Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Se il male vuole il ...
Soffio di vento...
Haiku VIII...
Cattività...
Pensiero di una Scim...
La mia odissea minor...
IL SENSO DI UN NUOVO...
La Sera...
Mi sono arreso a te...
Statue...
MOENA E LA SUA POESI...
Il gioco della vita...
Nella mia penna...
Al dispetto...
PROVERBIO...
VENTI di PASSIONE (P...
Di notte...
Ticchettio infernale...
Dammi la tua mano...
Haiku 13...
TOMTOM...
LA FINE DEL G...
I PASSI DEL VENTO...
Timone d'amore...
Omicidio...
A Guia...
Reset...
Poldino...
Trasparenze...
Tanto tanto tanto...
Tropea...
L'atleta dei due mar...
BREVE...
Il Tempo...
L'aquila trova sempr...
Insieme...
Quando il fisico ti ...
si cambia...
annusa......
Vengo anch'io...
Tre anime in una sca...
un'acqua distante...
Il piccolo sentiero...
Una malia...
QUESTO PAZZO MONDO...
LO UADI DELL'ANIMA...
LE TUE PAROLE DICONO...
Aria infante...
L’unica cosa che gli...
Simulazione...
Il Gladiolo...
LIBERO DI AMARTI...
Compassione...
IN QUESTA GUERRA...
Non ho dimenticato l...
La ragazza dagli occ...
ISTANTE MELANCONICO...
Strana estate...
Dolci pendii...
Scherzi della mente...
Pensando le margheri...
DIALOGO...
ALBUM DI FAMIGLIA...
COME NELLE FAVOLE...
Medusa...
Il colore giusto...
Preziosità silenzios...
Scorri e scivola nat...
Poesia (Haiku)...
Sabato quattro lugli...
Il Diluvio universal...
LA LUMACA...
C'est l'ètè...
La Ranocchia...
SE POTESSI......
Non sono di questa e...
Il cielo...
Trasognanza...
LA VITA CHIUSA ...
Mike (si può vivere ...
Poetica è la fatica ...
Ho sognato...
LE NOTTI CHE NON DOR...
Santiago De Composte...
Tutti scappano da me...
A dorso d'un secolo ...
Lenzuola al vento...
Il viale di sera...
Tremori...
La promessa...
HAIKU M2...
Smarrimento...
NUVOLE DI LUGLIO...
L' AEDO DEL SILENZIO...
Trottola...
Lungo le rive della ...
Haiku 01...
Il primo compleanno...
triste pietà...
Persa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Amarcord

