Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Bergamo...
HAIKU GENDAI...
La vita sussurra...
GRIDA IL TUO DOLO...
Giovenale Rionale...
Luca e Alba...
Cambiare...
Amici...
Fantasma...
ANIMA...
CLIC...
Attratti e distratti...
Non sono mai sola...
Vecchio scarpone...
Le notti di D. sfuma...
APPRODO...
Uno sguardo sul Mare...
Il distacco...
Soppalco...
Cnosso...
La nostalgia dell'im...
La dimora dell'anima...
Gioacchino spigionat...
Adesso Tube (parodia...
Frammento di un'esis...
Tra la vita e l'asfa...
Leggiadra terra mia ...
SOLITUDINE UNA ...
Causa, effetto che s...
Niente grigio...
Persino oggi...
Al mio caro amico Fr...
il corpo ignorato...
Felice d’esserci pur...
Chi si assomiglia si...
I cervelloni...
La pace del bosco...
RICORDI...
Gli Idoli imparano ...
I semi della cattive...
Chi chi chi co co co...
Su carta di bottigli...
L'Istante...
Festa rionale...
Una voce nel deserto...
La mia compagna...
AMORE LETALE...
La bella storia di P...
A mia moglie Gabriel...
Sangue nero...
Batacchio fuor di ca...
GENDAI...
La mia fortuna che a...
Echi...
Per O...
Amilcare il pagliacc...
Senza peli sulla......
BIANCO E NERO...
Il Rimpianto...
ore 12...
Senza fretta...
Cammino sulle nuvole...
VECCHIAIA ADOLESC...
Il pensatore...
Riflessioni di un me...
Gabbie...
Indifferenti...
Spazi infiniti...
Scarpe di vernice (…...
Nel mio silenzio...
Il Cavallo Romano*...
Sussurri d'amore...
PIOGGIA PIANTO D...
RABBIA...
Perle nella rete...
Katauta...
Le bettole...
Mercato rionale...
Dolce presente...
Canale (sottile velo...
La casa abbandonata...
A' MAMMA (festa del...
L'Alpino...
Infinito Silenzio...
E ti ho amata...
Ogni bambino trova i...
FACCE...
Corre il Vento...
CONSAPEVOLEZZA DI...
Fragile...
Andarsene...
Un bocciolo di rosa ...
Il tunnel e il mare...
Cura...
Il movimento dell’ac...
Quando l’ironia fa p...
Di un pensiero antic...
...che adulto non lo...
Riscrivi la storia c...
Cento occhiali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

La casa abbandonata

La casa abbandonata


Oh povera casa decrepita, cadente ,
al tempo vinta, miri in terra tua vernice,
che muta accoglie come antica pelle
D' intorno un prato rinverdito di ortiche iperico
e soffione.
Per cielo un tetto di stelle , perduta dimora.
Ma un tempo il cotto ricopriva il calpestio,
marmi stucchi , cristalli lucenti la tua belta'.
Filtrava la luce del giorno
e le nitenti finestre
si sposavano con il sole
Morbide tende al vento come vele di mare,
l 'aere era pregna di lavanda
di fiori odorosi.
Il vociar serbi nelle umide mura.
Qual fanciulla cantava in maggio la primavera?
Quale madre accudiva i pargoli festosi di
giocar tra l 'erba?
Quanti sogni avresti a dir se avessi favella!,
di sposi ardenti di figli futuri.
Pur la morte di chi visse ricordi .
Le lacrime si mescolano al gocciar d 'interno.
Cosi pur le glorie umane invero,
al trionfo la fortuna sempre ballerina,
si volta e allor si cade al fondo.
Vecchiezza e compianto
ci accompagnano
fino all' ultima alba.
Ma tu dolce alloggio che ora non sei piu adorno ,tutto tace,
ti rimane solo un pallido rimpianto.


Corrado cioci



Share |


Poesia scritta il 13/05/2024 - 01:15
Da corrado cioci
Letta n.86 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Quanti bei racconti potrebbero far conoscere delle vecchie mura impregnate nel loro ascolto di storie antiche ormai disperse nel passato, che bello sarebbe se potessero parlare e a noi raccontare di vite vissute e forse anche travagliate.
I miei complimenti all'autore di questa fantastica poesia che mi ha colpito moltissimo! Grazie di averla condivisa in questo salottino di Oggi Scrivo.
Chapeau!

Maria Luisa Bandiera 13/05/2024 - 07:50

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?