Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il rifugio...
Sul cortile...
Ti lascio una poesia...
Mar della Melassa...
Quando l'amore è un'...
Figure sulla volta...
Subliminale...
Cielo di ogni colore...
L'uguaglianza nasce ...
IL GRIDO DELLE DONNE...
Colombo...
La dama e la pagnott...
Saudade...
AI FIGLI...
OMBRE CINESI...
LA DEMOCRAZIA DELLA ...
Qua la mano...
Spensieratezza...
DIANA...
haiku 16...
In bilico...
Tramonta l’alba mia...
Tra le foglie...
Una spiga di grano....
Tanka 2...
Io ritorno da te...
L’uomo è stato l’art...
Il bene che si fa no...
Scrivere di te...
l'unico amore è quel...
Lugano...
Orfana d'un sogno ru...
AMORE ETERNO...
Amo la vita...
Il volo di una capin...
Bella Napoli...
Mi chiamo Giufà...
Pioggia rigenerante...
A fine turno (il mac...
Cala la notte nella ...
Abbandono...
Pece...
Donna...
4:50...
Io sono il poeta...
Rosario a Siliqua...
Falce di Luna...
Nel tempio dell'anim...
Sonni troppo profond...
L'invito...
L\'ARROGANZA DEL COR...
La magia del circo...
Una vecchia topolino...
Perdersi le sfumatu...
Cieli diversi sulla ...
Sentieri d’autunno ...
TROVARE L' AMORE...
UN TUFFO NEL PASSATO...
Nuvole...
MARE D'AUTUNNO...
Magari...
Eri bella...
VIAGGIO DI LAVORO...
Miravo....
Incantesimo occident...
Haiku 93...
L'anima arranca...
BEA...
QUEGLI ABBRACCI CHE ...
L'anima arresa...
Non c'è più sangue n...
Gocce...
...lacrima...
Campo di basket...
Oltre questo paradis...
ALLA SUOLA...
'O PRESEPE...
Sulle ali di una far...
TRA CIELO E INF...
Anche se non ci sono...
La vita è ricerca de...
Scarabocchio...
Da una finestra...
Colore...
La strada giusta...
La ragazza di Samugh...
Choka...
Fessure parallele...
All'ombra...
Rifugio...
Oscura...
Haiku 3...
Velia, la zia d’Amer...
Le stelle piangono...
Olezzi autunnali...
I TUOI OCCHI...
Castelli di sabbia...
Il castagnaro...
Ed anche una pietra ...
Emozioni a pelle...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Mi chiamo Giufà

Mi chiamo Giufà e son di Girgento
unico figlio di seme del vento
volato quassù tra il muschio e le pietre
dove per caso passava mia madre.


Mi chiamo Giufà ed ho quattro amici
oltre ai cani ho pure una bici
rovistata per caso tra i cassoni
senza manubrio né copertoni.


Mi chiamo Giufà e nessuno m’ascolta
nessuno mi parla nessuno si volta
eppure esisto son carne ed ossa
anche se ho fame non scippo la borsa.


Mi chiamo Giufà e so fare il pagliaccio
col naso adunco e l’occhio sguincio
mi taglierei finanche l’orecchio
per cogliere almeno un sommo pernacchio.


Mi chiamo Giufà e col pane inzuppato
tutte le lacrime ho consumato
adesso che crepo di fame e di sete
s’inchina il fossore vestito da prete.



Share |


Poesia scritta il 22/11/2022 - 11:36
Da Francesco Scolaro
Letta n.101 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Amara e bella.

Aquila Della Notte 24/11/2022 - 00:08

--------------------------------------

Che bellezza Francesco, tanti complimenti.

santa scardino 23/11/2022 - 22:00

--------------------------------------

FRANCESCO....Giufà siculo è ??? Nooo perche scavargli la fossa, mi stavo affezionando è di una simpatia unica....tu sei il creatore a te spetta la chiusa. Bravo come sempre ciao

mirella narducci 23/11/2022 - 16:25

--------------------------------------

Molto bella e amara.
Complimenti per lo stile!
A rileggerti, ciao

Marina Assanti 22/11/2022 - 20:32

--------------------------------------

Ma che bella, ha del ritmo e una storia affascinante!! Complimenti!!

Anna Cenni 22/11/2022 - 20:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?