Abitavo in una casa popolare, dove più generazioni brulicavano in appartamenti tutti uguali. I miei genitori condividevano con me e mia sorella la loro camera, perché l’altra, quella più piccola era occupata da nonna Berta, che era un po' avulsa da tutto il resto della famiglia, rimanendo spesso, per il pranzo e la cena, solitaria nella sua stanza. La mamma sosteneva fosse un'ubriacona, papà la giustificava, a me, che mi coccolava, bastava. A metà anno scolastico sopraggiunse nella nostra classe, la terza elementare della scuola Giolitti, Roberto, un bambino paffuto e divertente, con il grembiule sempre in ordine. Non parlava il dialetto e così fui costretto, con fatica, a mettere nelle mie parole tutte quelle doppie e quelle vocali alla fine, che non usavo mai. La sua casa era distante dai condomini popolari, proprio l'ultimo villino in mattoni in fondo alla via e per raggiungerla si saliva una breve carrabile, che la distraeva dalla strada. La scena era quasi sempre la stessa: attraversavo quel giardino ordinato con l’erba fitta fitta e rasata, arrivavo alla porta, mi sistemavo un pò alla meglio, suonavo il campanello e compariva la signora, che poi era la mamma di Roberto, ma non la chiamavo mai per nome, forse perché l’avrebbe inclusa nel nostro mondo e lei non era un bambino, né sembrava volesse esserlo ancora. Era una mamma diversa dalle altre, mai affannata, magra, con i cappelli in ordine e la bocca rossa. Mi salutava, mi squadrava (non superavo mai l'esame) e poi squillava forte il mio nome a Roberto, che arrivava di corsa portandomi via. Il giardino era il nostro campo di battaglia e di sfide infinite in pomeriggi, che credevamo non sarebbero finiti mai. Ancora non c'era ombra di edifici protesi a impadronirsi di quell'intimità, giocavamo indisturbati e lo scambio era equo, Roberto proponeva le gare, io a vincerle. A casa mi allenavo, tra un intralcio e un disturbo, su due metri del fondo di quel corridoio, lanciando la pallina sulla parete per riprenderla con la racchetta di cartone, ma il tavolo di ping pong di Roberto era un'altra cosa.
Improvvisamente Il cielo di quel pomeriggio si fece scuro, cominciando a brontolare. La solerte signora apparse dal nulla: "Entrate in casa, prima che inizi a piovere!", era più che un invito. "Nooo…" Roberto sbuffò e mi guardò con quella faccia tonda, remissivo per l’obbligo e contrariato per quell'interruzione mentre, proprio quel giorno stava vincendo.
In cucina, che era grande quanto il nostro soggiorno erano già pronte, a rincuorarci, abbondanti e sparse su un enorme piatto con decorazioni floreali, fette biscottate spalmate con la cioccolata, che solo in quella casa avevo il privilegio di mangiare. Come sempre sgranocchiavo i bordi più abbrustoliti, per poi attardarmi e godermi la parte centrale più morbida e ricca. Avremo potuto continuare con altre sfide, ma la signora non era di quell'opinione e mentre ridevamo come cretini, con quei baffi cioccolosi, irruppe perentoria: "Sta piovendo e non smetterà, prendi l'ombrello grande, accompagna Marco a casa sua e poi ritorni subito, mi raccomando… ". Spesso la pioggia non era solo acqua, ma un pretesto petulante. Non organizzammo nessuna rivoluzione, Roberto raccolse mansueto l'ombrello e io lo seguii, salutando, con lo stesso entusiasmo. La signora, immobile sulla soglia della porta, ci osservava mentre scendevamo il vialetto, Roberto accennò un saluto rischiando di perdere l'ombrello, ma fu così lesto nel recuperarlo da sorprendermi. Subito dopo iniziò a piovere più forte, "Eccole là!" e cominciammo a strattonarlo, quel benedetto ombrello, per catturare le gocce più grosse. Con risultati incerti, ma inzuppati e divertiti.
A metà tragitto, una strana figura stava attraversando la strada per raggiungere il nostro lato.
Una gomitata, Roberto iniziò a ridere e io con lui. Era ferma con i piedi immersi in quella canaletta di scolo che era diventata un ruscello. Come scarpe un paio di ciabatte, proprio quelle in feltro che si usano in casa.
Poi la vedemmo salire titubante sul marciapiede ed era davanti a noi. Una vecchia fradicia e smarrita. Sentii quell’odore di cane bagnato, indossava un paio di calzini srotolati alle caviglie e un impermeabile di un colore indefinito. Tutte le sue cose in una borsa gonfia.
Tra quei capelli grigi, spettinati e gocciolanti uscì una suono afono:" È forse questa la fermata per il centro? ". Roberto alzò l'ombrello e vedemmo l'insegna sopra di noi. Lei rimase in attesa con la bocca aperta. Pochi denti e due occhi spenti. "Si" rispose Roberto e scappammo via. Ad un certo punto mi girai un attimo e la vidi sempre lì, curva ad aspettare, incurante di tutta quell'acqua.
"È una barbona" disse Roberto.
"Cos'è una barbona?"
Come Roberto mi guardò lo sentii allontanarsi.
"È una morta di fame, una povera " e sorrise, da solo.
Io, un po' mi sentivo povero, e adesso anche diverso. Per un paio d'anni rimasi con il timore che lo diventassimo così tanto, fino a quando trovai nella dispensa un barattolo di cioccolata, il mio confine della povertà.
Quei pomeriggi invece finirono lì. Evitai di frequentare Roberto, non sapendone allora il motivo preciso, ma assecondando il mio disagio e forse il suo. Per fortuna a fine anno scolastico si trasferì con tutta la famiglia a Milano, dove c'erano maggiori opportunità, così si diceva e non c'incontrammo mai più.



