Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Rispettare la natura...
10...
La forma di una paus...
Il cuore pulsa di vi...
Povero gatto...
Il motivo delle dimi...
Il sellino lilla...
Piazzetta Gattamelat...
Questo è troppo!...
L'arrogante miseria ...
Veduta prospettica...
Cagliari, Via Napoli...
Mani...
IL PARADISO INFERNAL...
Oltre l'Infinito...
Aria di Luna...
Figlio...
Affiorano ricordi...
Il dominio del fuoco...
Smeraldi...
Notte tostata...
NOTTE DI AGOSTO...
SOTTO ASSEDIO...
Dove tramonta il sol...
Gogyohka...
Monotonia...
Appuntamento rionale...
Fantasia...
PISA...
Una foglia come cigl...
Gli incattiviti...
Giallo pervinca...
I CINQUE FRATELLI...
Odori antichi...
Internet è come una ...
Dietro le case la se...
GENERAZIONI DI S...
Ortensie e falesie...
Effimero Trionfo...
Come farfalla che su...
Pippo (no uno de i m...
Il mondo è taglia XS...
Cagliari castello Vi...
Profumo di mare...
nel gioco assorto di...
LA DOTE DELL' I...
Una stella...
Per caso....
Udite...
E ti penso...
Il maestrale...
Nostalgia e......
Azioni rionali...
Sto invecchiando...
Soggettiva...
Respirandoti...
GLI OCCHI DELL'...
Di primo taglio...
Choka...
Un reato commetti...
NOTTURNO...
Birre and bacon...
Il clown...
Santo Graal...
PER COSTRUIRE IL FUT...
Innamorarsi...
Cento euro...
Almeno fosse stata l...
Finire...
In un vicolo stretto...
Mondo a colori...
POESIA è AMORE...
Gomma a terra...
Bacca...
HAIKU N. 22...
STELLINA...
Un motivo per vivere...
Amarsi un po'...
Sotto il cielo dei m...
L' AMORE...
Comodato d'uso (offe...
Scrittura dedica Cam...
Firenze SMN...
Fiat voluntas tua...
Spazio Vuoto...
Pippo...
TI SENTO...
La mia libertà...
Idromele...
ESPLODE L' AMORE...
Perla...
Più....
In intimità lo chiam...
Diversamente intelli...
IL NOSTRO PRIMO INCO...
E fu subito sera...
Acciughe e accalappi...
È solo una sera d’Au...
Il complesso del ses...
Cerco costantemente ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

E fu subito sera

Nacque l’alba
e fu subito sera
le stelle si eclissarono e la Luna
invereconda
se ne andò a dormire.


Un vento gelido soffiò sulla mia pelle
s’increspò il mare
ed io di slancio
voltai lo sguardo verso la scogliera.


Pensai all’ira
che senza alcun riguardo
a lei s’infrange l’onda
che non scalfisce ne l’affonda.


La stessa ira che ho patito io
sotto l’impeto furente della vita
che il destino aggueffa e punta a sorte
al par d’un baro
che sa delle mie carte.



Share |


Poesia scritta il 28/06/2024 - 11:31
Da Francesco Scolaro
Letta n.139 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Piaciuta, complimenti

Mary L 30/06/2024 - 22:28

--------------------------------------

Che meraviglia! Troppo bravo. Le immagini che evochi sono potenti e cariche di emozione. Complimenti. Un caro saluto

MARIA ANGELA CAROSIA 29/06/2024 - 08:49

--------------------------------------

Una poesia che racconta come l'onda, similitudini tra l'uomo e la natura si accompagnano...molto bella. Complimenti per le metafore

Margherita Pisano 28/06/2024 - 21:23

--------------------------------------

Molto apprezzata e piaciuta

Maria Luisa Bandiera 28/06/2024 - 16:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?