Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Bergamo...
HAIKU GENDAI...
La vita sussurra...
GRIDA IL TUO DOLO...
Giovenale Rionale...
Luca e Alba...
Cambiare...
Amici...
Fantasma...
ANIMA...
CLIC...
Attratti e distratti...
Non sono mai sola...
Vecchio scarpone...
Le notti di D. sfuma...
APPRODO...
Uno sguardo sul Mare...
Il distacco...
Soppalco...
Cnosso...
La nostalgia dell'im...
La dimora dell'anima...
Gioacchino spigionat...
Adesso Tube (parodia...
Frammento di un'esis...
Tra la vita e l'asfa...
Leggiadra terra mia ...
SOLITUDINE UNA ...
Causa, effetto che s...
Niente grigio...
Persino oggi...
Al mio caro amico Fr...
il corpo ignorato...
Felice d’esserci pur...
Chi si assomiglia si...
I cervelloni...
La pace del bosco...
RICORDI...
Gli Idoli imparano ...
I semi della cattive...
Chi chi chi co co co...
Su carta di bottigli...
L'Istante...
Festa rionale...
Una voce nel deserto...
La mia compagna...
AMORE LETALE...
La bella storia di P...
A mia moglie Gabriel...
Sangue nero...
Batacchio fuor di ca...
GENDAI...
La mia fortuna che a...
Echi...
Per O...
Amilcare il pagliacc...
Senza peli sulla......
BIANCO E NERO...
Il Rimpianto...
ore 12...
Senza fretta...
Cammino sulle nuvole...
VECCHIAIA ADOLESC...
Il pensatore...
Riflessioni di un me...
Gabbie...
Indifferenti...
Spazi infiniti...
Scarpe di vernice (…...
Nel mio silenzio...
Il Cavallo Romano*...
Sussurri d'amore...
PIOGGIA PIANTO D...
RABBIA...
Perle nella rete...
Katauta...
Le bettole...
Mercato rionale...
Dolce presente...
Canale (sottile velo...
La casa abbandonata...
A' MAMMA (festa del...
L'Alpino...
Infinito Silenzio...
E ti ho amata...
Ogni bambino trova i...
FACCE...
Corre il Vento...
CONSAPEVOLEZZA DI...
Fragile...
Andarsene...
Un bocciolo di rosa ...
Il tunnel e il mare...
Cura...
Il movimento dell’ac...
Quando l’ironia fa p...
Di un pensiero antic...
...che adulto non lo...
Riscrivi la storia c...
Cento occhiali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Ricordi di scuola

Ricordi di scuola


Ricordo quelle giornate tra i banchi
e l 'odor dei libri
Era il tempo piu leggero ,
dolce da viver che a ramnentar il cor si stringe.
Gli affanni giovanil lontani rivivo ,se a lor
mi tendo
L 'inverno crudo ,ostile rendea piu aspri i di,'
quando la piova cadeva senza freno
sulle serrate finestre.
Vedevo le case d' intorno tra la fumosa nebbia.
Il trillo dlla campana distoglueva il peso
delle severe ore quando d' antiche glorie,
e lingua morta ci prendea forte.
Eravan fanciulli alla prima eta'
non sapendo quel che la vita dispiega
Chiuso nel severo studio d'omero,
sento il crepitio del mio camino ,
quel profumo di legna ancor mi.intenerisce,
quanti giorni penai sulle ardue scritture!
Tanto sembrava ripido quel cammin
che ora arrido alla lasciata gioia
Se io avessi il filo del tempo ben ricucirei quegli anni ,
a ricondurre me studente monello.
Le vuote stanze
son pregne della nostra voce
dei sogni fuori dal sicuro muro,
Hai visto dolce albergo,
la nostra prima vita
Era maggio al sol rinverdiva l 'erba
la luce adamantina
brillava nella stanza.
Miravo.i campi ,
Il vociar della gente ,
divagavo dalla lezione.
Volevo volar fuori
come le prime farfalle
vagabonde.
V' eran i miei affetti,
gli anni piu leggeri.
Entro sentivo l' ardor giovanile,
or dunque tutto tace?
Non s 'ode piu la nostra voce,
non libera piu quel trillo.
Assiso nei miei ricordi,
mi volto e rifiorisco.


Corrado cioci



Share |


Poesia scritta il 02/05/2024 - 10:40
Da corrado cioci
Letta n.217 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Una bellissima poesia che mi fa rimembrare anche i miei tempi quando andai a scuola.

Alberto Berrone 02/05/2024 - 12:55

--------------------------------------

Bella cinque più.

Francesco Cau 02/05/2024 - 11:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?