Share |


Racconto scritto il 05/06/2020 - 15:33
Da Moreno Maurutto
Letta n.177 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie tante Giuseppe!

Moreno Maurutto 10/07/2020 - 21:24

--------------------------------------

...e allora la tua autostima non può che crescere.
Nella sezione RACCONTI ti hanno eletto Autore del mese di Giugno assieme ad altri tre autori.
COMPLIMENTI vivissimi!!!

Giuseppe Scilipoti 10/07/2020 - 20:32

--------------------------------------

Grazie tante Anna Maria!

Moreno Maurutto 09/07/2020 - 14:53

--------------------------------------

Complimenti per il meritatissimo riconoscimento!

Anna Maria Foglia 09/07/2020 - 14:10

--------------------------------------

Gran bel racconto...evviva, abbiamo uno "scrittore". Tra l'altro sia il soggetto che lo stile narrativo entrano a pieno titolo nei miei preferiti. Avrai delle belle soddisfazioni su questo sito e vincerai sicuramente qualche racconto del mese. benvenuto, quindi.

Giacomo C. Collins 10/06/2020 - 17:39

--------------------------------------

Grazie tante Antonio e grazie tante Giuseppe, la tua recensione attenta e sensibile mi inorgoglisce ( tanta roba per l'autostima), grazie, grazie.

Moreno Maurutto 07/06/2020 - 16:48

--------------------------------------

C'è quindi una varia gamma di sentimenti e registri narrativi messi in gioco, che rendono il racconto riuscito, oltremodo.
Bravo!
PS. Mi sono permesso di importare questa disamina da un altro sito di racconti e poesie dove hai pubblicato "Amacord."

Giuseppe Scilipoti 07/06/2020 - 14:02

--------------------------------------

Mi piacciono da morire i racconti di vita vissuta, hai saputo adeguatamente unire l'elemento autobiografico al comparare le riflessioni di allora con quelle odierne, immettendo una leggera parte surreale, (quella della mendicante) un trascrivere con buona precisione un'infanzia lontana, ma non per questo dimenticata. Notevole poi di come hai saputo prendere le distanze di un posto, di una condizione famigliare e soprattutto con l'ex compagno di scuola e di giochi per via del disagio che si procreato dopo l'episodio dell'acquazzone.
Tutta questa storia viene raccontata in grandissimo stile, con descrizioni che colpiscono e che a noi lettori comporta quel trasportarci dentro, nel profondo del suo essere, peraltro non ti sei soffermato a raccontarci quel contesto ma fai molto di più: ci fai vivere le emozioni, ad esempio di un decennio svanito nonchè la realtà delle case popolari, che giustamente per chi l'ha vissuta risulta amica e familiare.
(segue disamina)

Giuseppe Scilipoti 07/06/2020 - 14:01

--------------------------------------

Si un racconto veramente bello e ben scritto.

Antonio Girardi 07/06/2020 - 10:42

--------------------------------------

Grazie tante Leo.
Condivido. Dimentichiamo in fretta le amarezze dell'innocenza per farle diventare una realtà che ci consola o a cui ci rassegnamo.

Moreno Maurutto 05/06/2020 - 22:05

--------------------------------------

Ci sono sensazioni che non si possono ignorare, confini sociali creati dagli adulti che inevitabilmente condizionano l'innocenza dell'infanzia e dell'adolescenza.
Se ce lo ricordassimo, da adulti, cambieremmo il mondo ma l'avvicendarsi delle generazioni dimostra che non è così che va!
Ben scritto e...ben letto!

Leo Pardiss 05/06/2020 - 20:41

--------------------------------------

Grazie tante Loris!

Moreno Maurutto 05/06/2020 - 20:22

--------------------------------------

Che bello!
Veramente ben scritto.
Complimenti e... benvenuto.
Un saluto

Loris Marcato 05/06/2020 - 20:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?