Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forme...
L’autore del tomo- S...
Camouflage...
LA BOMBA DELL'IGNORA...
COZZA...
Andi grori...
Farfallina colorata...
HAIKU C2...
Konnichiwa...
Emozioni...
Granuli...
INCONFONDIBILI...
Parlami ancora...
AMORE PRIGIONIERO...
Il Plagio...
Senza la pace univer...
Il ladro di felicità...
L' INCONTRO...
Solamente attese...
Il tappeto volante...
La Porta Secondaria...
Senza ali...
Haiku n°14...
La poesia ha radici ...
Risvegli...
La fattucchiera...
Abbiamo imposto uno ...
I CANI E GLI ESSERI ...
OGGI SPOSI (juniores...
A26 da Novi Ligure...
Dalle cime alla foce...
Sterpaglie...
I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...
VIAGGIO PER MAR...
A li mortacci...!...
UNA GRANDISSIMA STEL...
La notte dei pensier...
L’autore del tomo- S...
Una voce nel vento...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

La Luce Blu

C'era una volta una stella, e come tutte, si preoccupava di illuminare e riscaldare.
I pianeti e i pochi satelliti del suo sistema erano contenti della loro posizione, e disegnavano ellissi e cerchi intorno a lei.


La vita delle stelle non ha grandi soddisfazioni, specie se non si è nelle grandi costellazioni, quelle che tutti ammirano dando loro significati che sono solo dell'osservatore.


Un giorno la vita però, può cambiare e come nei film migliori è l'arrivo di qualcosa che la cambia. E per lei fu un nuovo pianeta, che nel suo vagare tra le stelle, incontrò il suo sistema ed entrò nella sua orbita.
Sarà stata la novità, certo, o non si sa che accadde, fatto sta che la stella s’innamorò di quel pianeta.
Lo vedeva girare attorno a se nelle sue evoluzioni, ma come succede per la luna rispetto alla terra, mostrava il solito lato.
Certo che erano proprio belle le sue evoluzioni, diverse da quelle di qualunque altro, oltretutto non aveva mai la stessa traiettoria.
Anche questo non la faceva annoiare, era quello che distingue una danza da un corso di ginnastica, il movimento con un senso per la mente, e quello solo per i muscoli.
Anche i colori cambiavano, nel suo amatissimo pianeta; e le stelle se ne intendono vedendo anche i più piccoli cambiamenti da distanze lunghissime.
Così la stella s’illuse che quel pianeta, che intersecava gli altri in tangenti traiettorie, trovasse la sua stabilità orbitale.
Per questo lo seguiva con lo sguardo, sperando di vedere in lui, la sua speranza. E il suo sogno che rimanesse nel suo sistema, piccolo e familiare.


I sogni, purtroppo però, muoiono all'alba e il suo fu' un triste giorno quando vide che il pianeta, venuto da chissà dove, non era più tra quelli del suo sistema.
Se ne era andato come un bel sogno inutile, interrotto dalla luce del mattino.
La stella provò a cercarlo, poi ad aspettarlo.
Magari, dopo un'altra ardita traiettoria, sarebbe tornato, come un boomerang che, saputo tirare, torna docile tra le mani di chi ne è esperto.
Questo non accadde, e la stella rimase con la sua luce a illuminare i suoi pianeti di sempre, anche se la luce calda che prima li illuminava era diventata ora tendente all'azzurro.
Era la luce del solo dovere.


Se ne accorsero, certo, i suoi pianeti, ma i pianeti non possono migrare, e si accontentarono della sua luce divenuta bluastra. In fondo il calore arrivava, e loro continuavano a girarli intorno. Era necessaria.
E lei si accontentò del suo ruolo dispensatrice di luce e calore, sopportando che quello che dava agli altri non lo aveva per se.


Precisa per le albe e tramonti dei suoi pianeti e sognante, nelle sue notti nevose, per ritrovare di nuovo, nel suo sogno, quel pianeta passato a illuminare la sua vita.




Share |


Racconto scritto il 06/07/2020 - 08:07
Da Glauco Ballantini
Letta n.108 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Belloooo!!! Un racconto-favola diverso dai tuoi soliti, e forse per questo piaciuto molto. Ricordo di averti conosciuto proprio con un bel racconto-favola, ed ora ti ritrovo in questo scritto che è pure una bella metafora di certi amori impossibili. Ciaociao Glauco.

Giacomo C. Collins 06/07/2020 - 17:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?