Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

LA BOMBA DELL'IGNORA...
COZZA...
Andi grori...
Farfallina colorata...
HAIKU C2...
Konnichiwa...
Emozioni...
Granuli...
INCONFONDIBILI...
Parlami ancora...
AMORE PRIGIONIERO...
Il Plagio...
Senza la pace univer...
Il ladro di felicità...
L' INCONTRO...
Solamente attese...
Il tappeto volante...
La Porta Secondaria...
Senza ali...
Haiku n°14...
La poesia ha radici ...
Risvegli...
La fattucchiera...
Abbiamo imposto uno ...
I CANI E GLI ESSERI ...
OGGI SPOSI (juniores...
A26 da Novi Ligure...
Dalle cime alla foce...
Sterpaglie...
I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...
VIAGGIO PER MAR...
A li mortacci...!...
UNA GRANDISSIMA STEL...
La notte dei pensier...
L’autore del tomo- S...
Una voce nel vento...
Ti chiedi ancora cos...
Misero uomo...
Prigioni...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

PER TE, DONNA! (Poemetto libero)

Per te che ben riesci da bambina
a far parlar le bambole di pezza;
che fiaba dietro l’altra tu consumi
come orsacchiotto del tuo lecca lecca.

Per te che in lesto progredir degli anni
infili vita nel primo anello oro;
che di stupor materno attese sazi
al nascer di felicità goduta.


Per te che al sorger del propizio giorno
stai a guardare l’alba, il sogno e il mondo
dentro due occhi ancora da venire
eppure innamorata già ti senti.


Per te che al primo volteggiar di gonna
al suon d’una canzone ti vezzeggi
e, briciola di donna, vai sicura
alla ricerca del tuo primo amore.


Per te che, furba, dopo colonizzi
d’altra esistenza quei capelli al vento
ed in un batter d’occhio apri e trastulli
le prime voglie in un qualunque posto.

Per te che a volte a testa e croce giochi
con le medaglie su altri petti appese
nel rischio odioso di lasciar morire
l’inizio ambìto di possibil trame.


Per te che in giorno di bouquet distendi
anima e corpo nella tersa coppa
e schiava e libera li agiti entrambi
sciolti nel corpo e in anima di lui;


per te che sposa affascini all’istante
fra trasparenze e benedette carni
per poi ricever del rapporto il sunto
e trattenerlo al tuo dominio netto.


Per te che i gemiti li ascolti forti
venir da grembo dall’amor difeso
e i gemiti domi insieme al tempo
perché nello splendor il figlio cresca


per te che quelle stesse eterne fiabe
ora le narri rivisitando gli anni
e bimba nuova incredula ti scopri
al vissero tutti felici e contenti.


Per te che del tuo ruolo avuto in dono
vagone fai da attaccare ad altri
mandando qualche volta alla malora
di femminilità lo specchio e il vero.


Per te che d’ogni lacrima fai conto
e conti non fai delle stille esterne
quando a convincerti ch’ognuno soffre
non ci si fa neanche all’evidenza.


Per te che all’avvizzir di propria pelle
t’intrappoli nel perché succede a me
e acida divien quell’espressione
testimonianza ritenuta eterna;


per te che alla fin ti abitui piano
e ancora accetti del sol palpate
fino ugualmente a risentirti bella
e con la vita inimicizia escludi.


Per te ho eretto una torre mozza
con i pilastri di cristal cobalto
al centro di filare a semicerchio
tra i riflessi di schiusi melograni.


Per te, donna, ho redatto con la firma
un trattato da seguace realista
sulle tracce di Venere imperfetta,
d’interminabili carezze ansioso,


dei pianti inammissibili irritato,
a zonzo tra felicità ammessa,
per consegnare ad una scia del tempo
l’innamorato ed il fallibil uomo.



*
Stesura anno 2009
Tratta da “Appena finirà di piovere” (Global Press Italia 06/2010- Prefazione di Angela Ambrosoli)




Share |


Racconto scritto il 03/07/2020 - 20:58
Da Aurelio Zucchi
Letta n.117 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Hai tracciato l’immagine del femminile che non ha paura di compiere il proprio percorso e sa bene di non poter avanzare senza l’ausilio d’un legame con il maschile.

GiuliaRebecca Parma 06/07/2020 - 18:17

--------------------------------------

Ammirevole poemetto per una donna senz’altro importante.

Ernesto D’Onise 06/07/2020 - 16:02

--------------------------------------

molto bella

gcr poeta lupo dell'amiata 06/07/2020 - 14:18

--------------------------------------

Incantevolmente bello questo poemetto stilato a poesia che si fa leggere quasi tutto d'un fiato nell'intento di abbracciare insieme all'autore le sensazioni perfettamente stilate. Complimenti!

Maria Luisa Bandiera 04/07/2020 - 08:53

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?