarabocchio...
Da una finestra...
Colore...
La strada giusta...
La ragazza di Samugh...
Choka...
Fessure parallele...
All'ombra...
Rifugio...
Oscura...
Haiku 3...
Velia, la zia d’Amer...
Le stelle piangono...
Olezzi autunnali...
I TUOI OCCHI...
Castelli di sabbia...
Il castagnaro...
Ed anche una pietra ...
Emozioni a pelle...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il Santo

Fu il caso a bagnare
le pietre del mosaico
oltre subito
l'angusta soglia
che
stretta da varcare
di grande importanza segna l'ingresso alla
Pieve.
Pronta
si sveglió
l'immagine
a terra.
L'acqua portó
vita alle
tessere
fino ad allora rimaste espressioni silenti
e di bianco e nero
sbiadite.
Tempo zero
ad essere
di nuovo il
Santo
pronto ad ammonire con sguardo severo
o a concedere
rifugio di pace.
La fronte enigmatica
e gli occhi ora benevoli,
ora severi
erano mossi dai giochi di luce
che battevano dietro la porta.
Terminó
l'indugio dell'attesa quando l'acqua
bagnó la mano
e rimandó bramosia di risposte
laddove il dito indicava
Alto.


Share |


Poesia scritta il 13/11/2022 - 14:02
Da Piccolo Fiore
Letta n.96 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Una bellissima poesia che emoziona ancora prima di trasmettere il significato. Complimenti!

Maria Carla Pellegrini 13/11/2022 - 18:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?