Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...
TESTIMONIANZA DI FED...
PENSIERI...
Respirando l'aria...
Vorrei chiederti...
Shot down...
Dentini bianchi...
Sentiero interrotto...
Voglia di scrivere...
shhhh...
L'attrazione fisica ...
Vortice...
HAIKU A2...
Spiragli di luce...
Qualcosa è stato...
Sulle rive del nostr...
RIPARTENZA...
LUNA DEI FIORI 2020...
Ho dimenticato...
Bella Viola...
Chi rimane fanciullo...
Si fa giorno...
Haiku T1...
La storia delle decl...
IL TEMPO PER OG...
Ho bisogno di te...
Violetta...
Vicini vicini...lont...
I passerotti...
Caramelle...
Eco...
Un filo d'aurora...
FIORE RECISO...
UNA PERSONA STA CORR...
nulla é cambiato...
Alberi in fuga...
Riflessi di luna...
Il risveglio…di Mila...
BATTITO DI CIGLIA...
Gelsomino...
La biga marina...
È la voce del silenz...
L'Eden il mio giardi...
Il pontile...
Canto di un nuovo in...
In fondo si respira ...
Dalla dura quercia...
C\\\'erunu tempi....
Inshan Samash...
L' AMORE NEGLI OCC...
un esame lungo una v...
Un pensiero...
Il mio amico Giulian...
IL TESORO DISPERSO C...
L’Asceta...
Maria Goretti...
Il Sole Dopo L\'Oscu...
Stringimi più forte...
Trasposizione...
L’ARMONIA DELL’ESSER...
IERI, OGGI, SEMPRE...
Incisa nell'anima...
E...state...
Cammino...
SCREPOLATURE...
Non c'è niente di pi...
NATI LIBERI...
I tuoi battiti...
FINO A SERA...
Dedicata al Maestro ...
Fonti di vita...
Musica...
Celeste...
Angelo...
IN PUNTO DI MORTE...
Milano...
Covid-19 seconda fas...
Il Rasoio...
NELLE TUE MANI...
Una brutta persona...
ESTATE 2020...
La par condicio è qu...
Di carta velina...
Dolcissima e bella (...
Finalmente si RIPART...
Tàcciono...
LA BICICLETTA DEI VI...
La mia poesia...
innesto...
La fine di un viaggi...
In disparte...
Caciotte e carapaci...
Marinaio...
Io plurale...
Fuga dalla mente...
Tanka 35...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



L’Asceta

--- Non supplicarmi. I Thieves, la gilda per cui lavoro vuole qualcosa da te. E noi gliela daremo. Manigoldo, non conosci il detto: Mai rubare a casa dei ladri?
Tu tagliaborse, io tagliateste.
Mi chiamano l'Asceta non perché pratico l’ascetismo ma per via dell'arma lucente e tagliente che brandisco. Innalzo l'ascia e te la pianto senza pietà sulla schiena. Fa male, eh? In fondo ti faccio un favore, infatti, sto ponendo fine alla tua inutile esistenza, inutile quanto il mantellaccio che indossi. Strisciando mi maledici e per di più dandomi del figlio di Goblin.
Odio essere insultato.
Zac! ---


Guardo con soddisfazione la capoccia che rotola. Ah, quanto adoro uccidere monologando. Il sangue di Gazza Ladra che si propaga sul selciato è cremisi, guarda caso la stessa tonalità del rubino che aveva rubato.
Per mille Coboldi! Non ho una bisaccia. Non posso mica tornare dai Thieves girando per circa cento miglia con in mano un capo mozzato. Osservo con attenzione l’orrendo mantello del cadavere. Eppure, quasi quasi…
Ebbene, ho risolto il problema, da quella sopravveste ne posso trarre una sorta di fagotto peraltro essendo di colore nero non tinge.
Metto finalmente la testa a posto. La sua, ovviamente.




Share |


Racconto scritto il 19/05/2020 - 18:05
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.71 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Santa, Giulia e Giacomo, grazie per i vostri graditi commenti e nella costanza nel seguire i miei lavori.
Secondo alcuni che hanno letto il racconto fuori da Oggi scrivo l'ironia e il cinismo inserito in "L'asceta" ricordano Tarantino.
Ad ogni modo soffermandomi sul monologo iniziale dell'assassino, dato che non disdegno il teatro ho dato per l'appunto quel tocco di teatralità, ovviamente senza esagerare con dello shakespererare ed evitando un banale "Taglio o non taglio, questo è il problema!"

Giuseppe Scilipoti 21/05/2020 - 16:25

--------------------------------------

Eh sì, concordo con entrambi i commenti, sia quello della scardino che quello di Rebecca. Fumettistica e film, lì per lì non l'avevo intuito, ma la chiave di lettura è stato l'accenno a Goblin.
bello questo tuo modo di passare da un genere all'altro con estrema facilità. Ciao.

Giacomo C. Collins 20/05/2020 - 19:29

--------------------------------------

Fustigatore di costumi attraversato da una rete di fittissimi simboli esoterici; spicca un demone col suo potere di morte per chi è perduto nel vizio. Tutto è inferno, tragico, grottesco.
Bravissimo l’artista, un urlo deformante le sue visioni.

GiuliaRebecca Parma 20/05/2020 - 18:16

--------------------------------------

Il tuo amore per la cinematografia e la fumettistica è palese e lodevole. Se poi vi aggiungiamo anche la tua innata fantasia mettiamo un bellissimo fiocco sulla tua narrativa. Alla fine poi arriva la ciliegina relativa alla battuta finale. Bravo, bravoooooooo.

santa scardino 20/05/2020 - 14:38

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?